logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Un report su Dimitrovgrad al confine Serbia/Bulgaria di inizio gennaio 2016

Info Park, Balkanroute - Bordermonitoring

19 gennaio 2016

Pubblichiamo la traduzione di questo report (link originale) dei volontari di Info Park, una rete di centri di aiuto ai rifugiati a Belgrado, Dimitrovgrad e Presevo che forniscono gratuitamente informazioni, comunicazioni, sostegno e aiuto.

L’inizio del 2016 è stato molto lento a Dimitrovgrad. L’afflusso di rifugiati era quasi inesistente nei primi giorni del nuovo anno. La città era innevata e le temperature erano molto basse (fino a -12 °C la notte). Le lunghe vacanze natalizie e in particolare l’inizio della stagione di caccia in Bulgaria (che ha spaventato i rifugiati che sono soliti utilizzare piste forestali) hanno portato ad una decrescita di 20-30 rifugiati al giorno.

Questo non è stato sufficiente a mantenere il servizio di autobus per soli rifugiati a Belgrado, così la polizia ha finalmente permesso loro di utilizzare liberamente due treni diretti al giorno per Belgrado. Un permesso di utilizzare il treno alle 12.40 (costo: 9 euro) è stato soprattutto una gradita aggiunta alla programmazione di viaggiare grazie alla coincidenza di Belgrado con un treno alle 21:30 sul confine con la Croazia (Sid), con diversi vagoni riservati ai migranti. Ciò significa che, in realtà, i rifugiati potrebbero raggiungere un confine con la Croazia da Dimitrovgrad (confinante con la Bulgaria) in soli 12 ore e per circa 13 euro.

Dopo la prima settimana di gennaio, i numeri sono iniziati a risalire nuovamente con più di 180 nuovi arrivi registrati al 10 gennaio. C’è un numero crescente di grandi famiglie curde yazide e gruppi con molti bambini (approssimativamente un centinaio) più gruppi di giovani maschi afgani, talvolta non accompagnati che è una delle maggiori preoccupazioni. Molti rifugiati continuano ad arrivare durante la notte in condizioni spesso pessime, stanchi da lunghe camminate al freddo, frustrati dal trattamento cattivo della polizia bulgara o semplicemente bagnati attraversando un fiume vicino. Tutti trovano supporto in un campo di registrazione.

Il crescente numero ha anche portato a ristabilire un servizio di autobus (costo: 30 €) che operano tra il campo di registrazione e Belgrado. Nonostante una consueta pressione dai conducenti di autobus, i rifugiati hanno ora più opzioni per viaggiare. Quando i fondi mancano, il treno è sempre una buona soluzione.

Il supporto dei rifugiati all’interno del campo ha continuato a migliorare, con aiuto 24 ore e 7 giorni su 7, sussiste una norma operativa per tutte le organizzazioni presenti al suo interno (Infopark, Waha, Divac, Croce Rossa). I rifugiati sono stati assistiti con aiuto medico, la fornitura di informazioni, confezioni di cibo, coperte e vestiti, nonché il servizio di traduzione completa in lingua farsi e arabo.

Anche un numero significativo di organizzazioni non autorizzate ad entrare nel campo era presente al di fuori, fornendo aiuti in vestiti e cibo (Praxis, IHO, DRC). L’intero sistema ha funzionato abbastanza bene in modo che nessun rifugiato lasciasse Dimitrovgrad, senza un aiuto e la protezione di qualche tipo.

Links utili:
- Info Park (FB)
- I’m Human Organization - (FB)