Circolare Ministero dell’Interno del 24 luglio 2000 – Protezione sociale

n. 300.C/2000/3903/A/12.214.18/l^ Div.

OGGETTO: “Numero verde” a disposizione delle vittime della tratta di donne e minori al fine dello sfruttamento sessuale. Individuazione di un referente per i responsabili del progetto e le associazioni.

E’ in corso l’attivazione, da parte del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, di un “numero verde” a disposizione delle vittime della tratta di donne e minori.

Le telefonate in arrivo sul predetto numero saranno esaminate da un gruppo centrale di ascolto che potrà smistarle, se del caso, verso una delle 14 postazioni locali distribuite sul territorio nazionale e gestite dagli enti pubblici territoriali legioni, Province, Comuni) anche mediante il ricorso ad operatori delle Associazioni di volontariat6, regolarmente riconosciute, che svolgono attività a favore degli stranieri immigrati.

Il valore a monte del progetto è quello della sinergia tra gli operatori del settore e lo stesso mondo del non profit, nella coscienza che per operare efficacemente in tali ambiti bisogna aprirsi all’esterno, inquadrando e recependo anche valori e procedure non istituzionalmente rientranti in quelle dell’Amministrazione.

Nel corso delle riunioni illustrative del progetto è stato sottolineato il particolare contributo che potrà essere fornito dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza e dalle Questure alla riuscita del progetto, con particolare riferimento all’art. 18 del T.U. sull’immigrazione (D. Leg. nr. 286/1998: permesso di soggiorno per motivi di protezione sociale).

In particolare, appare necessario che in ogni Questura vengano individuati uno o più referenti, al fine di creare un canale privilegiato di contatto tra gli uffici di polizia, responsabili del “numero verde” e le associazioni. Inoltre, attesa la notevole incidenza del fenomeno della tratta proprio tra le donne ed i minori stranieri, appare opportuno che tali referenti siano individuati tra i funzionari degli Uffici Stranieri delle Questure.

Pertanto, le SS.LL. comunicheranno il nominativo del funzionario referente direttamente al “numero verde”, che si fa riserva di indicare con successiva comunicazione, e per conoscenza al Servizio Immigrazione e Polizia di Frontiera di questo Dipartimento.

Il Capo della Polizia

De Gennaro