La Norvegia respinge i migranti senza visto

Eszter Zalan, EuObserver, 30 dicembre 2015

La Norvegia ha proposto martedì (29 dicembre) un inasprimento delle norme del paese in materia d’asilo, includendo il respingimento dei richiedenti asilo che arrivano senza visto dalla zona Schengen senza passaporto, in particolare dalla Svezia.

Il progetto di legge, ancora da adottare da parte del Parlamento, vuole essere “una delle più dure in Europa” norme sull’immigrazione, secondo il governo appoggiato dalla destra.

Le misure, volte a rendere la Norvegia meno interessante per rifugiati e migranti, renderanno ancora più difficile per i rifugiati portare i membri della famiglia in Norvegia, consentendo i ricongiungimenti familiari solo dopo che il richiedente ha acquisito quattro anni di lavoro o di istruzione nel paese.

Le misure proposte dovrebbero anche rendere più difficile ottenere prestazioni sociali, che saranno basate su un sistema di buoni, piuttosto che le indennità di cassa, evitando che le persone inviino i soldi a casa, e aumentando i requisiti di permesso di soggiorno permanente.

Si vorrebbe anche iniziare a rimandare indietro le persone che vogliono entrare in Norvegia da altri paesi senza passaporto e visto e ai migranti che arrivano con i visti di transito dalla Russia non sarebbe consesso loro asilo.

La Norvegia non è membro dell’Unione europea, ma è parte dello spazio Schengen, che non ha passaporto o controlli alle frontiere.

La maggior parte delle almeno 30.000 persone in cerca di asilo in Norvegia quest’anno hanno attraversato il confine dalla Svezia.

Nelle ultime settimane, il paese ha visto un minor numero di arrivi, in parte a causa della reintroduzione dei controlli alle frontiere nella vicina Svezia e il freddo inverno.

Le misure proposte sono sotto stretta osservazione dalle associazioni per i diritti, che denunciano la creazione di una situazione a collo di bottiglia in Grecia e in Italia, dove la maggior parte delle persone entrano in Europa per poi passare al paese in cui in realtà cercano asilo.

“E’ molto grave che i politici stanno usando misure punitive che renderebbero la vita più difficile per un certo numero di richiedenti asilo che hanno diritto a protezione”, Andreas Furuseth, dell’Organizzazione norvegese per richiedenti asilo, è stato citato da AP agenzia di stampa.

Tuttavia, il nuovo ministro dell’immigrazione norvegese Sylvi Listhaug della Partito di destra del progresso, partner della coalizione minore, sostiene che la nuova legge migliorerà la vita degli immigrati legali.
Ha detto l’agenzia di stampa NTB che le regole dure erano “necessarie in modo da poter accogliere coloro che vengono qui, di stabilirsi e di integrarli.”

Meno attrazione

Listhaug ha anche detto che le regole di chiusura in materia di asilo del paese si rendono necessarie per evitare “conseguenze violente” per il sistema di welfare, AP.

I rifugiati hanno diritto a molti degli stessi vantaggi sociali, come i norvegesi nel paese nordico, le cui risorse di petrolio e gas in mare aperto l’hanno resa nel mondo una delle più ricche su base pro-capite.

Quest’anno più di 30.000 persone hanno cercato protezione internazionale in Norvegia, un paese di 5 milioni di abitanti.

Listhaug ha detto che tra 10.000 a 100.000 persone avrebbero dovuto chiedere asilo in Norvegia nel 2016.
All’inizio di questo mese, la Norvegia ha creato un ministero speciale dedicato alle questioni della migrazione. In quel momento, il primo ministro Erna Solberg aveva detto che il numero di immigrati aveva messo “troppa pressione” al ministro della Giustizia di Anders Anundsen.

Attualmente, la Norvegia offre asilo su una base più ampia di quelle considerate ai rifugiati secondo gli standard delle Nazioni Unite.