/

Torino – Convegno internazionale “Desaparecidos e migranti nel Mediterraneo e nelle Americhe”

Lunedì 12 dicembre 2016 presso il Palazzo del Rettorato

Lunedì 12 dicembre 2016 il Palazzo del Rettorato a Torino ospiterà il convegno “Desaparecidos e migranti nel Mediterraneo e nelle Americhe”, organizzato dal Comitato Unito-America Latina e Caraibi dell’Università di Torino e da CarovaneMigranti.

Il convegno unisce voci di studiosi e di testimoni sul tema dei nuovi desaparecidos e della sparizione forzata in America Latina. Tuttavia vuole principalmente essere una dimostrazione di presenza e accompagnamento internazionale per le tante madri, tunisine, messicane, colombiane che continuano a cercare i loro figli desaparecidos.

Introdotti dal professor Franco Prono, si alterneranno a parlare ospiti importanti quali Enrico Calamai, portavoce del Comitato Verità e Giustizia per i nuovi desaparecidos nel Mediterraneo, già viceconsole italiano in Argentina nei tempi della dittatura; Nawal Soufi, attivista marocchina che vive a Catania fin da bambina e che da anni si occupa di prima accoglienza, ricevendo SOS dal mare giorno e notte e allertando la guardia costiera e che, grazie al suo attivismo spontaneo e tenace, ha ricevuto il premio cittadina europea 2016; Luis Eliud Tapia Olivares, avvocato messicano e portavoce delle famiglie di Ayotzinapa.

Ampio spazio verrà dato alla comprensione del fenomeno dei nuovi desaparecidos nel Mediterraneo e ai, per ora vani, tentativi di pressione sui governi affinché si proceda all’identificazione dei cadaveri e soprattutto al ritrovamento degli scomparsi, il cui arrivo sulle coste italiane è per molti comprovato da foto e video.

Questo perché, come ha più volte ribadito l’ex console Calamai, ricordare i crimini del passato assume rilievo e significato solo alla luce della lettura e dell’impegno civile e sociale nel presente.

A tal proposito Giacomo Donadio racconterà come CarovaneMigranti si prenda il compito di comprendere e mettere in relazione fenomeni simili per quanto distanti nel tempo e nello spazio, e Federica Sossi, dell’Università di Bergamo, attiva nella rivendicazione dei diritti delle famiglie dei desaparecidos tunisini, spiegherà l’importanza di sollecitare l’intervento istituzionale di entrambe le sponde del Mediterraneo nelle ricerche e nei riconoscimenti.

Gli interventi del pomeriggio, moderati da Sergio Bortolani, saranno incentrati sulla lettura e l’interpretazione della realtà attuale dell’area centro e sudamerica, con particolare attenzione alle violazioni dei diritti umani, agli accordi di pace e ai tentativi di far luce sui massacri e le sparizioni forzate, in primis in caso messicano di Ayotzinapa.

Fondamentali a riguardo, oltre alla presenza sopracitata dell‘avvocato Tapia Olivares, gli interventi di Silvia Giletti del Comitato Unito-America Latina e Caraibi e attivista di CarovaneMigranti e di Ana Cristina Vargas, Direttrice della Fondazione Ariodante Fabretti.

La giornata si concluderà con un workshop, coordinato da Gianfranco Crua di SUR e CarovaneMigranti, dal titolo “Verso quali rotte? Le loro e le nostre“.

Gradita la partecipazione attiva di tutte le persone interessate ai temi.

Photo credit: Ruben Figueroa (Carovana delle madri dei migranti scomparsi)
Photo credit: Ruben Figueroa (Carovana delle madri dei migranti scomparsi)

Programma

Università degli studi di Torino
Comitato Unito – America Latina e Caraibi, già Uni-Cuba

Convegno Internazionale Progetto Diritti Umani e Globalizzazione
Desaparecidos e migranti
nel Mediterraneo e nelle Americhe

Palazzo del Rettorato, Sala Principi d’Acaja,
Via Verdi 8, Torino
12 dicembre 2016, dalle ore 10.00

ore 10.00 Saluti
Gianmaria Ajani, Rettore Università degli Studi di Torino
Franco Prono, Presidente del Comitato Unito-America Latina e Caraibi
Giampiero Leo, Vice Presidente del Comitato per i Diritti Umani della Regione Piemonte
Sergio Bortolani, Università degli Studi di Torino

ore 10,30
Introduce e modera Franco Prono, Università degli Studi di Torino

Giacomo Donadio, CarovaneMigranti – Comitato Verità e Giustizia per i nuovi desaparecidos nel Mediterraneo
Vecchi” e “nuovi” desaparecidos.
Il viaggio di CarovaneMigranti come tentativo pratico di prossimità e comprensione di fenomeni simili

ore 10,50
Federica Sossi, Università degli Studi di Bergamo
Nel tempo dell’ossessione. Rivendicazioni di presenza tra una sponda e l’altra del Mediterraneo

ore 11,10 Pausa

ore 11,30
Enrico Calamai, Portavoce del Comitato Verità e Giustizia per i nuovi desaparecidos nel Mediterraneo, già viceconsole italiano in Argentina nei tempi della dittatura
Desaparecidos, ieri e oggi

ore 11,50
Nawal Soufi, Attivista italo-marocchina, Premio cittadina europea 2016
Corridoi umanitari subito!

ore 12,10-12,50 Dibattito

ore 14,30
Introduce e modera Sergio Bortolani, Università degli Studi di Torino

Silvia Giletti, Comitato Unito-America Latina e Caraibi – CarovaneMigranti
La desaparición e le sue orme

ore 14,50
Ana Cristina Vargas, Direttrice Fondazione Ariodante Fabretti – Università degli Studi di Torino
Gli accordi di pace in Colombia e i desaparecidos: fra incertezze e speranze

ore 15,10
Luis Eliud Tapia Olivares, Centro Prodh (Centro de Derechos Humanos Pro Juárez), México
Ayotzinapa, el rostro de la grave crisis de derechos humanos en México

ore 16,15 Pausa

ore 16,30-17,30 Taller e Dibattito
Introduce e modera Gianfranco Crua, Società Umane Resistenti, CarovaneMigranti
Verso quali rotte? Le loro e le nostre

Links utili:
CarovaneMigrantiPagina FB
nuovidesaparecidos.net

Marta Peradotto, Carovane Migranti

Attivista di CarovaneMigranti, vive a Torino e insegna in una scuola primaria. Ha partecipato alla carovana #Overthefortress a Idomeni a marzo 2016 e ha visitato vari campi profughi governativi e spontanei ad Atene, Salonicco e sulle isole greche (Lesvos). In Italia ha avuto modo di conoscere e partecipare da indipendente ai presidi di Ventimiglia e Como.