L’accordo tra Unione Europea e Turchia per fermare il flusso migratorio è fallito

Marianna Karakulaki e Dimitris Tosidis, Deutsche Welle - 4 aprile 2017

Photo Credit: Dimitris Tosidis (Thessaloniki)

Un anno fa Idomeni, la cittadina al confine tra Grecia e Macedonia che è diventata il simbolo della speranza per migliaia di rifugiati, era gremita di persone. Pochi giorni prima era entrato in vigore l’accordo tra UE e Turchia , ma nonostante ciò, migliaia di persone speravano ancora nell’apertura dei confini.

Oggi Idomeni è vuota; un cartello con la scritta “speranza” e una recinzione tra i due Paesi sono gli unici elementi rimasti a ricordare che un tempo quello era il più grande campo rifugiati in Europa. Di tanto in tanto volontari stranieri che visitano l’area vengono immediatamente portati alla stazione di polizia del paese per essere interrogati; i giornalisti necessitano di un’autorizzazione da parte delle autorità greche per entrare e vengono scortati dai soldati dell’esercito greco.

Frontex, l’agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, ha recentemente schierato i suoi agenti per assistere le autorità greche a prevenire gli attraversamenti irregolari del confine nell’area. L’attuale missione di Frontex conta 40 agenti, tra cui degli specialisti nell’identificazione di documenti falsi e pattuglie che controllano il confine greco-macedone e i treni merci che passano al fine di individuare persone che potrebbero tentare l’attraversamento per giungere lo Stato confinante.

C’è un certo movimento verso il nord Europa. Attualmente, i numeri non sono poi così alti, ma durante i primi due mesi di quest’anno si parla di un paio di migliaia di persone” ha affermato il portavoce di Frontex, Ewa Moncure.

Attraversamento con il GPS

Mohammed, 24 anni, uno studente di ingegneria siriano, sta aspettando di essere ricollocato nel nord Europa. I suoi amici lo chiamano Mr. Sorriso perché il suo volto è sempre sorridente, nonostante le disavventure. È arrivato in Grecia con suo fratello prima della chiusura dei confini. Al loro arrivo hanno preso entrambi un foglio con un numero che indicava il loro turno per attraversare il confine. Suo fratello è entrato in Macedonia il giorno prima della chiusura del confine, ma Mohammed è rimasto indietro. Dopo essere stato per un po’ di tempo a Idomeni, ha deciso di attraversare il confine illegalmente per ritrovare suo fratello.

Ho attraversato il confine con l’aiuto di alcuni amici e usando il GPS del mio cellulare. Abbiamo camminato per nove ore, abbiamo attraversato il fiume vicino al confine e una volta arrivati in Macedonia abbiamo girato attorno alla città di Gevgelija perché c’erano troppi poliziotti. Appena abbiamo trovato i binari del treno abbiamo iniziato a costeggiarli e siamo arrivati così al campo rifugiati di Gevgelija”, ha raccontato Mohammed.

2-2.png

Dopo mesi di attesa, Mohammed e suo fratello hanno deciso di tornare in Grecia per fare la domanda per il ricollocamento: loro ne hanno la possibilità perché vengono dalla Siria, altri non sono così fortunati.

Scomparire

Centinaia, se non migliaia, di rifugiati sono “scomparsi” dai campi in Grecia: alcuni hanno già raggiunto l’Europa, altri sono andati in Turchia autonomamente, altri ancora hanno fatto ritorno in Siria.

Accanto al famigerato campo rifugiati di Softex, vicino a Salonicco, i treni merci partono regolarmente per destinazioni europee, in particolare la Germania. I rifugiati vivono all’interno dei vecchi vagoni arrugginiti e prendono il cibo dal campo vicino; non hanno né soldi per andare da altre parti, né la possibilità di essere ricollocati o di ricevere asilo in Grecia, dal momento che la maggior parte di loro proviene da Algeria, Tunisia e Marocco. Sono tutti in attesa di trovare l’occasione giusta per saltare su un treno nel tentativo di raggiungere il nord Europa.

Quando Deutsche Welle ha fatto visita al campo, le autorità greche avevano appena fermato 20 persone che avevano cercato di salire su uno dei treni.

3-30.jpg

Ci proverò, ma è molto pericoloso” ha affermato un ragazzo algerino.

L’arte dei trafficanti

Ci sono poi coloro che si possono permettere di rivolgersi ai trafficanti per essere condotti in Europa. Nonostante l’accordo UE-Turchia e il controllo dei confini di tutta Europa, la chiusura della rotta balcanica ha permesso ai trafficanti di uomini di ricominciare a fare affari.

Un palazzo abbandonato nel centro di Salonicco è diventato il riparo per i rifugiati senza tetto che non possono avere accesso ai campi e per coloro che sono in attesa di un segnale dei trafficanti per spostarsi.

Abdullah, rifugiato afghano di 23 anni e studente di medicina, è cresciuto in Pakistan. La sua famiglia è fuggita dai Talebani prima che lui nascesse. Quando il governo pakistano ha varato una linea dura nei confronti degli afghani nel Paese, lui è tornato in Afghanistan, ma dopo due mesi ha deciso di andarsene. Dopo un pericoloso viaggio ha raggiunto la Grecia attraverso il fiume Evros, il confine naturale tra Grecia e Turchia.

All’inizio ha cercato di raggiungere l’Italia via mare dal porto di Patrasso, nel sud della Grecia, ma è stato arrestato e incarcerato per alcuni giorni. Una volta rilasciato, la polizia gli ha dato un foglio che gli permetteva di rimanere in Grecia per un mese, vietandogli di avvicinarsi alle zone di confine e ad Atene. La sua unica possibilità ora è quella di fare richiesta di asilo in Grecia. Nonostante ciò, vuole riprovare a raggiungere l’Europa.

Sono andato ad Atene e ho pagato un trafficante 3,400 euro (3,620 dollari) per avere un passaporto, ma sto ancora aspettando che mi chiami”, ha detto. “Continuerò ad aspettare e a provare, è l’unica possibilità che mi rimane. Voglio andare in Francia e incontrare mio cugino, con cui sono cresciuto”.

4-23.jpg

Mentre Deutsche Welle stava parlando con Abdullah, un nuovo gruppo di rifugiati afghani è arrivato a Salonicco. Hanno affermato di essere stati picchiati pesantemente dalle autorità al confine con la Bulgaria, spogliati dei loro vestiti e lasciati senza niente se non gli indumenti intimi.

Abdullah è teso e preoccupato. Sono passati 15 giorni da quando ha pagato migliaia di euro per ricevere il suo passaporto falso, ma non ha ancora avuto notizie dai trafficanti. Il permesso rilasciato dalla polizia che gli consentiva di rimanere un mese in Grecia è scaduto il giorno prima e teme di essere arrestato nuovamente. Vuole disperatamente avere delle risposte riguardo al suo status.

Se qualcuno dovesse chiedere il mio consiglio riguardo al viaggio, gli direi di non venire. È molto pericoloso restare qui”, ha detto con voce tremante.