Un’azione solidale per le donne confinate sull’isola greca di Lesvos

Sostieni il progetto! Fai una donazione

Hygienic kit for women in Moria camp in Lesvos
Kit igienico per donne nel campo di Moria a Lesbo

Dona prodotti igienici alle donne confinate in Grecia nel campo di Moria sull’isola-hotspot di Lesbo
Donate hygienic products to women confined in Greece inside Moria camp on the hotspot-island of Lesvos

Di ritorno dal viaggio di inchiesta promosso dal Progetto Melting Pot Europa sull’isola di Lesbo nel mar Egeo in Grecia, epicentro e passaggio obbligatorio della rotta migratoria che attraverso la Turchia porta in Europa, abbiamo deciso di lanciare la campagna #LesvosCalling per attivare progetti ed iniziative di solidarietà concreta per le migliaia di persone confinate a Lesvos e sulle altre isole greche davanti alle coste turche.

Contesto generale

17.000 tra donne, bambini e uomini vivono dentro e fuori il campo di Moria, accampate all’interno di tende o baracche improvvisate attendendo fino anche a due anni l’inizio del proprio iter per la domanda d’asilo. Ciò è causato dalle politiche di chiusura dei confini da parte della governance europea e dell’ignobile accordo firmato tra Unione Europea e Turchia il 18 marzo 2016. (Per approfondire clicca qui)

Le donne

Un’emergenza umanitaria in cui le donne, che rappresentano il 30% del campo, soprattutto quelle sole, sono tra i soggetti più vulnerabili: non solo subiscono varie forme di violenza durante il viaggio verso l’Europa, ma una volta arrivate nell’hotspot vengono completamente abbandonate a loro stesse, senza alcun servizio specifico a loro dedicato.

La mancanza di sicurezza, privacy, acqua calda e servizi specifici rende molto difficoltose le più elementari azioni di base di cura ed igiene della persona: andare in bagno di notte o farsi una doccia non sono una banalità. Al momento dell’arrivo al campo, vengono consegnati loro pochi beni, tra cui una manciata di assorbenti igienici: gli unici forniti gratuitamente. Se sono “fortunate” e hanno con sé del denaro possono acquistarli autonomamente, altrimenti sono costrette ad utilizzare panni, carta igienica o fogli di giornale.
A questo link la testimonianza di una donna da Moria

Obiettivo del progetto

Questa azione della campagna è volta a donare assorbenti igienici biodegradabili, detergenti intimi e biancheria alle donne che si trovano nel campo di Moria. Sopravvivere in condizioni inumane inasprisce i tabù legati alla corporeità femminile. Rendere accessibili gli assorbenti igienici significa garantire dignità e libertà di scelta, come quella di uscire dalla propria tenda senza sentirsi a disagio. Fornire del detergente e biancheria intima nuova e pulita significa prevenire malattie ed infezioni, che sono un rischio costante cui ogni donna è esposta.

Puoi donare la cifra che desideri, scegliendo uno o più kit:
Kit da 10€: 2 confezioni di assorbenti biodegradabili (28 pz) oppure 1 confezione di sapone intimo oppure 6 paia di slip;
Kit da 15€: 2 confezioni di assorbenti biodegradabili (28 pz) oppure 1 confezione di sapone intimo e 3 paia di slip;
Kit da 20€: 2 confezioni di assorbenti biodegradabili (28 pz) e 1 confezione di sapone intimo;
Kit da 30€: 4 confezioni di assorbenti biodegradabili (56 pz), 1 confezione di sapone intimo e 6 paia di slip.

Chi siamo

Siamo una rete di associazioni e gruppi informali impegnata in progetti ed iniziative di mutualismo, supporto diretto alle persone, informazione e sensibilizzazione sui temi dei diritti e dell’antirazzismo.
Nelle città organizziamo scuole di italiano, sportelli di supporto giuridico, laboratori artistici per promuovere la creatività delle persone; riteniamo però che per garantire i diritti sia necessario agire su scala europea.
#Lesvoscalling è una campagna solidale aperta alla partecipazione di tutte e tutti coloro che ne vorranno far parte attivamente.

Per partecipare alla campagna scrivi a lesvoscalling@gmail.com

Promuovono e sostengono (in aggiornamento):
Progetto Meltingpot Europa; Associazione Open Your Borders – Padova; Centro Sociale Bruno – Trento; Welcome Refugees – Vicenza; Talking Hands – Treviso; Casa dei beni comuni – Treviso; CSO Django – Treviso; Associazione Caminantes – Treviso; CS Bocciodromo – Vicenza; Non Una Di Meno – Vicenza; CSO Pedro – Padova; Scuola di italiano Liberalaparola – Padova; CSA Arcadia – Schio; Parole in Movimento – Venezia; Centro sociale Rivolta – Marghera; Scuola di italiano Libera La Parola – Trento; Bozen Solidale; Spazio Autogestito 77 Bolzano; Non Una Di Meno – Venezia; …

Cosa faremo con i tuoi soldi

I fondi verranno utilizzati per finanziare l’acquisto di prodotti sanitari indirizzati a donne che sono confinate nel campo di Moria sull’isola greca di Lesbo. Prevediamo una prima consegna dei prodotti entro i primi dieci giorni di gennaio 2020.
Sull’isola operano circa 90 associazioni e ONG: la gestione e la distribuzione dei prodotti sarà affidata ad alcuni partner locali del progetto.

Cosa altro posso fare?

– fai un bonifico bancario a favore di Associazione Open Your Borders, codice IBAN IT45U0501812101000016701989, con causale: “Lesvoscalling”;
– aiutaci nella promozione del progetto condividendo questa pagina sui tuoi canali social (Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn, …)
– segnala questa raccolta fondi ai tuoi contatti su Whatsapp, Telegram, Signal, Snapchat …
– Organizza un evento di raccolta fondi e informaci, scrivici a: lesvoscalling@gmail.com.

#Lesvoscalling

Una campagna solidale per la libertà di movimento
Dopo il viaggio conoscitivo a ottobre 2019 a Lesvos e sulla Balkan route, per documentare e raccontare la drammatica situazione sull'isola hotspot greca e conoscere attivisti/e e volontari/e che si adoperano a sostegno delle persone migranti, è iniziata una campagna solidale lungo la rotta balcanica e le "isole confino" del mar Egeo.
Questa pagina raccoglie tutti gli articoli e il testo di promozione della campagna.
Contatti: lesvoscalling@gmail.com