Senegal – L’attuale emergenza legata al Covid-19 non può essere efficacemente affrontata nel Paese del richiedente

Tribunale di Perugia, decreto del 21 settembre 2020

Una decisione che sospende l’efficacia del decreto di rigetto emesso in primo grado, in pendenza di ricorso per Cassazione .
Nel caso in esame il Tribunale perugino ha accolto la richiesta di sospensione dell’efficacia della decisione impugnata, accogliendo la tesi difensiva. Infatti ha ritenuto che l’attuale emergenza pandemica legata al covid-19 non possa essere efficacemente affrontata nel paese del richiedente, il Senegal, in cui benché esista un sistema sanitario pubblico le prestazioni sono perlopiù a pagamento e assai costose. Inoltre il Tribunale ha posto l’accento sulla inadeguatezza delle condizioni igienico-sanitarie del Senegal; sulla poca formazione del personale nonché sulla scarsezza di medici nelle zone rurali del paese, dove vive il 60% della popolazione attiva. Infine sussiste il rischio legato alla presenza latente della tubercolosi.
Tutto ciò in caso di rimpatrio esporrebbe il ricorrente ad un pregiudizio ulteriore e grave.

– Scarica il decreto
Tribunale di Perugia, decreto del 21 settembre 2020