/

Grecia: rifugiati ufficialmente riconosciuti come tali dormono per strada, come scarti del programma dell’Unione Europea

Comunicato stampa di La Luna di Vasilika ONLUS, One Bridge to Idomeni, Aletheia RCS

È il 14 febbraio quando sentiamo parlare per la prima volta dell’Hotel Iliochari. Alcuni video cominciano a circolare sui social media: è una domenica piovosa, più di 200 adulti e bambini si ritrovano all’aperto, dopo essere stati sfrattati dagli alloggi temporanei nei quali la maggior parte di loro stava da tre anni. Rischiano di diventare “senzatetto” e cercano di farsi sentire.
index3-2.jpg

Essendo la nostra missione in Grecia di base a Corinto, raggiungiamo la cittadina di Agioi Theodoroi, dove si trova l’Hotel Iliochari, in 20 minuti di macchina. Una volta arrivati, cerchiamo di capire la situazione e le necessità più urgenti: assistenza medica e cibo, visto che le scorte sono terminate da tempo. Tuttavia, i rifugiati chiariscono subito che la loro prima e più importante richiesta sono i documenti ufficiali di riconoscimento che sono stati promessi da mesi, anni.

Con l’obiettivo di “alleviare le sofferenze dei migranti e dei rifugiati vulnerabili che risiedono in condizioni deplorevoli” nelle isole greche, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) ha avviato il programma Filoxenia nell’ottobre del 2018. Secondo IOM, circa seimila persone sono state trasferite dalle Isole verso la terraferma, nelle strutture affittate dal governo greco. Iliochari era uno dei 79 hotel in tutto il paese facente parte di questo accordo.

A gennaio, il governo greco ha annunciato la fine del programma finanziato dall’UE, chiudendo questi rifugi temporanei prima che molti trovassero nuove case. La soluzione prospettata era che le persone a cui era stato concesso l’asilo avrebbero finalmente ottenuto i loro passaporti. Poiché questa promessa non si è concretizzata, l’opzione avanzata da IOM era quella di ricollocare le persone nei campi, come era accaduto con gli hotel che avevano chiuso in precedenza.

La maggior parte delle persone a Iliochari ha già ottenuto la protezione internazionale ed ha quindi diritto di ricevere i propri documenti. Ma nella stragrande maggioranza dei casi sono famiglie numerose ed in molti casi, tutti i membri hanno ricevuto i loro documenti tranne uno, il che significa che l’intera famiglia rimane bloccata.

Queste persone si trovano a Iliochari dal 2017, non hanno beneficiato di alcun tipo di strategie di integrazione: i bambini non sono stati ammessi nelle scuole greche nonostante gli sforzi dei genitori. Questi, incapaci di trovare un lavoro e privi dei mezzi per diventare autosufficienti, rifiutano di tornare nei campi, poiché perpetuerebbe solo il loro tempo di attesa. “La nostra richiesta non è impossibile. Vogliamo solo fissare un appuntamento con i servizi di asilo per ricevere i nostri documenti. Così, potremo spostarci in altri paesi e trovare un lavoro”, riferisce Tahhan, uno dei richiedenti asilo a Iliochari.
index-20.jpg
Entro la prima settimana di marzo, la maggior parte delle famiglie ospitate ad Agioi Theodoroi ha ricevuto i documenti e ha preso la propria strada. Tuttavia, ci sono ancora circa 70 persone in attesa, metà delle quali bambini. Anche dopo uno sfratto della polizia, il proprietario dell’hotel ha continuato ad aprire loro le porte di notte, in modo che potessero dormire in una struttura protetta. Per diversi giorni sono stati avvertiti che l’elettricità e l’acqua sarebbero state interrotte, altrimenti il proprietario avrebbe rischiato di indebitarsi. È successo questa settimana: “Abbiamo solo l’aria, non hanno tagliato l’aria. Possiamo solo respirare, senza cibo né acqua“.

La situazione ad Agioi Theodoroi è lo specchio di quanto sta accadendo in altre strutture ricettive del programma Filoxenia in tutto il Paese. A Sparta, 70 persone sono state trasferite in uno stadio per diversi giorni, dopo essere state sfrattate. Mentre alcuni rifugiati hanno ricevuto i passaporti e se ne sono andati, altri sono stati trasferiti a Skaramagas, uno dei più grandi campi della Grecia continentale.

All’Hotel Stefania, un’ora a nord di Atene, vivono ora per strada circa 70 migranti sfollati che non possono permettersi un posto dove dormire. In collaborazione con altre organizzazioni, abbiamo trasferito le persone più vulnerabili in un altro hotel ad Atene, inclusa, ad esempio, una donna nell’ultimo periodo di gravidanza.

Al Stefania gli sgomberi della polizia sono diventati brutali. Secondo uno dei richiedenti asilo, gli agenti di polizia sono entrati nelle stanze alle 7 del mattino e hanno iniziato a sfrattare le persone che ancora dormivano. Circa 10 uomini sono stati separati dalle loro famiglie e portati alla stazione di polizia senza ulteriori spiegazioni. Lì, sono state poste diverse domande, come “Sapevi che dovevi uscire?” o “Quanti soldi ricevi [nell’ambito del programma Filoxenia]?“. Sono state raccolte anche nuove impronte digitali. Avevano a disposizione un solo telefono cellulare che usavano per comunicare con i loro parenti nell’hotel dove erano ancora in corso gli sgomberi. Le loro famiglie sono state minacciate che se non fossero usciti dall’hotel, gli uomini trattenuti nella stazione di polizia non sarebbero stati autorizzati a tornare. Alla fine, sono stati rilasciati dalla stazione di polizia intorno alle 16:00 per raggiungere le loro famiglie, accampate all’aperto con le loro poche cose.
index5-2.jpg
Quello che è successo mi ha ricordato il mio paese, la Siria. Quando il regime di Assad effettuava le retate, venivano quando le persone dormivano. Ci toglievano i cellulari, donne e bambini piangevano. E non abbiamo potuto continuare a vivere li, siamo scappati“, ci confida Hasan. “Quando sono entrato in questo Paese, speravo che tutto sarebbe andato bene, dopo essere scappato dalla guerra. Ma sono sorpreso, preoccupato e spaventato, specialmente quando mia moglie ed i miei figli piangono. Ho pensato: «È possibile che questo mi stia succedendo in un Paese europeo, che consideravo un porto sicuro per me e la mia famiglia?».

Fuori dall’Hotel Iliochari, la gente ha iniziato a contare le notti, piuttosto che i giorni.


Sono cinque notti che la maggior parte di noi dorme fuori, senza alcun risultato o effetto”, ha ricordato Tahhan.

Cercando di trovare una via d’uscita da questa situazione, i rifugiati si sono incontrati più volte con il sindaco e hanno cercato di contattare IOM, senza successo. “Rispettiamo tutti, ma questa ultima decisione del ministero dell’Immigrazione ci sta seriamente danneggiando. Le nostre vite sono in pericolo e non possiamo più essere pazienti“, ha aggiunto.

Nell’ultimo mese, ci rechiamo all’Hotel Iliochari quasi tutti i giorni. Cerchiamo di comprendere le loro esigenze e di rispondere nei modi in cui possiamo: assistenza sanitaria, il cibo e l’acqua, i kit per l’igiene e più recentemente, le tende, le coperte o i fornelli da campeggio. Poco o niente possiamo fare per aiutarli per quanto riguarda le questioni legali, i documenti e le pratiche burocratiche, nonché per una soluzione di alloggio a lungo termine. I numeri sono troppo elevati, man mano che gli hotel chiudono, si aggiungono centinaia di persone.

Forse, il supporto più prezioso è essere lì, ascoltare le loro preoccupazioni e angosce e cercare di smuovere l’opinione pubblica. Far sentire la loro voce.

È quasi un mese che assistiamo al peggioramento di questa situazione. Istituito come “rifugio temporaneo e protezione per i migranti più vulnerabili in Grecia“, il programma Filoxenia ha sempre avuto una conclusione programmata. Tuttavia, è inconcepibile che non ci fosse un piano B per queste persone a cui era già stata concessa la protezione. In questi centri di accoglienza, erano fuori dalla vista e convenientemente fuori dalla mente.

Adesso sono per strada, ma non chiedono molto: solo i documenti che hanno il diritto di ricevere, per poter partire e mettere radici altrove che in questi marciapiedi.

La Luna di Vasilika ONLUS, One Bridge to Idomeni, Aletheia RCS