//

Messico, rapporto HRW: abusi contro i richiedenti asilo al confine con gli Stati Uniti

Migranti venezuelani e di altre nazionalità vittime di sequestri, estorsioni e mancanza di accesso a servizi essenziali

(Washington D.C.) – Numerosi richiedenti asilo rimpatriati in Messico dal governo dell’ex presidente americano Donald Trump hanno subito violenze ed estorsioni da parte di poliziotti, agenti migratori e gruppi criminali messicani, ha dichiarato Human Rights Watch.

Dal gennaio 2019, in pratica, gli Stati Uniti hanno chiuso le loro frontiere meridionali ai richiedenti asilo, per cui molti sono stati vittime di abusi in Messico. Il governo Trump, nell’ambito del programma Quédate en México (Rimani in Messico, ndR.), ha rimpatriato più di 71mila richiedenti asilo in Messico mentre le loro domande di asilo erano trattate negli Stati Uniti. Inoltre, dal marzo 2020, il governo degli Stati Uniti ha espulso più di 400.000 migranti, molti dei quali in Messico, tra cui alcuni che cercavano protezione internazionale e ai quali hanno negato la possibilità di domanda d’asilo. Queste ultime espulsioni sono state effettuate invocando restrizioni di viaggio imposte per impedire la propagazione del Covid-19.

Gli intervistati hanno affermato di temere di denunciare i reati e gli abusi subiti in Messico alle autorità messicane e che spesso non potevano ottenere i documenti necessari per lavorare, ricevere cure mediche o mandare i figli a scuola. Quasi la metà dei richiedenti asilo del programma Quédate en México hanno perso i loro casi dopo aver mancato le loro udienze migratorie negli Stati Uniti. Human Rights Watch ha parlato con famiglie che non si sono presentate in tribunale perché erano state rapite in Messico. Altre erano state trasportate nel sud del paese dal governo messicano e si trovavano a migliaia di chilometri da dove era prevista l’udienza.

Decine di migliaia di famiglie migranti, tra cui venezuelani che cercavano protezione contro la tortura, la persecuzione politica e gli arresti arbitrari, sono state abbandonate dai governi di Stati Uniti e Messico in un contesto in cui subiscono estorsioni e violenze in Messico“, ha sostenuto José Miguel Vivanco, direttore per le Americhe di Human Rights Watch. “Di fronte ai passi positivi che il Presidente Biden sta compiendo per invertire alcune delle politiche migratorie più abusive del governo di Trump, Il Presidente López Obrador ha molta più difficoltà a guardare altrove mentre funzionari messicani continuano a commettere abusi contro migranti“.

Il Presidente Joe Biden deve garantire che i piani per eliminare Quédate en México includano i richiedenti asilo i cui casi sono stati ingiustamente scartati mentre erano in Messico, e porre fine alla politica che permette agli Stati Uniti di espellere i migranti in Messico senza un giusto processo. Il Presidente Andrés Manuel López Obrador deve assicurarsi che i richiedenti asilo ancora in attesa in Messico possano lavorare e accedere alle cure mediche e all’istruzione e che coloro che hanno commesso reati contro migranti, tra cui poliziotti e agenti di migrazione, rispondano davanti alla giustizia.

Come parte del lavoro di ricerca e monitoraggio costante sulla crisi in Venezuela, che ha fatto fuggire più di 5,5 milioni di persone dal paese, tra settembre e dicembre 2020 Human Rights Watch ha intervistato 71 venezuelani che avevano attraversato il Messico per chiedere asilo negli Stati Uniti e sono stati inviati in Messico per aspettare mentre le loro richieste in fase di elaborazione, nel quadro del programma Quédate en México. La maggior parte viaggiava con i propri partner, figli o altri familiari. Human Rights Watch ha anche parlato con funzionari pubblici, organizzazioni umanitarie e di difesa dei diritti dei migranti e con due avvocati che rappresentano i richiedenti asilo. In molti casi, ha consultato le prove che erano coerenti con le testimonianze, come ad esempio fotografie, documenti migratori e rapporti di polizia.

Le conclusioni di questa pubblicazione coincidono con precedenti indagini di Human Rights Watch, per le quali abbiamo intervistato richiedenti asilo di numerose nazionalità in Messico, avvocati e operatori umanitari. Abbiamo visitato ostelli e centri per migranti al confine tra gli Stati Uniti e il Messico; abbiamo consultato documenti legali, e abbiamo osservato udienze giudiziarie.

Human Rights Watch ha concluso in più occasioni che i migranti in Messico sono esposti a stupri sessuali, rapimenti, estorsioni, aggressioni e traumi psicologici.

I quasi 1.600 venezuelani che hanno ancora casi attivi di asilo nel quadro di Quédate en Messico rappresentano solo una piccola percentuale delle centinaia di migliaia di migranti che sono stati inviati in Messico dagli Stati Uniti negli ultimi due anni.

Da quando ha assunto il potere, il Presidente Biden ha sospeso l’inclusione di nuovi casi a Quédate en México, formalmente noto come Protocolli di protezione dei migranti (o MPP) – e sta permettendo ai 25.000 richiedenti asilo che hanno avuto la possibilità di presentarsi davanti a tribunali per le migrazioni di iniziare a registrarsi per dare loro una data di ingresso negli Stati Uniti.
Human Rights Watch ha dichiarato che questo è un passo positivo che consentirà agli Stati Uniti di rispettare nuovamente i loro obblighi in materia di diritti umani. Tuttavia, il governo di Biden continua ad invocare dubbi motivi di salute pubblica per espellere i richiedenti asilo che giungono alla frontiera, e non ha preso alcuna misura per risolvere la situazione dei 30.000 individui che sono stati ingiustamente respinti dopo essere stati spediti in Messico.

Quasi tutti i venezuelani intervistati per questa relazione hanno segnalato di essere fuggiti da persecuzioni politiche, torture o molestie. I loro racconti sono coerenti con precedenti indagini di Human Rights Watch che hanno documentato la brutale aggressione contro oppositori da parte del governo di Nicolas Maduro, nonché relazioni della Procura della Corte penale internazionale e della Missione Internazionale Indipendente di accertamento dei fatti sul Venezuela delle Nazioni Unite, entrambe concluse, sulla base delle informazioni di cui disponevano grazie alle loro ricerche, che è probabile che in Venezuela siano stati commessi crimini contro l’umanità.

Quasi la metà degli intervistati ha detto che poliziotti, agenti di migrazione o organizzazioni criminali hanno cercato di estorcere denaro in Messico. In 16 casi, i richiedenti asilo hanno dichiarato che agenti migratori o poliziotti messicani li hanno tirati fuori da autobus o in fila in aeroporto e hanno minacciato di espellerli se non avessero pagato una tangente. Alcuni hanno detto che i funzionari messicani li hanno arrestati e hanno minacciato di ucciderli o di consegnarli ai cartelli se non avessero pagato.

In 27 casi, i richiedenti asilo hanno segnalato che gruppi criminali li avevano intercettati nei valichi di frontiera, nelle stazioni degli autobus, negli alberghi o in altri luoghi nelle città di frontiera. I criminali li avevano rapiti o minacciati di rapirli e avevano chiesto centinaia o migliaia di dollari in caso di soccorso o in cambio di protezione.

La maggior parte delle vittime ha dichiarato di aver subito tali abusi a causa del loro status di migranti. Gli aggressori spesso identificavano le vittime ispezionando i documenti di identità o i documenti di migrazione che avevano con sé. In alcuni casi, l’aggressore aveva già la sua fotografia o identificava la persona in questione tra la folla. Molte vittime hanno detto di aver visto sconosciuti che li guardavano o che li fotografavano prima o dopo essere stati vittime del reato.

Queste indicazioni sono anche coerenti con precedenti pubblicazioni di Human Rights Watch che hanno documentato come i gruppi criminali rapiscono migranti di diverse nazionalità e tengono un registro di queste persone: fanno loro fotografie, verificano la loro identità e documenti legali e conservano i loro dati identificativi. La Commissione Interamericana per i Diritti Umani, organizzazioni internazionali e vari media hanno riferito che è comune che funzionari pubblici messicani e organizzazioni criminali scelgano come vittime i richiedenti asilo che viaggiano per il Messico, vittime di rapimenti ed estorsioni.

Riferendosi al fatto che i migranti sono vittime sia di funzionari pubblici che di criminali, un uomo ci ha detto: “Non capisco chi sia il criminale e chi la legge“.

Molti affermano di temere di uscire o di interagire con funzionari messicani, anche per trovare lavoro o ottenere cure mediche, e evitano di parlare davanti a sconosciuti perché temono che il loro accento li trasformi in un bersaglio facile. Sono anche preoccupati della possibilità che i loro figli vengano rapiti se iscritti a scuola.

Ho paura di uscire“, ci ha detto una donna. “Non so cosa sia peggio, se stare qui o in Venezuela“.

Secondo l’accordo che ha stabilito Quédate en México, il governo messicano dovrebbe garantire ai richiedenti asilo l’accesso alle opportunità di lavoro, all’assistenza medica e all’istruzione. Ma, a differenza di altri migranti con status legale in Messico, coloro che fanno parte di questo programma non ricevono documenti migratori con fotografie che ne confermino l’accesso a questi diritti. Pertanto, datori di lavoro o funzionari pubblici hanno più volte affermato di non essere a conoscenza del programma Quédate en México o di non comprendere lo status giuridico che questo conferisce loro.

Alcuni richiedenti asilo hanno segnalato di non essere stati in grado di aprire conti bancari o di ricevere trasferimenti internazionali di denaro. Un immigrato ha detto che nella sua famiglia hanno sofferto la fame perché non possono lavorare o ricevere trasferimenti. Molti non hanno potuto ricevere cure per gravi condizioni di salute. Alcuni bambini erano stati diversi mesi senza andare a scuola, anche prima della sospensione delle lezioni a causa della pandemia.

Le informazioni che avevano ricevuto dal governo messicano erano scarse o nulle. Molti non sapevano che, con i documenti che avevano ricevuto, potevano usare i servizi pubblici, o non capivano come ottenerli.

Le pericolose condizioni che i richiedenti asilo devono affrontare nel programma Quédate en México sono ingiustificabili“, ha affermato Vivanco. “Mentre il governo di Biden finisce di revocare questo programma abusivo, il governo messicano deve assicurarsi che i richiedenti asilo possano rimanere in sicurezza in Messico e accedere ai servizi essenziali“.

Di seguito ulteriori informazioni sui risultati e raccomandazioni di Human Rights Watch, così come per una selezione di casi documentati. Salvo diversa indicazione, tali casi si basano sulla testimonianza diretta degli intervistati.

Perché sono fuggiti dal Venezuela

Quasi tutti i venezuelani intervistati in Messico erano fuggiti da persecuzioni politiche, torture o molestie in Venezuela.

Gli intervistati hanno citato diversi motivi per chiedere asilo negli Stati Uniti, di cui abusi da parte di agenti delle forze di sicurezza venezuelane, quali il Servizio Bolivariano di Intelligence Nazionale (SEBIN), la Guardia Nazionale Bolivariana (GNB), la Direzione Generale del Controspionaggio Militare (DGCIM) e diverse forze di polizia degli Stati, nonché gruppi armati sostenitori del governo, noti in Venezuela come “collettivi“. Alcuni erano stati membri di partiti politici avversari o attivisti politici. Alcuni avevano partecipato soltanto a manifestazioni, in alcuni casi per servizi essenziali come acqua ed elettricità. Altri erano dipendenti pubblici che avevano rifiutato di partecipare a eventi a favore del governo o che avevano condiviso post critici del governo sui social network.

Jonathan, che, come gli altri intervistati, si identifica con uno pseudonimo per garantire la sua sicurezza, ha detto che nell’aprile 2019 è stato arrestato mentre partecipava a una manifestazione a sostegno del leader dell’opposizione Leopoldo López. È stato arrestato per tre giorni, picchiato e costretto a dormire in piedi. Infine, è stato accusato di reati quali terrorismo, associazione a delinquere e uso di bombe incendiarie. La sua famiglia ha dovuto vendere le sue cose per poter pagare 3.500 dollari per essere liberato. Raccontò che per mesi, mentre il suo processo veniva continuamente rinviato, alcuni agenti si presentavano nei dintorni della sua casa e facevano fotografie. Il suo avvocato ad un certo punto lo avvertì che il governo avrebbe revocato la sua libertà vigilata, così decise di fuggire dal Venezuela con la moglie e i due figli, di 3 e 13 anni. Nel marzo 2020, furono mandati in Messico dopo aver chiesto asilo negli Stati Uniti. Nel gennaio 2021, continuavano ad aspettare in una città di frontiera.

Mayra, avvocata per i diritti umani e attivista di un partito di opposizione, ha raccontato che nel 2019 aveva aiutato a organizzare marce affinché il governo consentisse l’invio di aiuti umanitari in Venezuela. Ha affermato di aver poi iniziato a ricevere messaggi minacciosi da funzionari e sconosciuti. Infine, gli agenti hanno fatto irruzione in casa sua, l’hanno arrestata violentemente, bendata e trascinata in un furgone, dove ha perso conoscenza tre volte mentre veniva picchiata e sottoposta a scosse elettriche per sei ore. L’hanno portata in un campo di guerriglia vicino al confine, dove un uomo ha minacciato di ucciderla se non avesse lasciato il paese e avesse smesso di partecipare a eventi politici. Infine, sono tornati in città, dove è stata abbandonata in una stazione della Guardia Nazionale Bolivariana (GNB). Mentre si stava riprendendo a casa, un amico ha sporto denuncia. Tuttavia, quando Mayra si è presentata all’ente per certificarla, due persone l’hanno rapita e le hanno detto che la polizia aveva distrutto la denuncia. Ha lasciato il paese poco prima che venisse emesso un mandato d’arresto contro di lei. Sta aspettando nel quadro di Quédate en México dal settembre 2019.

Bersaglio di rapimento ed estorsione in Messico

Estorsione da parte di agenti di polizia e di immigrazione messicani

Sedici persone intervistate hanno detto che agenti di immigrazione o poliziotti messicani le avevano arrestate e avevano preteso delle tangenti, in alcuni casi di migliaia di dollari. Hanno detto che i funzionari le avevano minacciate di espulsione, di farle sparire o di consegnarle ai cartelli se non avessero pagato. Alcune hanno detto di essere state estorte quando sono entrate nel Paese. Altre, che le avevano arrestate in un aeroporto e gli agenti di migrazione le avevano portate in aree di attesa per chiedere un pagamento.

Angel e la sua famiglia hanno volato da Panama City a Monterrey, nel nord del Messico, nell’ottobre 2019, come parte del tragitto per chiedere asilo al confine con gli Stati Uniti. Angel ha detto che un agente messicano di immigrazione che aveva foto di loro, presumibilmente scattate lo stesso giorno all’aeroporto di Panama, li ha tirati fuori dalla fila di arrivo e gli ha fatto passare la notte in cella. La mattina seguente, un altro funzionario ha chiesto loro una tangente di 100 dollari a persona dicendo che li avrebbe espulsi se non avessero pagato. Angel ha pagato, e lui e la sua famiglia hanno continuato a volare verso la città di confine di Juarez. Lì, agenti in uniforme della polizia federale e municipale hanno tolto dalla fila tutti i cittadini venezuelani e cubani e hanno chiesto loro di nuovo tangenti da 100 dollari a persona, mentre uno di loro diceva: “Sappiamo che stanno cercando di raggiungere il confine“. Quando Angel rifiutò di pagare, quegli stessi agenti lo arrestarono insieme alla sua famiglia fino al tramonto, li portarono in un furgone in un vicolo abbandonato e li minacciarono che, se non avessero pagato 6000 dollari, li avrebbero consegnati a un cartello. Angel ha detto che non aveva tutti quei soldi, così hanno picchiato suo padre, hanno rotto le valigie della sua famiglia per aprirle e hanno sparso il suo contenuto per terra. La sorella di Angel ha consegnato loro il portafoglio, con 3.000 dollari, tutti i soldi che avevano per il viaggio. Gli agenti se ne sono andati con il furgone e, nel bel mezzo della notte, la famiglia ha camminato fino al confine, dove hanno iniziato il processo di asilo.

Mauricio ha detto che quando è arrivato all’aeroporto di Cancún, nell’ottobre 2019, un agente di migrazione lo ha portato in una stanza e gli ha chiesto una tangente di 300 dollari per entrare nel paese. Ha accettato il pagamento, ma il funzionario è scomparso e Mauricio è stato espulso. Nel dicembre 2019, ha riprovato, questa volta volando a Città del Messico, dove un altro agente di migrazione gli ha chiesto una tangente di 500 dollari. Lo ha pagato e l’agente gli ha dato un visto per entrare. È entrato nel terminal principale, dove un gruppo di poliziotti l’ha arrestato e gli ha fatto pagare una terza tangente da 400 dollari. Inoltre, un agente ha scattato una foto al passaporto e alla carta d’imbarco e l’ha mandata a qualcuno. Il giorno dopo, alla porta del suo volo per il confine, tre poliziotti gli si avvicinarono e gli fecero pagare 300 dollari in più per evitare di essere espulso. Arrivato a Juarez City, la polizia lo ha intercettato per la quinta volta e gli ha chiesto i 300 dollari che gli erano rimasti. “Per loro siamo solo affari“, ha detto Mauricio.

Human Rights Watch ha chiesto all’Istituto Nazionale di Migrazione del Messico di inviargli informazioni su segnalazioni di agenti migratori che hanno estorto denaro ai migranti, ma non ha ricevuto risposta.

Rapimenti ed estorsioni da parte di gruppi criminali

Yaneth e suo marito, Rafael, hanno detto che sono arrivati a Reynosa in autobus nell’agosto 2019 e hanno chiesto a un tassista di portarli in un noto rifugio per migranti. Invece, l’autista li portò in una casa abbandonata, dove erano state rapite diverse famiglie provenienti da Honduras, Cuba e El Salvador. Quando i rapitori scoprirono che la coppia era venuta a cercare asilo negli Stati Uniti, chiesero loro 1.500 dollari come “commissione” per attraversare il confine, e minacciarono di ucciderli se non avessero pagato. Dopo aver effettuato il pagamento, sono stati portati su un ponte di confine. “Non abbiamo mai denunciato il rapimento alla polizia“, ha detto Yaneth. “Avevamo troppa paura“.

Josué ha raccontato che quando lui e la sua famiglia arrivarono a Reynosa, il suo nome fu inserito nella lista dei metering, un sistema che limitava il numero di persone che potevano chiedere asilo ogni giorno nei porti di entrata degli Stati Uniti.

Due giorni dopo, mentre aspettavano il loro turno nella lista per presentarsi al confine per chiedere asilo, un uomo si avvicinò a loro nella hall dell’hotel e disse loro che lavorava per il “proprietario” del ponte di confine e che dovevano pagare una “commissione” di 300 dollari a persona per attraversare il confine. Il direttore di un vicino rifugio per migranti disse loro che se non avessero pagato o se avessero detto qualcosa alla polizia sarebbero stati più in pericolo.

Giosuè pagò. Ma l’uomo tornò giorni dopo e gli chiese 3.000 dollari. La famiglia di Giosuè non aveva tutti quei soldi e aveva paura di continuare ad aspettare, così decisero di attraversare il fiume nuotando per arrivare negli Stati Uniti. Lì, le autorità li arrestarono, ricevettero la loro richiesta di asilo e li mandarono a Matamoros come parte di Quédate en México. Giosuè non ha mai denunciato il reato perché, come ha detto, “tutti sanno che i criminali gestiscono il confine“.

Nessuna possibilità di ricorso alle autorità

La maggior parte dei richiedenti asilo intervistati ha dichiarato di essere stata vittima di un reato in Messico, ma non l’ha denunciato alla polizia, perché credevano che le autorità fossero complici o perché temevano che in tal modo potessero diventare bersaglio di altri reati o di abusi da parte di funzionari. Alcuni individui che hanno cercato di denunciare reati hanno detto di essere stati respinti perché stranieri o perché le autorità hanno detto che i reati contro migranti erano “normali” e non si poteva fare nulla.

Maykel ha detto di essere arrivato a Reynosa nell’agosto 2019 e un gruppo criminale lo ha rapito e ricattato, esigendo una “commissione” di 2.000 dollari per attraversare il confine. Quando è stato mandato in Messico nel quadro di Quédate en México, ha denunciato il reato alla polizia e ha dato il suo indirizzo e numero di telefono in modo che le autorità potessero rintracciarlo. Sostiene che, invece, diversi poliziotti hanno iniziato a presentarsi al dipartimento dove stava per estorcergli denaro. L’hanno minacciato di consegnarlo ai cartelli, a meno che non pagasse per essere protetto. Maykel ha dovuto traslocare due volte e cambiare numero di telefono per evitare molestie.

Angeles ha detto che tre uomini che lei credeva fossero membri di un’organizzazione criminale l’hanno aggredita e picchiata. Ha detto che quando è andata alla polizia per sporgere denuncia, l’hanno fatta aspettare per ore. Alla fine, un agente le ha detto in via ufficiosa: “Stai sprecando il tuo tempo. Nessuno ti aiuterà. La polizia non vuole immischiarsi con quelle persone“, ha detto. Angeles capì che “quelle persone” si riferiva a gruppi di criminalità organizzata, così se ne andò.

Human Rights Watch ha chiesto informazioni sul modo in cui la polizia di Stato e il Pubblico Ministero hanno risposto alle denunce di reati contro migranti nei sei Stati di confine. Le autorità statali di Baja California, Sonora, Chihuahua, Coahuila e Tamaulipas hanno fornito informazioni su denunce di reati contro migranti, ma hanno detto di non avere alcun documento su casi in cui migranti erano stati respinti nel tentativo di presentare denunce di polizia e che i funzionari statali erano stati incaricati di rispettare i diritti umani di tutte le vittime, indipendentemente dalla nazionalità o dalla condizione migratoria. I funzionari del Nuevo León non hanno risposto.

Ostacoli di accesso ai servizi essenziali in Messico

I richiedenti asilo nel programma Quédate en México hanno il diritto di accedere a servizi essenziali come l’istruzione pubblica e l’assistenza medica di base, nonché di lavorare in Messico. Nel dicembre 2018 il Messico si è impegnato a garantire che i partecipanti al programma “godano pienamente dei diritti e delle libertà riconosciuti dalla Costituzione, dai trattati internazionali di cui lo Stato messicano è parte, nonché dalla legge sulla migrazione“. Nel giugno 2019, quando gli Stati Uniti e il Messico hanno deciso di ampliare il programma, il Messico ha ribadito il suo impegno affermando che avrebbe offerto “opportunità di lavoro“, accesso a “salute e istruzione” e “protezione dei loro diritti umani“.

Quasi tutti i richiedenti asilo intervistati hanno descritto ostacoli all’esercizio di tali diritti.

Persi in un’infinità di agenzie e documenti

Coloro che sono parte di Quédate en México hanno il diritto a un numero di identificazione nazionale messicano, noto come CURP (Chiave Unica di Registro della Popolazione). I funzionari incaricati dell’immigrazione devono fornire una CURP ad ogni persona che entra nel paese nell’ambito del programma, ma alcuni intervistati non ne hanno mai ricevuta una.

Con un numero di identificazione nazionale è possibile accedere all’istruzione pubblica e a taluni servizi sanitari di base. Le persone possono anche utilizzare la CURP per richiedere un numero di identificazione fiscale, noto come RFC (Registro Federale dei Contribuenti), che è necessario per lavorare legalmente, e un numero di previdenza sociale, che è necessario per utilizzare il sistema nazionale di assistenza sanitaria, l’IMSS (Istituto Messicano di Previdenza Sociale).

Mancanza di informazioni e disinformazione da parte delle autorità

La maggior parte degli intervistati non sapeva di avere il diritto di utilizzare i servizi pubblici o di lavorare legalmente, né di ottenere i documenti necessari. Di conseguenza, alcuni di essi non avevano cercato di ottenere un lavoro formale, di iscrivere i bambini a scuola o di ottenere cure sanitarie. Una donna ha riferito che, sebbene tutti i membri della sua famiglia avessero ricevuto una CURP e un numero di previdenza sociale, i funzionari avevano fornito informazioni errate dicendo loro che non potevano accedere agli ospedali, quindi non hanno tentato di utilizzare il sistema sanitario pubblico. Alcuni hanno dichiarato di non essere stati in grado di ottenere i documenti corretti, per cui datori di lavoro o funzionari pubblici si erano rifiutati di offrire loro posti di lavoro o accesso a servizi.

Andrea ha detto di aver portato sua figlia di 11 anni in un ospedale pubblico quando si è fatta male alla testa. Tuttavia, il personale dell’ospedale si è rifiutato di assisterla perché Andrea non aveva un documento di identità messicano né un numero di previdenza sociale. Ha avuto lo stesso problema quando ha cercato di iscrivere sua figlia alla scuola pubblica. Andrea andò in un ufficio immigrazione per chiedere come poteva ottenere i documenti necessari, ma gli agenti presenti le dissero che non potevano aiutarla.

Quando Anna Laura e i suoi figli, di 19 e 12 anni, furono assegnati a Quédate en México nell’ottobre 2019, non ricevettero i loro CURP. Ana Laura ha detto che, più tardi, quando cercò di denunciare che erano state vittime di estorsione, la polizia li ha respinti sostenendo che non potevano sporgere denuncia senza CURP. Quando lei e suo marito hanno cercato di chiedere l’identificativo, i funzionari dell’immigrazione si sono rifiutati di aiutarli sostenendo che non sapevano quali documenti dare a coloro che erano nel programma Quédate en México.

Alcuni datori di lavoro o funzionari pubblici hanno persino rifiutato persone che avevano tutti i documenti legali necessari per lavorare o accedere ai servizi pubblici. La confusione spesso deriva dal tipo di identificazione che ricevono coloro che sono nel quadro di Quédate en México. Al posto di carte da visitatore o residente con foto che ricevono la maggior parte dei residenti temporanei, i richiedenti asilo ottengono lo stesso formato stampato sigillato che viene dato ai turisti (il Formato Migrazione Multipla, FMM) che è valido solo per pochi mesi (di solito fino alla data della loro prossima udienza negli Stati Uniti) In diverse occasioni, è necessario modificare questo modulo stampato con un nuovo. La maggior parte di coloro che partecipano al programma vi sono rimasti per almeno un anno.

Israel ha ricevuto una CURP quando lui e la sua famiglia sono stati assegnati a Quédate en México nel luglio 2019, e ha anche chiesto e ricevuto un RFC e un numero di previdenza sociale. Tuttavia, ha detto che la sua famiglia è stata privata di cure mediche in ospedali pubblici in diverse occasioni. La stessa cosa è successa quando ha fatto domanda per lavoro. “Mi è stato chiesto di mostrare il permesso di soggiorno. Ho mostrato loro la carta che ci danno al confine, ma [mi] hanno detto che gli serviva una carta d’identità“, ha detto.

Quando Marcela, un ingegnere giunto in Messico nel dicembre 2019 nell’ambito di Quédate en México, ha iniziato a cercare lavoro nel suo ambito, è andato a una fiera del lavoro e ha inviato il suo curriculum a numerose aziende. Tuttavia, secondo lui, nessuno gli dava lavoro perché il suo visto non aveva mai validità superiore a pochi mesi, vale a dire fino al successivo appuntamento presso il tribunale migratorio degli Stati Uniti. Un datore di lavoro gli disse che se voleva trovare lavoro, avrebbe dovuto ritirare la sua domanda di asilo negli Stati Uniti e chiedere asilo in Messico.

Mancanza di accesso ai servizi finanziari

Nove persone hanno dichiarato di non poter lavorare perché i datori di lavoro chiedevano loro di aprire un conto bancario per riscuotere lo stipendio, ma non potevano aprire un conto senza le carte d’identità con foto emesse dal governo messicano quando gli stranieri ottenevano altri tipi di visti. Altre hanno indicato che alcuni dipendenti di banche o servizi di trasferimento internazionale di denaro rifiutavano di accettare passaporti venezuelani come documenti di identità validi.

Dopo essere stato ripetutamente respinto da datori di lavoro che indicavano che non erano disposti ad assumere qualcuno che facesse parte del programma Quédate en México, Diego ha detto che ha trovato una società disposta ad assumerlo. Ma quando una banca ha rifiutato il formato migratorio che aveva come prova del suo status legale in Messico e ha rifiutato di aprire un conto per la riscossione dello stipendio, la società ha ritirato l’offerta di lavoro.

Patricia, che fa parte del programma dal giugno 2019, non lavora perché ha paura di lasciare sola la figlia di tre anni. Dipende dai trasferimenti di denaro che le manda suo marito. Ha cercato di aprire un conto in banca per ricevere i bonifici, ma, come ha detto, gli impiegati della banca gli hanno chiesto un visto di residenza con una carta d’identità con foto, che non aveva. Patricia ha dovuto chiedere a persone che ha conosciuto in Messico di ricevere i bonifici per lei.

Paura

Nathaly e i suoi tre figli, di 10, 4 e 3 anni, sono in attesa in Messico dall’agosto 2019. “Abbiamo trascorso tutto il tempo rinchiusi“, ha detto. Anche prima della pandemia, non aveva iscritto i suoi figli a scuola perché li avrebbe “messi a rischio” di rapimento o di tratta. Non ha cercato lavoro perché teme di lasciare i suoi figli da soli. “Anche se ci ammalassimo, ci penserebbe molto bene prima di uscire“, ha affermato.

Sofia, che è in attesa in Messico dal febbraio 2020, non ha cercato di ottenere cure mediche per un nodulo al seno perché lei e suo marito Hernan temono di lasciare l’appartamento dove stanno soggiornando. Il timore di essere riconosciuti come stranieri e vittime da parte di coloro che sospettano di avere denaro, o che hanno familiari all’estero con denaro, li ha spinti ad astenersi dal cercare lavoro.

Human Rights Watch ha chiesto informazioni ai segretariati di Sanità, Istruzione, Lavoro e Relazioni Esterne del Messico sugli ostacoli all’accesso ai servizi essenziali in Messico. Il Segretario della Salute ha risposto che le autorità della California inferiore, Sonora, Chihuahua e Coahuila hanno fatto sforzi per fornire informazioni sull’accesso alle cure mediche a coloro che fanno parte di Quédate en México e che in quegli stati sono state fornite cure mediche a persone senza cittadinanza messicana in 157 mila occasioni nel 2019 e 2020. Le altre segreterie non hanno risposto.

Raccomandazioni

Al governo degli Stati Uniti:

– Porre fine alle espulsioni sproporzionate e dannose dei richiedenti asilo per motivi di salute pubblica.
– Consentire ai richiedenti asilo i cui casi sono stati scartati durante il programma Quédate en México di chiedere asilo negli Stati Uniti.
– Incaricare il servizio doganale e di protezione frontaliero (Customs and Border Patrol, CBP, CBP) di prendere in debita considerazione le richieste di permessi umanitari (humanitarian parole) nei porti di ingresso, che consentono a singoli individui di entrare temporaneamente negli Stati Uniti per motivi umanitari.

Al governo messicano:

– Rifiutare ulteriori espulsioni di richiedenti asilo dagli Stati Uniti.
– Adottare misure per garantire che i responsabili di reati contro migranti siano oggetto di indagini e consegnati alla giustizia, tra cui:
– Ordinare alla polizia e al pubblico ministero di consentire a chiunque di denunciare un reato, indipendentemente dalla sua situazione migratoria, come richiesto dalla legislazione messicana e dal diritto internazionale.
– Prevedere indagini indipendenti e trasparenti sulle denunce di agenti di polizia e di migrazione coinvolti in reati contro migranti.
– Garantire che i migranti vittime di reati ricevano informazioni sui loro diritti, compreso il diritto di richiedere un visto umanitario prevista dal diritto messicano.

Fino a quando a tutte le persone che si trovano a Quédate en México non sarà permesso di entrare negli Stati Uniti, il governo messicano dovrebbe:

– Rilasciare loro visti umanitari o altri visti di soggiorno temporaneo con carta d’identità con foto.
– Assicurarsi di ricevere un numero di identificazione nazionale (CURP), un numero di previdenza sociale e un numero di identificazione fiscale (RFC) validi per tutta la durata del soggiorno in Messico.
– Garantire che vengano loro fornite informazioni sui loro diritti, anche su come operare legalmente e accedere all’assistenza sanitaria e all’istruzione. Ciò deve includere una spiegazione di quanto segue:
– Quali documenti sono necessari per lavorare e come ottenerli;
– Quali tipi di servizi pubblici, compresi i servizi per la salute sessuale e riproduttiva, sono a disposizione dei partecipanti al programma e come utilizzarli;
– Come iscrivere i bambini nelle scuole;
– Cosa fare se a qualcuno viene negato l’accesso ai servizi pubblici.
– Garantire che i funzionari pubblici, compresi poliziotti, operatori sanitari e amministratori di scuole pubbliche, comprendano che i richiedenti asilo sono legalmente presenti in Messico e hanno diritto di accesso ai servizi pubblici.

Correzione: La relazione indicava erroneamente che il governo degli Stati Uniti ha espulso “più di 400mila migranti” dal marzo 2020. È stato corretto per chiarire che il governo degli Stati Uniti ha espulso migranti “più di 400mila volte” dal marzo 2020, il che significa che il numero di singoli migranti che sono stati espulsi può essere superiore a 400mila.