Know your Rights. Diritto di cittadinanza

Una guida a cura di CILD - Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili, in collaborazione con Italiani Senza Cittadinanza

La guida è stata realizzata dall’avvocato Gennaro Santoro, dalla dottoressa Martina Avigliano e dalla giornalista Paula Baudet Vivanco. Gli autori ringraziano l’avv. Giulia Crescini e gli attivisti e le attiviste del movimento Italiani Senza Cittadinanza per la collaborazione.

Scarica la guida “Diritto di cittadinanza”

Contiene FAQ, risposte alle domande più frequenti, sulla procedura per l’ottenimento della cittadinanza italiana con focus su temi specifici (ad esempio i requisiti richiesti relativi ai redditi, alla residenza legale, alla convivenza) che rappresentano statisticamente i maggiori ostacoli per l’ottenimento della cittadinanza. Particolare attenzione è data ai minori e all’acquisto della cittadinanza per naturalizzazione. Sono inoltre presenti delle FAQ per comprendere il significato di alcuni provvedimenti dell’Amministrazione (ad esempio la differenza tra un preavviso di rigetto e un decreto di rigetto) per fornire strumenti di autodifesa nelle varie fasi della procedura. Sono infine presenti box con casi pratici che speriamo possano aiutare chi legge a comprendere meglio le FAQ. Per approfondimenti si rimanda ai profili di illegittimità costituzionale della legge sulla cittadinanza.
Se dopo la lettura della guida hai ancora dubbi puoi scrivere una email a legal@cild.eu e info@italianisenzacittadinanza.org.

Introduzione

L’acquisto della cittadinanza italiana è stabilito dalla legge 5 febbraio del 1992, n. 91. Una legge che sta per compiere trent’anni, caratterizzati da tanti mutamenti epocali. Una legge anacronistica a causa dell’impostazione di fondo che già in passato le aveva procurato la definizione di “legge a scoppio ritardato”, nata quindi già vecchia. Una legge dunque incapace, nel presente, di accompagnare gli 858mila alunni e alunne con passaporto straniero che crescono nelle scuole italiane e quel milione e 78mila di minorenni senza cittadinanza italiana iscritti nelle anagrafi comunali. Figli e figlie dell’Italia di oggi ai quali dobbiamo la modifica della legge sulla cittadinanza italiana, a partire dal prevedere per i minori cresciuti in Italia maggiori opportunità di acquisto della cittadinanza e, per tutti gli stranieri, una procedura con meno ostacoli e che si completi in termini più ragionevoli di quelli attuali. Ma in attesa di una riforma all’altezza del presente e del futuro del Paese abbiamo ascoltato la richiesta urgente degli Italiani non riconosciuti di uno strumento di autodifesa, con consigli utili per affrontare il lungo e tortuoso procedimento amministrativo di riconoscimento della cittadinanza italiana.

Scarica la guida “Diritto di cittadinanza”