Annullato il decreto di espulsione: non compete alla questura dichiarare l’inammissibilità della domanda reiterata di asilo

Corte di Cassazione, ordinanza n. 13284 del 18 maggio 2021

La Suprema Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio un decreto di espulsione emesso nei confronti di un cittadino pakistano, provvedimento confermato dal Giudice di Pace di Como nonostante nonostante in precedenza avesse tentato invano di reiterare la domanda di protezione internazionale.

Secondo la Cassazione “non competeva alla questura dichiarare l’inammissibilità della reiterata, né il provvedimento di espulsione avrebbe potuto essere legittimamente emesso in pendenza di una domanda, per quanto reiterata, di concessione della protezione interna, finché la Commissione non avesse avuto modo di esaminarla e decidere su di essa“.

– Scarica l’ordinanza
Corte di Cassazione, sentenza n. 13284 del 18 maggio 2021

Documenti allegati