Status di apolide: il caso di una cittadina nata in Italia da genitori bosniaci

Tribunale di Roma, ordinanza del 28 maggio 2021

Il Tribunale civile di Roma, dopo aver accolto l’istanza cautelare, ha riconosciuto lo status di apolide ad una cittadina nata in Italia da genitori bosniaci.
In particolare, il giudice ha evidenziato come in base all’art. 6 della legge bosniaca, la cittadinanza “per origine” può essere riconosciuta esclusivamente a chi sia nato all’estero da almeno un genitore bosniaco dopo l’entrata in vigore della Costituzione del nuovo Stato (1995). E dunque, essendo la ricorrente nata nel 1992, la medesima, non ha potuto acquisire la cittadinanza della Bosnia-Erzegovina né potrebbe acquisirla sulla base dell’attuale legislazione di tale Stato, risultando così apolide.

– Scarica l’ordinanza
Tribunale di Roma, ordinanza del 28 maggio 2021

Documenti allegati