//

Il confine meridionale del Messico: un muro di violenza e contenimento per le persone migranti

Aletse Torres Flores, Zona Docs - 22 settembre 2021

Photo credit: Fondo de las Naciones Unidas para la Infancia (UNICEF)

Dallo scorso 28 agosto, carovane composte da gruppi di migranti, in alcuni casi intere famiglie, cercano di lasciare Tapachula, stato del Chiapas, per gli Stati Uniti e/o una città o uno Stato del Messico che permetta loro di migliorare le loro condizioni di vita.

I gruppi hanno iniziato il loro viaggio a piedi lungo l’autostrada costiera Tapachula-Mazatán, la maggior parte di loro proviene da El Salvador, Honduras e Guatemala, anche se un gruppo molto importante è composto da persone di Haiti, Cuba e Venezuela.

Tuttavia, sulla loro strada, si sono imbattuti in retate condotte da ufficiali della Guardia Nazionale e agenti dell’Istituto Nazionale della Migrazione (INM), che li hanno bruscamente e violentemente fermati sul posto, usando una forza eccessiva.

Per Betty, una donna haitiana in cerca d’asilo, lasciare Tapachula è “impossibile” perché le autorità messicane si sono incaricate di trattenerli e arrestarli nel loro viaggio verso il Nord del Paese; riconosce che in questo territorio non ci sono abbastanza opportunità di lavoro e/o d’istruzione, tanto meno in questa città dove sono stati costretti ad arrivare.

La situazione di Betty è stata presentata nella conferenza stampa intitolata “Alternative alla detenzione di fronte alla crisi migratoria sul confine meridionale”, in cui si è discusso della situazione attuale sul confine meridionale e dove sono state presentate anche una serie di alternative fattibili affinché il governo messicano possa occuparsi delle popolazioni migranti nel rispetto della legge.

Una città-prigione

Tapachula è diventata una città-prigione”, ha detto Josué Castañeda, membro del Collettivo di osservazione e monitoraggio dei diritti umani nel Messico sudorientale.

Castañeda ha sottolineato che la popolazione migrante che arriva a Tapachula si trova in un “limbo” a causa del fatto che le autorità dell’INM hanno lasciato alla deriva centinaia di persone bisognose di protezione internazionale, le cui procedure di richiesta di asilo o di rifugio non si sono concluse e a cui è stato impedito di partire per cercare migliori opportunità di vita fuori dal Chiapas.

Vale la pena ricordare che, nel 2020, i flussi migratori sono diminuiti, con solo 41.223 domande di rifugio segnalate in Messico, un numero inferiore alle 70.422 domande presentate nel 2019. Tuttavia, nei primi mesi del 2021, si è vista una ripresa.

Tra gennaio e aprile di quest’anno, sono state registrate 31.842 domande, una cifra che supera il numero di domande fatte negli ultimi anni nello stesso periodo di tempo. Queste sono state presentate principalmente da persone provenienti da Honduras, Haiti e Cuba, secondo le cifre ufficiali della Commissione messicana per l’aiuto ai rifugiati (COMAR), ha riconosciuto Castañeda.

Tuttavia, il difensore afferma che la pandemia è servita come “scusa” per posticipare gli appuntamenti e cancellarli senza preavviso; inoltre, il procedimento di richiesta è cambiato costantemente negli ultimi due anni, intralciando il lavoro di coloro che eseguono le procedure.

Non si ha nemmeno l’accesso ai mezzi tecnologici per prendere questi appuntamenti, il sistema è crollato e la gente si sta stancando”, ha detto Castañeda.

Si è cominciato a detenere con violenza le persone che decidono di andarsene perché “stufe” della situazione, nonostante queste abbiano visti umanitari o lo status di rifugiati; che abbiano documenti o meno, vengono rimandate a Tapachula, in Guatemala o nel loro paese d’origine, ha dichiarato il difensore.

“Il Messico deve garantire la sicurezza dei bambini migranti”

I bambini e gli adolescenti migranti sono più vulnerabili in queste situazioni di contenimento, persecuzione e criminalizzazione della migrazione, poiché sono separati dalle loro famiglie nei raid della Guardia Nazionale e dell’INM. Sono anche più a rischio di cadere nelle reti della criminalità organizzata e di subire violazioni dei loro diritti.

Juan Martín Pérez, coordinatore regionale di Tejiendo Redes Infancia in America Latina e nei Caraibi, ha spiegato che i bambini e gli adolescenti migranti hanno bisogno di un’attenzione speciale verso i loro bisogni, così come la garanzia del rispetto dei loro diritti umani.

Il coordinatore sottolinea che gran parte della popolazione migrante è in questa fascia d’età, poiché si stima che i bambini e gli adolescenti rappresentino almeno il 30% dei flussi migratori, secondo l’UNICEF. Inoltre, la metà di loro ha viaggiato senza i genitori (15%), che è la percentuale più alta mai registrata in Messico.

Pérez ha messo in guardia sugli alti livelli di criminalità nel Paese e ha ricordato che la popolazione migrante è esposta al pericolo di essere catturata o attratta da queste reti di criminalità organizzata; nel caso di adolescenti e giovani migranti tra i 15 e i 17 anni, ha spiegato che sono questi i più vulnerabili ad essere vittime di qualche forma di traffico, come lo sfruttamento lavorativo e sessuale nella regione.
photo1632352661.jpeg
Inoltre, Tania Ramírez, direttrice esecutiva della Rete per i diritti dei bambini in Messico (REDIM), ha ricordato che il fenomeno della migrazione non è nuovo nel Paese e dunque ha evidenziato come sia possibile per le autorità messicane “imparare dal passato” e costruire proposte che affrontino in modo completo le esigenze specifiche di questo gruppo.

Allo stesso modo, ha sostenuto che le organizzazioni civili, il mondo accademico e le istituzioni governative come l’Ufficio del Procuratore Generale per la Protezione dei Bambini debbano lavorare insieme per proteggere l’integrità e la dignità dei minori in situazioni di mobilità accompagnata e non accompagnata.

Di fronte a questa realtà, Pérez e Ramírez hanno convenuto sulla necessità di creare un meccanismo transnazionale per occuparsi di questa popolazione, senza tralasciare la voce dei bambini migranti: “È essenziale ricordare che si tratta di una questione transnazionale, dove gli Stati Uniti, il Messico e l’America Centrale devono lavorare insieme per proteggere e garantire i diritti dei migranti”, ha affermato Juan Martín Pérez.

Cosa sta succedendo ai centri?

A Tapachula, i centri che offrono aiuto umanitario alle persone bisognose di protezione internazionale sono stati colpiti dal blocco delle rotte migratorie, secondo Magda Silva, membro della Casa di accoglienza e formazione per donne e famiglie migranti (CAFEMIN), un centro che opera dal settembre 2012 e si trova a Città del Messico.

Silva ha spiegato che in generale tutti i centri del Paese sono sovraffollati; tuttavia, questa situazione è peggiorata sul confine meridionale a causa delle azioni di contenimento e persecuzione che lo Stato messicano ha impiegato per fermare il passaggio dei migranti. Queste azioni, ha sottolineato, hanno portato a un cambiamento significativo nella dinamica dei centri, che sono passati dal fornire assistenza alla popolazione per una breve permanenza ad un soggiorno lungo e indefinito.

Oltre a ciò, ha avvertito che l’indifferenza e la mancanza di aiuto da parte delle autorità ostacola non solo l’aiuto umanitario ma anche tutti i servizi, come il supporto legale o psicologico.

Nel frattempo, la discriminazione, la xenofobia e il razzismo che esistono nella società generano uno scenario pieno di rischi e gesti che recano danno alla vita della popolazione migrante. Proprio in questo momento, ha denunciato, i centri si devono proteggere tra loro dalle aggressioni e dalla minaccia del crimine organizzato, che cerca di catturare le persone per il proprio beneficio.

Cosa si può fare?

Le e i difensori hanno presentato una serie di proposte e strategie che permetteranno di assistere la popolazione intrappolata al confine meridionale.

Per regolarizzare i flussi migratori, hanno detto, le autorità dovranno garantire il trasferimento sicuro delle persone in luoghi del Paese dove possano trovare reti di sostegno reciproco, così come la regolarizzazione di tutte le famiglie con bambini nati in Messico.

Dovranno anche garantire la residenza temporanea da 1 a 4 anni per coloro che hanno un’offerta di lavoro e il permesso di soggiorno per motivi umanitari per 4 anni, o perché la loro domanda d’asilo è in corso, o perché c’è una causa umanitaria o un interesse pubblico che renda necessario il loro ricovero o la loro regolarizzazione nel Paese.

Riconoscendo che il governo messicano lo ha già fatto negli anni precedenti, hanno anche considerato fondamentale l’attuazione di un programma di regolarizzazione dell’immigrazione.

Hanno anche espresso che la Legge sui rifugiati, la protezione complementare e l’asilo politico deve essere rispettata, poiché, in conformità con il quadro giuridico internazionale, il Messico si è impegnato ed è obbligato a non rimpatriare i rifugiati o le persone bisognose di protezione che non possono tornare nei loro Paesi perché la loro vita è in pericolo.

È importante ricordare che tutte queste misure sono contemplate nella Legge sulla migrazione.

Queste proposte di trasferimento o ricollocazione cercano non solo di proteggere e salvaguardare i diritti di questa popolazione, ma anche di dare alle persone la possibilità di rivolgersi alle loro reti di sostegno per il loro inserimento nella società ed evitare che rimangano in luoghi dove non possono accedere ai diritti o che siano costrette a sopravvivere in condizioni precarie.

Le persone migranti non sono una minaccia, devono smettere di trattarci come tale, siamo solo alla ricerca di migliori condizioni di vita, come farebbe qualsiasi altro essere umano” ha concluso Betty.