//

Frontex e i diritti umani nel 2021: una lista di letture

Are you Syrious? ha raccolto in questo articolo, che abbiamo tradotto, alcuni tra i contributi più significativi del 2021

Photo credit: Salvatore Cavalli (Manifestazione NO Frontex a Catania, 2016)

Nel corso del 2021, milioni di parole sono state scritte su Frontex. Gruppi di attivisti, reti di monitoraggio, giornalisti investigativi, ONG hanno esaminato attentamente le attività dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, la sua posizione ambigua a cavallo tra Bruxelles e le frontiere esterne dell’UE, le numerose accuse penali che le sono state rivolte. Ecco una selezione di alcuni tra i contributi più significativi dell’anno, elencati mese per mese.

Gennaio

  • L’articolo di Politico: Le sofferenze crescenti di Frontex. La forza di frontiera dell’UE afflitta da reclutamenti caotici, focolai di COVID e un’indagine dell’organismo di vigilanza antifrode, e l’articolo di Der Spiegel: Scandali fanno precipitare l’Agenzia europea nel caos, sono tra le migliori panoramiche degli eventi riguardanti l’agenzia tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021.
  • Agenzie UE per la migrazione: il funzionamento e la cooperazione di Frontex, EASO ed Europol­: Un’analisi dei compiti operativi e della cooperazione delle tre agenzie UE, che si concentra sull’espansione dei loro mandati giuridici, sul rafforzamento delle loro attività sul campo e sul divario tra queste due dimensioni. Poiché i regolamenti di tali agenzie sottolineano il loro ruolo di assistenza e coordinamento, i loro compiti effettivi hanno una natura di tipo operativo sul campo: garantiscono l’attuazione efficace e uniforme delle misure dell’UE in materia di migrazione, asilo e gestione delle frontiere, assicurando nel contempo che gli Stati membri interessati non compromettano il funzionamento dello spazio Schengen o del CEAS. (È anche un libro!)
  • Frontex: responsabilità rifiutata, rapporto di Euro-Med Human Rights Monitor, documenta e analizza il coinvolgimento di Frontex nei respingimenti illegali di migranti e richiedenti asilo in acque turche da parte della Grecia e nelle varie violazioni delle leggi internazionali e dell’UE sui diritti umani che ne derivano. Il report evidenzia inoltre un modello di eccessiva e allarmante autonomia di Frontex, con bilancio, ruolo e personale incrementati dall’UE senza chiari confini giuridici.
  • Convalida della violenza di confine sull’Egeo: i registri interni di Frontex, di Border Criminologies, analizza come il sistema di segnalazione interna dell’Agenzia “costituisca la spina dorsale del quadro situazionale delle frontiere esterne e della migrazione dell’Europa, la narrativa di Frontex del confine“. I JORAs (Joint Operation Reporting Applications) sono i “registri delle attività” delle operazioni di Frontex, “concepiti per produrre analisi dei rischi, mappe e panoramiche analitiche settimanali“.

    Attraverso questa produzione si costituisce un arco narrativo formato dagli incidenti registrati, generando una specifica modalità di comprensione … Di conseguenza, anche atti di violenza come i respingimenti possono essere riportati su registri ordinari e, quindi, ricondotti nell’ambito dell’applicazione quotidiana delle frontiere e della legalità.
  • Intelligenza artificiale: Frontex migliora la sua sorveglianza marittima, di Mathias Monroy, spiega cosa significa usare l’intelligenza artificiale per “catturare i cattivi in mare“, illustra i costi della nuova tecnologia di frontiera e le implicazioni di questo ulteriore spostamento verso il controllo delle frontiere senza personale. Sullo stesso argomento, l’intervista di Petra Molnar sull’uso di droni, riconoscimento facciale e tecnologia lidar sui rifugiati rivela come il 2020 sia stato fondamentale nel trasformare le persone in movimento in “cavie” per la tecnologia di sorveglianza.

Febbraio

Glock, Airbus, Heckler & Koch. Dal 2017 al 2019 l’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera ha tenuto 16 incontri con lobbisti (e l’elenco dei partecipanti include la crème dell’industria delle armi). Sono stati fatti circolare cataloghi di armi e le virtù dei droni di sorveglianza sono state dettagliate in accattivanti presentazioni PowerPoint. Non erano presenti osservatori esterni e Frontex non ha fatto sapere al pubblico cosa è stato discusso in questi incontri. Due anni fa i membri del Parlamento europeo hanno chiesto a Frontex di pubblicare un registro per la trasparenza delle attività di lobbying, ma ciò non è ancora accaduto.

Marzo

  • [DOCUMENTO] Statewatch ha pubblicato la corrispondenza di Frontex tra il direttore esecutivo di Frontex Fabrice Leggeri e la Commissione europea, il Consiglio e il Parlamento, il consiglio di amministrazione di Frontex e le autorità di frontiera di Grecia, Romania, Portogallo e Svezia, sul tema della presunta complicità nei respingimenti nella regione dell’Egeo.
  • Statewatch ha anche prodotto un briefing sulle operazioni di Frontex al di fuori dell’UE, in cui si confrontano gli accordi tra l’UE e cinque stati dei Balcani occidentali (Albania, Montenegro, Serbia, Bosnia-Erzegovina e Macedonia del Nord), che consentono a Frontex di operare nei paesi. Le operazioni in Albania e Montenegro sono iniziate nel 2020, l’accordo con la Serbia è stato recentemente approvato ed è entrato in vigore il 1° maggio 2021, mentre sono in corso negoziati con BiH e Macedonia del Nord.
  • Frontex ha rilasciato: funzionalità basate sull’intelligenza artificiale per la guardia di frontiera e costiera europea, un rapporto di 167 pagine commissionato dall’Agenzia alla RAND. Il rapporto esplora quattro domande di ricerca generali: (1) Qual è il panorama attuale nell’applicazione dell’IA alla sicurezza delle frontiere? (2) Quali sistemi nuovi ed emergenti basati sull’IA potrebbero essere applicati alla sicurezza delle frontiere? (3) In quali settori della sicurezza delle frontiere potrebbero essere applicati sistemi nuovi ed emergenti basati sull’IA? (4) Quali misure sono necessarie per integrare i sistemi basati sull’IA nella sicurezza delle frontiere?

Aprile

Maggio

Giugno

  • Grecia, violenza, bugie e respingimenti. Rapporto di Amnesty International che mostra che “l’uso di respingimenti da parte della Grecia non può essere considerato come una risposta a eventi eccezionali o alle azioni di attori criminali. Piuttosto, è una politica de facto di gestione delle frontiere che si basa sugli sforzi coordinati di più autorità in Grecia“.
  • Grecia: la Commissione europea aumenta la sorveglianza delle frontiere – e allo stesso tempo la critica, di Matthias Monroy.
    La polizia di frontiera greca sta usando un cannone sonoro e droni su una nuova recinzione di confine, e la Commissione europea esprime la sua “preoccupazione” al riguardo. Tuttavia, sta finanziando diversi progetti di ricerca simili, tra cui un drone semi-autonomo con funzionalità di invisibilità per “un’efficace sorveglianza delle frontiere e dei flussi migratori”.
  • Ricatto nei Balcani: come l’UE sta esternalizzando le sue politiche di asilo, di Statewatch.
    “Lo sviluppo di un sistema per la raccolta di dati sulle persone in movimento nei Balcani evidenzia l’orientamento generale delle politiche migratorie dell’UE: esternalizzare la gestione della migrazione a tutti i costi, a scapito delle disposizioni per l’accoglienza. Al fine di tenere a distanza coloro che sono considerati “indesiderabili”, l’Unione europea si spingerebbe fino al punto di estendere oltre i suoi confini il meccanismo “Dublino” per l’assegnazione della responsabilità dello Stato per le domande di asilo, con il rischio di aggravare ulteriormente le violazioni dei diritti lungo la rotta balcanica?

Luglio

Agosto

  • Frontex colma le lacune di sorveglianza in aria e nello spazio. I droni ad alta quota inizieranno a controllare le frontiere esterne dell’UE dalla stratosfera, un dirigibile statico sta già osservando le zone vicine al suolo. Con i sistemi di intercettazione dallo spazio, l’Agenzia di frontiera dell’UE vuole localizzare ed eventualmente intercettare i telefoni satellitari nel Mediterraneo. Finora, la tecnologia è stata installata solo sugli aerei. Di Matthias Monroy.

Settembre

Ottobre

  • Frontex: 16 anni di disastro umanitario e politico. Domenica 3 ottobre 2021 ricorre l’anniversario della morte di oltre 360 migranti, durante un naufragio al largo di Lampedusa nel 2013, e come tale è una giornata di commemorazione. Sempre in questo giorno, nel 2005, l’Agenzia della guardia di frontiera e costiera dell’UE Frontex ha iniziato a operare nella capitale polacca Varsavia. Questo non è un motivo per festeggiare: Frontex ha stabilito un record di morte e vite distrutte nei suoi sedici anni di esistenza.
  • Frontex disumanizza i migranti. Henrike Behrens-Scholvin e Anna Schliewen analizzano due relazioni annuali di Frontex del 2006 e del 2019, per esaminare come l’Agenzia inquadra le persone in movimento:

    Frontex inquadra i migranti in categorie che enfatizzano l’attribuzione e l’assegnazione … Le segnalazioni non parlano di persone, rifugiati, e i migranti sono raggruppati e criminalizzati in categorie come quella di “cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare” … [Questo] identifica i soggetti come non- europei, esclusi dalla norma europea. L’esterno della norma europea significa di conseguenza l’esterno del territorio europeo. All’interno del discorso della fuga, i rifugiati per Frontex sono “nazionalità, migranti irregolari, partenze e arrivi”. Gli unici atti attivi attribuiti alle persone in fuga sono i crimini transfrontalieri.

Novembre

  • La cooperazione di Frontex con i paesi terzi: esame delle implicazioni per i diritti umani, di Mariana Gkliati e Jane Kilpatrick per FMReview. Guardando ai casi di Albania e Niger e ai loro accordi con Frontex, gli autori esplorano i diversi rischi per i diritti umani e traggono importanti concetti per coloro che sono interessati all’effettiva adesione dell’UE allo stato di diritto.

    Se Frontex è attualmente sotto esame per le violazioni dei diritti umani alle frontiere dell’UE, il suo operato al di là dei confini dell’UE rimane a malapena esaminato.
  • Frontex e l’industria militare e della sicurezza, una scheda informativa del gruppo di ricerca Abolish Frontex sulle relazioni sempre più strette tra Frontex e l’industria militare e della sicurezza europea.

    “Da quando ha iniziato a operare nel 2005, ha funzionato principalmente come intermediario tra l’industria e le autorità di frontiera degli Stati membri dell’UE. Con il suo budget ampliato per i prossimi sette anni (2021-2027) è destinata a diventare un grande acquirente a sé stante”.
  • Due articoli pubblicati da Der Spiegel International: smascherato il violento esercito ombra d’Europa, non strettamente su Frontex, ma un’importante indagine condotta da Lighthouse Report sui “misteriosi uomini che indossano passamontagna e picchiano i rifugiati alla frontiera esterna dell’UE o abbandonandoli in mare. Mesi di reportage ora rivelano chi c’è dietro le operazioni;” “I nostri ordini sono chiari. Nessuno passa“, un altro articolo del team investigativo di Lighthouse Report / Der Spiegel, che analizza respingimenti sul Mediterraneo e rintraccia l’ordine e le politiche a Bruxelles.
  • UE e NATO: militari, polizia, servizi segreti contro la migrazione come “minaccia ibrida, di Matthias Monroy. Dal trattato di Lisbona la Commissione europea e il Consiglio hanno intrecciato la sicurezza interna ed esterna e quindi una più stretta cooperazione con la NATO. Nel 2015 è stata creata una parola per questo, usata contro la disinformazione, gli attacchi informatici e la migrazione.
Indagare su Frontex: come un team di segnalazione ha messo sotto i riflettori una super-agenzia dell’UE. Presentato da Lighthouse Reports e co-sponsorizzato dal Refugee Law Lab, con Daniel Howden, (Lighthouse Reports), Nick Waters, (Bellingcat), Steffen Lüdke (Der Spiegel), Katy Fallon (freelance); moderato da Petra Molnar (The Migration Tech Monitor)

Dicembre

  • Una foglia di fico: il regime di responsabilità di Frontex, di Lena Karamanidou, per Abolish Frontex.

    L’efficacia del rispetto dei diritti umani e del regime di responsabilità di Frontex è sempre stata messa in discussione, ma nel corso delle indagini su Frontex che hanno avuto luogo nell’ultimo anno, è diventato più chiaro che mai che il regime di responsabilità agisce come una foglia di fico. Invece di documentare le violazioni e le violenze alle frontiere dell’Unione europea, le nasconde. Piuttosto che prevenire la violenza – ammesso che ciò sia possibile dal momento che l’istituzione del confine è intrinsecamente violenta e razzista – è stato usato per scagionare Frontex da qualsiasi illecito e per legittimare la violenza e le violazioni perpetrate dall’UE e dai suoi Stati membri.