Emergency / Oxfam: “All’Africa appena 30 milioni di dosi di vaccino”

La denuncia delle Ong: "In Europa 55 milioni di dosi saranno gettate, da gennaio in Africa morte almeno 250 mila persone per Covid"

Immagine tratta dal video di Emergency

Le Organizzazioni denunciano che entro fine febbraio i Paesi dell’Unione europea dovranno smaltire ben 25 milioni di dosi in più di quante donate dall’inizio dell’anno ai Paesi africani. In Africa, dove solo l’11% della popolazione è vaccinato con due dosi, da gennaio sono morte almeno 250 mila persone per Covid, quasi 7 mila al giorno.
Alla vigilia del summit tra Unione europea e Unione africana, le Ong fanno appello urgente per un accordo sulla sospensione dei brevetti dei vaccini, per permetterne la produzione in Africa.

L’Italia assuma finalmente una posizione chiara“.


«L’Unione europea entro la fine di febbraio dovrà buttare 55 milioni di dosi di vaccini Covid, perché in scadenza, mentre all’Africa ne ha donate appena 30 milioni dall’inizio dell’anno. Nel frattempo in Africa, a causa della scarsità di vaccini, appena l’11% della popolazione ha ricevuto le prime due dosi e dall’inizio dell’anno si stima che almeno 250 mila persone siano morte a causa del virus, quasi 7 mila al giorno».

È la denuncia diffusa da Oxfam e EMERGENCY, membri della People’s Vaccine Alliance, alla vigilia del summit tra i leader dell’Unione europea (Ue) e dell’Unione africana (Ua), in programma oggi e domani a Bruxelles.

L’Ue è il maggior esportatore di vaccini al mondo, ma solo l’8% è andato all’Africa

“Nonostante la retorica di una relazione speciale con l’Africa, l’Unione europea, che al momento è il primo esportatore di vaccini al mondo, ha dato la priorità alla vendita di dosi prodotte in Europa ai Paesi ricchi in grado di pagare prezzi esorbitanti facendo prevalere unicamente la logica del profitto delle case farmaceutiche. Solo l’8% delle dosi esportate è andato al continente africano – hanno detto Sara Albiani, policy advisor per la salute globale di Oxfam Italia e Rossella Miccio, presidente di Emercengy. 
BioNTech, l’azienda tedesca partner di Pfizer, ha venduto solo l’1% del suo export nei Paesi africani. Allo stesso tempo, fino ad oggi è l’Unione europea, sotto la spinta della Germania, ad opporsi con maggiore forza alla proposta di sospensione dei diritti di proprietà intellettuale sui vaccini Covid, avanzata da India e Sud Africa all’Organizzazione Mondiale del Commercio con il sostegno dell’Unione africana e di oltre 100 paesi. Un passo che, se accompagnato dalla condivisione di tecnologie e know-how, consentirebbe la libera produzione di vaccini, test e cure, bloccando lo sviluppo di nuove varianti del virus”.

Un summit destinato a deludere le attese

L’analisi di Oxfam e di Emergency non lascia molte speranze che qualcosa cambi nell’immediato. «Da quanto trapelato fino ad ora – scrivono – la spaccatura tra leader europei e africani difficilmente troverà una composizione anche nel corso del summit. La scorsa estate, il Presidente francese Emmanuel Macron – che come presidente di turno del Consiglio europeo ospita il vertice tra Ue e Ua – ha annunciato il suo sostegno alla proposta di sospensione dei brevetti sui vaccini, ma da allora ha fatto molto poco per portare gli altri Paesi dell’Unione su questa posizione.

L’Italia è stata assente da questo dibattito a livello europeo, schiacciandosi sulle posizioni della Commissione europea e della Germania, sebbene il Parlamento si sia più volte espresso per chiedere al Governo di promuovere la sospensione dei brevetti all’interno delle istituzioni europee».

“Nei paesi dell’Unione l’accaparramento di vaccini ha fatto sì che il numero di cittadini che ha già fatto la dose booster, abbia superato di più di un terzo il numero di persone che in Africa ha avuto due dosi – hanno sottolineato Albiani e Miccio -. Nonostante le vane promesse di rendere il vaccino un bene pubblico globale, fatte ad inizio pandemia dalla Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, l’Ue ha quindi una precisa responsabilità dell’attuale enorme carenza in tutto il continente africano”.

“L’Ue sostiene di promuovere una partnership tra pari con l’Unione Africana, eppure sta gettando più dosi di vaccino di quante ne stiano donando a noi, continuando a bloccare la sospensione dei brevetti che ci consentirebbe di produrne autonomamente. Cosa c’è di paritario in questo?”, ha aggiunto Sani Baba Mohammed, segretario regionale per l’Africa e il Medio Oriente del Public Services International.
L’apartheid vaccinale, che l’Unione europea continua a perpetuare, ha un costo immane in termini di vite perse, impatto sulle economie e sui sistemi sanitari dei Paesi africani. È incoraggiante che l’Unione africana assuma una posizione forte su questi temi in occasione del summit Ue-Ua e chieda di inserire la deroga sulla proprietà intellettuale dei brevetti nel documento finale del vertice. È un passo fondamentale per tutta l’Africa”.

Nel 2022 BioNTech produrrà in Africa meno dosi di quante ne escano in un mese dagli stabilimenti tedeschi

«Sulla carta, l’Unione europea fino ad oggi ha messo in campo diversi progetti per sostenere l’avvio della produzione di vaccini nei Paesi africani – concludono le Ong – ma lo ha fatto sempre sotto il controllo delle aziende farmaceutiche che ne detengono i brevetti e continuano a tutelare in primis i propri interessi commerciali. Un esempio lampante è quello di BioNTech, che ha recentemente annunciato l’intenzione di produrre complessivamente 50 milioni di dosi in Africa, una cifra inferiore alla propria produzione mensile in Germania».
“L’Unione europea continua ad anteporre gli interessi delle case farmaceutiche all’obiettivo di salvare vite in Africa, l’ultima parola continuano ad averla le aziende produttrici – hanno affermato Albiani e Miccio. Su queste basi non si riesce quindi a capire come si possa definire un’agenda di lavoro condivisa con l’Unione africana”.

Il fallimento dell’iniziativa Covax finanziato dalla Ue con 3 miliardi di euro

Nel frattempo il COVAX – l’iniziativa dell’Organizzazione Mondiale che avrebbe dovuto garantire l’accesso ai vaccini nei Paesi in via di sviluppo, che era stata sostenuta dalla Ue con 3 miliardi di euro – sta facendo i conti con la mancanza di finanziamenti da parte dei Paesi donatori, dopo aver mancato l’obiettivo di vaccinare il 20% della popolazione dei Paesi più poveri entro la fine del 2021. Ad oggi Covax ha consegnato 1,18 miliardi di dosi a fronte dei 2 miliardi che si era impegnato ad inviare entro fine anno. Il tutto, mentre la sola Germania ha incassato 3,2 miliardi di euro di entrate fiscali da BioNTech, l’azienda che, insieme a Pfizer, aveva ricevuto 2,5 miliardi di dollari dei contribuenti, già prima di ricevere l’autorizzazione all’uso di emergenza dei vaccini.