//

Grecia, un’inchiesta giornalistica denuncia la morte di due persone dopo essere state gettate in mare. L’accusa di un superstite

La guardia costiera greca usa una nuova strategia brutale per respingere le persone

Dopo un’investigazione durata alcuni mesi Lighthouse Reports, Der Spiegel, The Guardian e Mediapart, pubblicano un’inchiesta scioccante.

A partire dalla denuncia di un richiedente asilo che accusa la guardia costiera greca di aver gettato in acqua due dei suoi compagni che sono annegati, la ricostruzione della sequenza degli eventi indica che gli uomini sono annegati a causa di una nuova strategia messa in atto dalla guardia costiera greca che consiste nel gettare in mare piccoli gruppi di richiedenti asilo e farli nuotare verso la Turchia. La guardia costiera greca nega qualsiasi pratica illegale.
La traduzione dell’inchiesta pubblicata su Lighthouse Reports.

I pushbacks nel mare Egeo causano annegamenti

Esaminiamo quella che gli informatori affermano essere la nuova tattica di gettare i richiedenti asilo in mare al largo delle coste turche

La Grecia afferma che la sua polizia di frontiera “forte ma equa” nell’Egeo salva vite. Il governo indica il calo dell’80% degli arrivi via mare come prova del suo successo. In realtà, la politica si basa su un regime di detenzione dei richiedenti asilo appena sbarcati nelle isole dell’Egeo e li costringe su gommoni di salvataggio senza motore per poi lasciarli alla deriva verso la Turchia. Questa pratica è stata ampiamente documentata da Lighthouse Reports e dai nostri media partner in inchieste precedenti.

A settembre, i corpi di Sidy Keita, della Costa d’Avorio, e Didier Martial Kouamou Nana, del Camerun, sono stati ritrovati sulle coste turche. La loro morte ha suggerito che è stata messa in atto una nuova tattica potenzialmente mortale. I due uomini erano stati visti vivi e vegeti sull’isola greca di Samos pochi giorni prima, secondo vari testimoni. Uno di quei testimoni, Ibrahim, dice che era con Sidy e Didier quando sono stati catturati dalle autorità greche sull’isola, fatti salire a bordo di un motoscafo e poi gettati in mare al largo della Turchia. Lavorando con Der Spiegel, The Guardian e Mediapart abbiamo ricostruito gli ultimi giorni di entrambe le vittime, verificato le testimonianze, ove possibile, e trovato prove che suggeriscono che gli uomini sono annegati a causa di una nuova strategia messa in atto dalla guardia costiera greca che consiste nel gettare in mare piccoli gruppi di richiedenti asilo e farli nuotare verso la Turchia.

Metodi

La mattina del 15 settembre un gruppo di 36 persone è arrivato sull’isola greca di Samos a bordo di una piccola imbarcazione dopo aver lasciato la Turchia durante la notte. Poco dopo essere arrivati ​​a Samos, i richiedenti asilo si sono accorti che la loro presenza era stata rilevata. Una foto scattata da uno del gruppo mostra come la nave della guardia costiera greca si fosse avvicinata a loro. In un messaggio vocale che abbiamo acquisito, uno dei membri del gruppo ha raccontato che i funzionari si erano avvicinati a loro anche via terra.

Secondo sette testimoni che abbiamo intervistato, Sidy, Didier e Ibrahim erano tra i pochi richiedenti asilo che inizialmente erano riusciti a sfuggire alle forze di confine greche quella mattina. Un gruppo molto più numeroso di 28 persone è stato catturato mentre era ancora vicino alla spiaggia e portato su un’imbarcazione. La guardia costiera li ha trascinati in mare, verso la Turchia, dove sono stati gettati alla deriva su due gommoni di salvataggio gonfiabili. Ore dopo, le guardie costiere turche hanno portato i 28 a riva: foto e video mostrano il gruppo su gommoni di salvataggio poco prima del loro salvataggio.

Delle otto persone che sono sfuggite alla cattura iniziale a Samos e si sono nascoste nella boscaglia, solamente quattro sono arrivate al centro di accoglienza e identificazione dell’isola, dove sono state registrate. Una donna è stata arrestata e respinta, lasciata alla deriva su un piccolo gommone, come mostrano le immagini scattate dalla guardia costiera turca.

Sidy, Didier e Ibrahim sono stati catturati il ​​giorno dopo dalle autorità greche. Secondo Ibrahim, l’unico sopravvissuto dei tre, sono stati portati in un porto, imbarcati su un motoscafo, picchiati e gettati in mare senza giubbotto di salvataggio. Sidy e Didier sono annegati, mentre Ibrahim è riuscito a nuotare fino alla costa e ha scoperto il corpo di Sidy sulla riva vicina. Il corpo di Didier è stato trovato successivamente dalla guardia costiera turca mentre galleggiava nelle secche non lontano dalla terraferma.

La testimonianza di Ibrahim non può essere confermata da altri testimoni, ma siamo stati in grado di verificare dettagli importanti del suo racconto. Ad esempio, ha dichiarato che le onde erano molto alte quel giorno, il che corrisponde al bollettino meteorologico che afferma che i venti erano forti. Ibrahim ha anche detto che quando ha visto il corpo di Sidy sulla costa turca ha messo un bastone nelle rocce accanto ad esso in modo che le persone potessero trovarlo più tardi. Questo bastone è chiaramente visibile nelle fotografie scattate dalla guardia costiera turca venuta a recuperare il corpo.

Due informatori, funzionari greci con conoscenza diretta delle operazioni della guardia costiera, che hanno parlato a condizione di restare anonimi, hanno confermato che quanto descritto da Ibrahim era già accaduto a molti altri richiedenti asilo. La logica, affermano le fonti, è quella di evitare di utilizzare i gommoni di salvataggio quando possibile perché sono costosi e qualsiasi gara d’appalto pubblica per la loro sostituzione potrebbe sollevare dubbi sul loro utilizzo. Abbiamo scoperto che almeno altri 29 presunti incidenti di persone gettate in mare sono stati registrati da ONG come Aegean Boat Reports e dalla guardia costiera turca dal maggio dello scorso anno. Un’analisi completa open source della metodologia  utilizzata per supportare questa indagine può essere trovata qui.

Storie

L’ONU stima che quasi 3.000 persone siano morte o disperse dopo aver tentato di raggiungere l’Europa attraverso il Mediterraneo e l’Egeo: molti di questi morti e dispersi rimangono anonimi. Abbiamo fatto visita alle famiglie di Didier Martial Kouamou e Sidy Keita in Camerun e in Francia, abbiamo incontrato i loro compagni di viaggio in Turchia e in Grecia e abbiamo visitato la tomba numerata e senza nome di Sidy in Turchia per assicurarci che le loro storie fossero raccontate.

Sidy Keita, 36 anni, ha dovuto lasciare il proprio paese d’origine, la Costa d’Avorio, temendo per la sua incolumità dopo aver manifestato contro il presidente. Didier Martial Kouamou, 33 anni, padre di due figli, aveva lavorato come meccanico in Camerun e voleva raggiungere il fratello Séverin che lavora in un negozio di telefoni cellulari a Parigi. Sia Sidy che Didier volevano chiedere asilo in Europa.

Séverin si incolpa per la morte di Didier. Sua zia Marinette, che ha cresciuto Didier, ha detto: “La notizia della sua morte ci ha devastati“.

Sidy è sepolto nel cimitero Doğançay di Smirne, il “cimitero dei senza nome” in Turchia, per le persone i cui parenti non possono permettersi una lapide. Uno dei conoscenti di Keita che lo aveva incontrato in viaggio verso l’Europa, ha raccolto del denaro al suo funerale, ma i soldi non sono bastati per trasferire la salma fino in Costa d’Avorio.

Non ci sono fiori sulla tomba, scrive Der Spiegel dopo aver visitato il cimitero, non c’è alcuna iscrizione con il suo nome o le date della sua nascita e morte, c’è solo cartello in legno con il numero 68091.