/

Torna Radio Melting Pot: la prima trasmissione del nuovo progetto

Seguiteci sul sito, sui nostri canali social e su Spotify

Start

Ben ritrovati all’ascolto di Radio Melting Pot, con questa prima trasmissione diamo l’avvio ad un nuovo progetto che ha l’obiettivo di promuovere un protagonismo diretto delle persone coinvolte nei processi migratori.

Spesso chi migra viene percepito come un soggetto passivo e per questo reso invisibile. La narrazione mainstream non aiuta l’emancipazione e la valorizzazione perché, oltre a non affrontare in modo corretto e razionale questo tema, quando si parla di migrazioni sono quasi sempre assenti i volti e le voci dei protagonisti.

Grazie alla “Call to refugees”, un progetto realizzato con i  Fondi dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese, abbiamo l’opportunità di allargare e far crescere la redazione di Radio Melting Pot.

Le attività sono finalizzate alla conoscenza dei mezzi tecnici e giornalistici per realizzare 10 trasmissioni con cadenza mensile sul tema delle migrazioni e dell’asilo, con particolare attenzione ai Paesi di origine.

Diamo il benvenuto a Chantal Muhota, Gustavo García, Mohamed Kaba, Nagi Cheikh Ahmed, Gustavo Denis Desloges, Armando Maria De Nicola, Eva Bearzatti e Teresa Stefanelli che si sono unite alla redazione già esistente.

La conduzione in studio è di Eleonora, Mohamed, Chantal e Serena.
La post produzione e la regia sono curate da Gianluca Pizzotti.

Le interviste complete saranno poi disponibili integralmente su meltingpot.org e sui nostri canali social.
Da questa nuova stagione potrete ascoltare Radio Melting Pot anche su Spotify.

Le trasmissioni di Radio Melting Pot
Le trasmissioni di Radio Melting Pot
Radio Melting Pot: detenzione amministrativa e navi quarantena
/

Sommario

Questa puntata apre un focus sulla “detenzione senza reato” delle persone migranti in Italia. 

Il tema è, da sempre, al centro del lavoro di monitoraggio e di informazione di Melting Pot. In particolare, sul nuovo sito potete consultare una rubrica dedicata ai CPR e alla detenzione amministrativa.
Ecco il sommario della trasmissione.

  • Abbiamo raggiunto telefonicamente un cittadino marocchino attualmente detenuto in un Centro di Permanenza per il Rimpatrio. Per tutelare la sua incolumità non faremo né il suo nome né il nome del centro in cui si trova.  
  • Procederemo con l’intervista a Federica Borlizzi, collaboratrice della CILD che ci parla di «Buchi neri. Viaggio nella detenzione senza reato in Italia», un progetto pubblicato nel febbraio 2022. 
  • Ascolteremo, poi, l’intervista ad Anna Paola Ammirati e Sami Aidoudi operatori del progetto IN LIMINE di ASGI, focalizzato su hotspot, detenzione amministrativa, gestione delle frontiere esterne UE, che ci aggiorneranno sugli sviluppi in merito alle “navi quarantena”.
  • Chiuderemo con la testimonianza dell’Avvocato Arturo Raffaele Covella della redazione di Radio Melting Pot che si occupa da vicino di quello che accade all’interno del CPR di Palazzo San Gervasio.

La playlist della trasmissione: No Borders – Malika Zarra; Haut Les Coeurs – Fauve; L’uomo nero – Brunori Sas; Aprite le città – Nada.

Ringraziamo Barbara, Teresa e Stefano in redazione, le e gli ospiti che sono intervenuti. 

Per le fotografie di uno degli appuntamenti formativi ringraziamo Francesco Boz di Sherwood Foto.

Radio Melting Pot

Per la libertà di movimento, per i diritti di cittadinanza
For freedom of movement, for citizenship rights
Por la libertad de movimiento, por los derechos de ciudadanía

Pour la liberté de mouvement, pour les droits à la citoyenneté
من أجل حرية التحرك، من أجل الحقوق والمواطنة

Dal febbraio 2022 prende avvio un nuovo progetto di Radio Melting Pot che ha l’obiettivo di promuovere un protagonismo diretto delle persone coinvolte nei processi migratori.
Grazie a "Call to refugees”, realizzato con i Fondi dell'Otto per Mille della Chiesa Valdese, abbiamo l'opportunità di allargare e far crescere la redazione.