La Sea-Eye 4
/

La guardia costiera libica minaccia la nave di salvataggio SEA-EYE 4

La denuncia dell'organizzazione: «Minacce in acque internazionali»

Mercoledì mattina presto (mercoledì 4 maggio intorno alle 4), la cosiddetta guardia costiera libica ha minacciato la nave di salvataggio SEA-EYE 4 e l’ha invitata a lasciare “il territorio libico“. Tuttavia, la SEA-EYE 4 era in acque internazionali in quel momento, dove le navi possono muoversi liberamente secondo le leggi internazionali. La nave da guerra libica, segnata 660, ha girato intorno alla SEA-EYE 4 per 50 minuti a una distanza di circa 500 metri e ha ripetuto le sue minacce più volte, poi si è allontanata per dirigersi verso ovest.

Il capo missione della SEA-EYE 4 ha informato il Maritime Distress Control Center di Roma e le autorità tedesche dell’incidente. La cosiddetta guardia costiera libica ha minacciato più volte negli ultimi anni le navi di soccorso con la violenza e ha anche sparato dei colpi di avvertimento. Anche le missioni di salvataggio in corso sono state ripetutamente interrotte dalla cosiddetta guardia costiera libica, in alcuni casi causando l’annegamento di persone.

Gli stati membri dell’UE stanno finanziando la cosiddetta guardia costiera libica per impedire alle persone di fuggire dalla Libia. Nel fare ciò, questi stati dell’UE stanno sostenendo attori violenti e imprevedibili. Queste milizie senza scrupoli sono uno strumento politico. Ogni volta che la cosiddetta guardia costiera libica trascina le persone di nuovo nella guerra civile, ostacola le operazioni di salvataggio o minaccia i soccorritori in mare, gli stati membri dell’UE accettano una parte significativa di responsabilità per questi crimini. L’UE deve smettere di cooperare con la cosiddetta guardia costiera libica e garantire passaggi sicuri per tutte le persone che cercano protezione“, dice Gorden Isler, presidente di Sea-Eye e. V.


Sea-Eye e. V. è stata fondata a Regensburg, in Germania, nel 2015 e da allora salva le persone in difficoltà nel Mediterraneo centrale. Nell’autunno 2020, l’organizzazione ha acquistato la SEA-EYE 4, l’ha convertita nella più grande nave di salvataggio dell’organizzazione fino ad oggi, e l’ha inviata nella sua prima missione di salvataggio nel maggio 2021. Fino ad oggi, un totale di oltre 1.000 membri volontari dell’equipaggio Sea-Eye hanno partecipato al salvataggio di oltre 16.000 persone.