SPID – Sistema Pubblico Identità Digitale

Scheda e video tutorial

Con il Sistema Pubblico d’Identità Digitale – SPID si può accedere ai servizi online della pubblica amministrazione e dei privati aderenti, con una coppia di credenziali (username e password) personali.
Lo SPID si può usare da qualsiasi dispositivo in modo semplice e sicuro: computer, tablet e smartphone, ogni volta che, su un sito o un’app di servizi, c’è il pulsante “Entra con SPID”.
Si può scegliere di attivarlo, gratuitamente o a pagamento, sul sito di uno dei gestori di identità abilitati. Una volta ottenuto, l’utilizzo di SPID è gratuito per il cittadino.

Chi può richiederlo?

Tutti i maggiorenni e in possesso di un documento di riconoscimento italiano valido e di una tessera sanitaria o del tesserino del codice fiscale.

Risiedi in Italia?

Per richiedere SPID serviranno:

  • un indirizzo e-mail personale (non usare indirizzi di lavoro o altre e-mail a cui un giorno si potrebbe non avere più accesso);
  • il numero di telefono del cellulare che si usa normalmente (anche se non si è l’intestatario del contratto);
  • un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente);
  • la propria tessera sanitaria con il codice fiscale (oppure il certificato di attribuzione).

Risiedi all’estero?

Per i residenti all’estero o per i cittadini italiani residenti all’estero (iscritti all’AIRE), per richiedere SPID serviranno:

  • un indirizzo e-mail personale (non usare indirizzi di lavoro o altre e-mail a cui un giorno si potrebbe non avere più accesso);
  • il numero di telefono cellulare italiano o estero che si usa normalmente (anche se non si è l’intestatario del contratto);
  • un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente);
  • il proprio tesserino del codice fiscale (oppure il certificato di attribuzione).

Quando si sceglie il gestore d’identità, selezionare tra quelli che coprono l’area geografica di interesse.

Sei un cittadino straniero in Italia?

Per i cittadini stranieri con permesso di soggiorno e residenti in Italia, per richiedere SPID serviranno:

  • un indirizzo e-mail personale (non usare indirizzi di lavoro o altre e-mail a cui un giorno di potrebbe non avere più accesso);
  • il numero di telefono cellulare italiano o estero che usi normalmente (anche se non si è l’intestatario del contratto);
  • un documento di identità italiano valido, ad esempio la carta di identità;
  • la propria tessera sanitaria con il codice fiscale o il tesserino del codice fiscale (oppure i rispettivi certificati di attribuzione).

Non è possibile richiedere SPID usando il permesso di soggiorno, ma con questo si può ottenere la carta d’identità che servirà per richiedere SPID.

Vuoi attivare SPID per uso professionale?

L’identità digitale ad uso professionale veicola, oltre ai dati della persona fisica, anche i dati della persona giuridica (ad esempio la partita iva, la tipologia societaria, etc) e può essere richiesta per accedere a servizi dedicati a scopi professionali: 

  • ad uso professionale della persona fisica, che veicola solo i dati della persona fisica;
  • ad uso professionale della persona giuridica, che fornisce i dati della persona fisica e dell’organizzazione di appartenenza.

Il responsabile legale di un’organizzazione (società, ente, impresa, ecc.) può richiedere e utilizzare la propria identità digitale per accedere ai servizi online. A tale scopo è anche possibile dotare i propri dipendenti di identità digitali per uso professionale della persona giuridica. 

Video tutorial in lingua per l’ottenimento delle credenziali SPID

A cura di Oxfam Italia

Lingua italiana
Lingua inglese
Lingua francese 
Lingua cinese

Link Utili: 

SPID – come ottenere le credenziali (sito del Governo)


Scheda pratica realizzata da Pratomigranti.it