Essoh Guilaine Parfait
/

«Mio fratello è stato ucciso da un proiettile in testa alla recinzione di Melilla»

La testimonianza della sorella di Essoh, uno dei 37 migranti uccisi lo scorso 24 giugno

Start

di Antonio Sempere

Si chiamava Essoh Guilaine Parfait, aveva 24 anni e veniva dal Camerun.

È passato un mese dal salto della recinzione a Melilla, che sarà ricordato nella storia dei tentativi disperati di attraversare le frontiere come il più tragico e violento in cui centinaia di persone hanno lottato per entrare in un’Europa sempre più chiusa. Il confine meridionale dell’Europa non è l’unico a subire una forte pressione migratoria. A Melilla, il 24 giugno, circa duemila migranti sono scesi dal Gurugú per cercare di attraversare l’Europa e lasciarsi alle spalle una vita miserabile che li condanna all’esclusione e li priva di opportunità.

23 morti secondo le autorità marocchine e fino a 37 secondo le ONG che operano sul posto. Il numero potrebbe continuare a crescere. La brutalità esercitata dalla polizia marocchina ha provocato oltre 200 feriti. Non c’è alcuna giustificazione. Le immagini registrate ai cancelli del recinto sono terrificanti. Persone ammassate a terra, alcune gravemente ferite e altre già senza vita, soffocate, schiacciate e picchiate. Più di 7 ore senza assistenza medica hanno fatto sì che il bilancio delle vittime sia più alto.

Foto da AMDH Nador – Le persone arrestate quel 24 giugno

Una di queste persone è Essoh. Un camerunense di 24 anni, arrivato in Marocco con la sorella con l’intenzione di passare in Europa 2 anni fa. Essoh e sua sorella Lisa (non è il suo vero nome) hanno lasciato Douala, in Camerun, decisi a intraprendere il viaggio.

Lì lasciarono una sorella, la più giovane della famiglia, alle cure del nonno. I genitori di Lisa ed Essoh erano morti anni prima. Avvertendo la mancanza di opportunità per i giovani in Camerun, hanno deciso di partire per l’Europa per cercare di trovare una vita migliore. 

 Lisa, che vive a Tangeri con il figlio di tre anni, riceve messaggi su quanto sta accadendo al confine con Melilla. Lisa sapeva che suo fratello era andato a Nador con un compagno di viaggio con l’intenzione di attraversare la barriera, ormai priva di concertini, che separa il Marocco da un Paese poco sicuro e che non offre nulla agli africani neri. Lisa ha osservato con stupore e paura i gendarmi marocchini che spingevano e picchiavano i suoi fratelli e sorelle africani. Non vuole nemmeno immaginare che uno dei corpi che giacciono a terra è quello di Essoh, la sua anima-fratello che l’ha aiutata tanto da non far mancare il sostentamento né a lei né al bambino. Lavorava, se così si può dire, in città cercando di guadagnare qualche dirham facendo un po’ di tutto. Dalla pulizia delle auto alla vendita di fazzoletti ai semafori.

Lisa osserva nei video come la polizia maltratta i giovani a terra, gravemente feriti ed esausti, incapaci di difendersi. Dentro di sé è sicura che suo fratello sia uno dei 133 ragazzi che sono riusciti a superare la sicurezza, prima entrando in territorio marocchino e poi superando la Guardia Civil, che era stata dispiegata per cercare di fermare il passaggio. Lisa pensa che non sia uno di quelli visti nelle immagini che cercano di farsi strada a sassate tra gli agenti. È convinta che Essoh stia riposando nel CETI di Melilla, felice di aver realizzato il suo sogno. Non riconosce nessuno dei giovani africani che corrono per le strade di Melilla gridando “Bossa“, eppure è sicuro che Essoh si presenterà in men che non si dica e gli annuncerà con un messaggio sul cellulare che ce l’ha fatta, quando riuscirà a ottenere una connessione wireless, che farà del suo meglio per portare lei e il bambino non appena sarà in grado di lavorare. Pensa che questa volta sarà fortunato.

Un anno prima, i due fratelli si trovavano alla frontiera con Ceuta durante i tre giorni di crisi frontaliera con il Marocco a maggio quando, quasi senza crederci, hanno visto migliaia di persone entrare e la polizia marocchina aiutarle. Gli “Alis” (forze ausiliarie che pattugliano il perimetro nella zona marocchina) hanno aperto i cancelli a tutti coloro che volevano lasciare il Marocco: molti hanno attraversato la recinzione e altri sono andati al mare per costeggiare il frangiflutti di Tarajal. La polizia spagnola, sopraffatta dalla situazione, ha avuto appena il tempo di tirare fuori dal mare le migliaia di persone, tra cui donne e neonati, che stavano nuotando verso la riva della spiaggia Tarajal di Ceuta.

Decisero quindi di partire per Fnideq (Castillejos) assieme a centinaia di africani che camminavano lungo la strada da Tangeri alla frontiera di Bab Septa, ancora increduli per l’opportunità che era stata loro offerta.

Lisa ed Essoh sono riusciti a entrare a Ceuta. Dopo aver superato la barriera, hanno incontrato l’esercito che il governo, con una mossa senza precedenti la notte prima, aveva schierato al confine per cercare di impedire l’ingresso di altre persone a Ceuta. I soldati li hanno ricacciati in territorio marocchino pochi minuti dopo che erano riusciti a raggiungere la Spagna. Lisa e il suo bambino non hanno avuto nemmeno la minima possibilità di appellarsi al diritto di chiedere asilo nel nostro Paese che avrebbe permesso loro di rimanere nella struttura di accoglienza dei magazzini Tarajal insieme ad altre donne subsahariane che erano riuscite ad arrivare con i loro bambini. Non è stata fortunata. La lotteria del destino le ha negato qualcosa che, senza le condizioni di pressione alla frontiera, di quel 18 maggio, sarebbe stato impensabile per le autorità spagnole riportare in Marocco due persone così vulnerabili. Lisa, il bambino ed Essoh erano alla porta di uscita poche ore dopo aver baciato la libertà. Stavano tornando all’inferno…    

Passano le ore e ancora nessuna notizia. Lisa inizia ad avere brutti pensieri dopo aver visto i video espliciti che circolano sui social network. Lo stesso venerdì pomeriggio riceve una telefonata da Nador. È una voce che non riesce a identificare perché è rotta. È la voce di un giovane che ha visto molte volte insieme a Essoh da quando sono arrivati in Marocco. Ora sa che è successo qualcosa di brutto. È l’amico e confidente di Essoh:

“L’hanno ucciso, l’hanno ucciso! È morto. Gli hanno sparato in testa ed è morto”.

Lisa prova un dolore così forte in quel momento che non è in grado di reagire. Non riesce a capacitarsi del fatto che suo fratello sia uno dei ragazzi maltrattati in modo disumano nel passaggio di frontiera di  Barrio Chino a Melilla. Il telefono si spegne e non potrà ricollegarsi. È stato arrestato. La notizia della morte del fratello gli è stata comunicata dall’amico di Essoh che ha partecipato al salto. Lui è sopravvissuto e le ha detto che avevano sparato a suo fratello. Da allora non ha più avuto notizie dell’amico.

 Un messaggio audio ricevuto da Lisa, a cui abbiamo avuto accesso, è stato inviato a centinaia di persone per raccontare la tragedia. Si suppone che sia di un altro migrante africano che ha qualche contatto con Melilla. Il Marocco ha negato che ci siano stati morti tra le forze di sicurezza. Ha riportato solo alcune ferite gravi. Nessuno può confermare ciò che l’audio riproduce. Questa è la traduzione letterale:

I gendarmi morti sono 4, perché lo scontro è andato male. Gli africani erano armati con armi bianche, cioè coltelli, barre di metallo, barre di legno… tutto ciò che potevano trovare. È andata male. Anche la gendarmeria marocchina ha sparato con proiettili veri. Quindi fate molta attenzione, ci sono anche altri due morti, ma non ne conosciamo il numero. Una fonte attendibile ci dice che sono morti 4 gendarmi, 4 gendarmi morti negli scontri. E ci sono molti neri che sono morti, ma non ne conosciamo il numero esatto.  Quindi, fate molta attenzione. Ci sarà un’incursione generale. Ci sarà una retata generale da parte del Marocco. Rimanete a casa, perché se uscite e venite scoperti, può essere terribile. Quindi fate molta attenzione. I marocchini sono molto arrabbiati, come si legge sui social network e sui media. Quindi noi che siamo qui in territorio marocchino, in particolare a Tangeri, dobbiamo stare molto attenti, rimanere a casa, con calma, con tranquillità”.

Nel messaggio che Lisa riceve, rivela che ci sono stati degli spari di arma da fuoco. La notizia non può essere confermata, ma alcune organizzazioni di Nador hanno raccolto testimonianze di giovani che affermano che ci sono stati spari.

La voce della ragazza è piena di paura. Nel messaggio afferma che suo fratello Essoh, 24 anni, è stato ucciso venerdì 24 giugno mentre cercava di raggiungere Melilla forzando il confine a Nador (Marocco).

Dice che non è rimasto schiacciato nella calca. Né è stato ucciso da un brutto colpo dopo il crollo di una sezione della recinzione. “Mio fratello è stato colpito alla testa“, racconta. E accusa: il Marocco è il carnefice.

Secondo diverse organizzazioni di migranti e per i diritti umani che lavorano sul posto, le vittime sono 37, ma il Marocco ne ha dichiarato solo 23. A distanza di un mese, non si hanno ancora notizie di molti dei bambini che non hanno dato alcun segno di vita da quel fatidico 24 giugno.

Una di queste vittime, secondo la sorella, è Essoh Guilaine Parfait. Tuttavia, non è riuscita a dimostrare in alcun modo che Essoh sia morto. Abbiamo contattato tre ONG in Marocco. Tutti e tre hanno questo nome come una delle possibili vittime. Ma il Marocco non ha fornito loro le identità dei 23 migranti di cui riconoscono la morte.

Photo credit: Ongi Etorri Errefuxiatuak Bizkaia

Hanno cercato di seppellirli in fretta

 Il Marocco, nel tentativo di mettere a tacere la tragedia migratoria e la crisi sul suo lato della barriera, si è affrettato a seppellire i morti senza autopsie e senza identificare le vittime.

Il lunedì successivo al giorno dell’autopsia, il Marocco ha previsto di iniziare a seppellire le prime 16 vittime nel cimitero di Nador, su una collina alla periferia della città. Non si sa ancora se le sepolture abbiano avuto luogo e se le famiglie siano riuscite a identificare qualcuno dei corpi depositati nell’obitorio della città settentrionale dopo il trasferimento dal confine vicino a Melilla.

Da quel venerdì nero alla barriera di Melilla, come lo chiamano già alcune ONG, la sorella di Essoh passa ore a rivedere ogni video che le arriva e che mostra decine, forse più di cento, di persone stese a terra, una sopra l’altra, morti mescolati a moribondi. Non riesce a trovarlo. Non riesce a trovare il volto di suo fratello tra questa sfilza di corpi.

Tuttavia, i suoi contatti a Nador, altri migranti che sognano di raggiungere il territorio europeo, le assicurano che non hanno dubbi sulla sorte di suo fratello. Qualcuno ha visto come, presumibilmente, un gendarme gli abbia sparato e ucciso.

 L’Associazione marocchina per i diritti umani (AMDH) ha chiesto che i corpi delle vittime non vengano seppelliti finché non saranno identificati. Ha inoltre chiesto un’indagine seria e indipendente. Lo hanno fatto anche Amnesty International e Human Right Watch.

Il Marocco accusa la Spagna

Il Marocco, attraverso il Consiglio nazionale per i diritti umani, ha pubblicato il rapporto preliminare e incolpa la Spagna per la morte dei migranti. Il rapporto afferma che i decessi registrati, secondo i test forensi effettuati sui corpi delle vittime, sono dovuti all’asfissia meccanica causata dall’affollamento, dalla congestione e dalla caduta dall’alto della recinzione, oltre che dallo spazio ristretto e dall’accumulo di un gran numero di migranti nella stretta strada che separa il valico, i cui cancelli erano chiusi. Anche se le prove non sono ancora definitive, è presumibile che la polizia marocchina abbia fatto un uso eccessivo della violenza.

Il Consiglio ha anche voluto informare che i corpi dei migranti morti non sono stati seppelliti ore dopo “l’assalto alla recinzione” e che i membri del comitato hanno confermato il numero di corpi durante la loro visita all’obitorio di Nador e ha aggiunto che il comitato regionale del Consiglio sta seguendo le autopsie e l’analisi del DNA come unico modo per determinare la causa delle morti. La presidente del CNDH si è arrabbiata e ha criticato la “diffusione di immagini e pubblicazioni false sui social network che non hanno nulla a che fare con questi scontri“, perché a suo avviso hanno causato una profonda confusione nell’opinione pubblica nazionale e internazionale sulle accuse di uso di proiettili e scarsa assistenza medica.

L’organo governativo marocchino ha chiesto di rafforzare le misure per mantenere l’ordine nell’area della recinzione per garantire la sicurezza delle persone e ha sottolineato che l’approccio dell’Unione europea, in particolare nel campo della migrazione, che si limita a chiudere le frontiere e a incoraggiare la gestione dei flussi migratori da parte dei Paesi vicini, porterà solo a calamità e tragedie. Nello stesso contesto, il Consiglio ha espresso il proprio rammarico per la gestione dell’immigrazione da parte dei Paesi europei, in particolare per i migranti provenienti dal Medio Oriente, e ha concluso sottolineando la necessità di aderire ai principi di necessità e proporzionalità, indipendentemente dalle circostanze, al fine di proteggere l’integrità fisica dei migranti.

L’Europa chiede alla Spagna di non contribuire alle violazioni dei diritti umani alle sue frontiere

Il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa ha invitato la Spagna a garantire misure umanitarie di controllo delle frontiere che non comportino violazioni dei diritti umani dopo quanto accaduto a Melilla.

Dunja Mijatovic, ha inviato una lettera al ministro degli Interni spagnolo, Fernando Grande-Marlaska, chiedendo un’indagine sui decessi presso la recinzione e ha affermato che gli Stati membri del Consiglio non dovrebbero contribuire alle violazioni dei diritti umani durante l’attuazione delle misure adottate per rafforzare la loro cooperazione migratoria con i Paesi terzi. La Spagna e il Marocco hanno un accordo sul controllo della migrazione e i due Paesi coordinano le azioni per prevenire gli ingressi irregolari di migranti, sia alle frontiere terrestri che sulle rotte marittime, dalla rotta delle Canarie a quella dell’Atlantico e del Mediterraneo occidentale.

Mijatovic ha invitato la Spagna a migliorare la trasparenza e la responsabilità delle pratiche di controllo delle frontiere nei casi di espulsione, conducendo valutazioni dell’impatto sui diritti umani, sviluppando strategie di mitigazione del rischio e garantendo un monitoraggio indipendente dell’impatto sui diritti fondamentali dei migranti.  

La Procura spagnola, su richiesta del suo Coordinatore per l’immigrazione, ha avviato un procedimento per scoprire maggiori dettagli su quanto accaduto alla recinzione.

È in attesa di un primo rapporto da parte della Guardia Civil. Il difensore civico, Ángel Gabilondo, si è recato a Melilla per raccogliere informazioni al fine di cercare di chiarire cosa è successo quella mattina di venerdì 24 giugno.