Per la libertà di movimento, per i diritti di cittadinanza
/

La tratta di esseri umani nel diritto dell’Unione europea: politiche di contrasto e protezione delle vittime

Tesi di laurea in Diritto dell'Unione Europea di Mariano Manuel Bartiromo

Papers, una rubrica di Melting Pot per la condivisione di tesi di laurea, ricerche e studi.
Per pubblicare il tuo lavoro consulta la pagina della rubrica e scrivi a collaborazioni@meltingpot.org.


Università degli Studi di Salerno
Facoltà di Giurisprudenza
Corso di laurea magistrale
Tesi di laurea in Diritto dell’Unione Europea

La tratta di esseri umani nel diritto dell’Unione europea: politiche di contrasto e protezione delle vittime

di Mariano Manuel Bartiromo (Anno accademico 2021-2022)

Introduzione

La piaga della tratta di esseri umani, moderna evoluzione delle antiche pratiche della tratta degli schiavi e della tratta di donne a scopo di prostituzione, ha assunto una rilevanza peculiare nello scenario del contemporaneo mondo globalizzato.

Il presente lavoro, dopo una ricostruzione del quadro degli strumenti di diritto internazionale finalizzati a combatterla, si occupa di analizzare quelli predisposti dal diritto dell’Unione Europea e in particolare dalla Direttiva 2011/36/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 aprile 2011 1, che ha disciplinato organicamente la materia, soffermandosi anche sui risvolti applicativi e le prospettive di riforma della stessa ad ormai undici anni dalla sua introduzione.

L’attenzione viene incentrata in particolare sul profilo della protezione delle vittime e, in questo contesto, muovendo dalla sempre più stretta connessione tra la tratta di esseri umani e il fenomeno migratorio, viene osservato il rapporto tra il sistema di protezione specificamente destinato alle vittime di tratta e quello della protezione internazionale, con un focus finale sulla tratta delle ragazze nigeriane, che assume attualmente rilevanza paradigmatica.

  1. Consulta la direttiva