Per la libertà di movimento, per i diritti di cittadinanza

Il Tribunale esclude che la Tunisia possa essere ritenuto un Paese sicuro: accolta l’istanza cautelare

Tribunale di Catania, decreto del 4 maggio 2023

PH: Arianna Poletti. Manifestazione a Tunisi il 25 febbraio

Il Tribunale di Catania ha accolto l’istanza cautelare ex art. 35 bis co. 4 d.lgs. 25/2008 proposta da un richiedente asilo di nazionalità tunisina in sede di ricorso avverso il provvedimento adottato dalla Commissione Territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Siracusa, che aveva ritenuto manifestamente infondata la domanda da questi presentata.

Sebbene la Tunisia rientri nell’elenco dei Paesi di origine sicura ex art. 2 bis d.lgs. 25/2008, il Tribunale ha ritenuto che, a fronte della grave involuzione democratica del Paese, sussistano “gravi ragioni per sospendere l’efficacia esecutiva del provvedimento impugnato, apparendo, allo stato e ad una valutazione sommaria, propria di questa fase cautelare, la situazione del Paese di origine tale da vincere la presunzione di cui all’art. 2 bis D. Lgs 25/2008”.

Il provvedimento è corredato dalla citazione di COI aggiornate sulla Tunisia, le quali denunciano la preoccupante deriva autoritaria in corso.

Si ringrazia l’avv. Andrea Dini Modigliani e la Dott.ssa Martina Ciardullo per la segnalazione e il commento.

Assegna il tuo 5‰ al Progetto Melting Pot: scrivi 00994500288
La tua firma per uno sportello di orientamento legale online

Quest’anno destinando il tuo 5‰ a Melting Pot sosterrai l'avvio di uno sportello di orientamento legale online, un servizio a supporto delle persone che si trovano spesso colpite da prassi illegittime della pubblica amministrazione.