Per la libertà di movimento, per i diritti di cittadinanza

Da Tripoli a Roma. Immaginare e costruire nuovi passaggi sicuri

Il 31 maggio e l'1 giugno promossi da Refugees in Libya e Alliance with Refugees in Libya

Refugees in Libya, insieme alla sua alleanza, organizza un evento di due giorni di dibattiti e formazione, con l’obiettivo di immaginare e costruire nuove vie d’ingresso legali dalla Libia in Italia e di ampliare quelle esistenti. Dopo Bologna, il nuovo appuntamento italiano è a Roma.

Parteciperanno figure istituzionali di Roma Capitale, della Chiesa Cattolica ed Evangelica, delle Organizzazioni Internazionali, dell’Università, del Sindacato, del Lavoro, delle ONG di mare e di terra, di avvocati, giornalisti e membri delle reti di movimenti sociali delle città accoglienti

Siamo molto orgogliosi – dichiara David Yambio, portavoce di Refugees in Libya – che l’alleanza a sostegno del nostro movimento si stia allargando, ma non basta. Più di 200 difensori dei diritti umani sono ancora bloccati in Libia, dove ogni giorno rischiano di venire catturati e deportati nei lager, dove ogni giorno migliaia di persone sono vittime di violenze, stupri, torture e uccisioni. Perciò, in questi due giorni faremo sentire la nostra voce per chiedere che vengano immediatamente evacuati dalla Libia verso un Paese sicuro”.

Venerdì 31 maggio, l’evento sarà inaugurato da una breve conferenza stampa (09:30) alla Pontificia Università Gregoriana, Piazza della Pilotta n. 4, dove saranno presentate le rivendicazioni di Refugees in Libya e la campagna Human Rights Defenders con la presenza degli attivisti di Refugees in Libya, la sua alleanza e le istituzioni locali e religiose (per partecipare alla conferenza stampa è necessario registrarsi: clicca qui).

Nella prima Tavola Rotonda (10:30), le realtà attive nelle fasi di evacuazione e accoglienza, previste dai corridoi umanitari inaugurati dalla Comunità di S. Egidio, percorreranno insieme lo stato dell’arte al fine di migliorare il processo attuale e di aprire a nuove prospettive per vie d’ingresso sicure.

La seconda Tavola Rotonda (14:30) si pone l’obiettivo di immaginare nuove forme di arrivo in Italia combinando le necessità del Lavoro con il ruolo dell’Università nel creare nuovi quadri legali.

Sabato 1 giugno cambia il luogo degli incontri: a Spin Time Labs, in via di S. Croce in Gerusalemme n. 55, si terranno a partire dalle 10 un panel e due Laboratori Pratici di autoformazione incentrati sui temi della criminalizzazione, della comunicazione e sull’esternalizzazione delle frontiere.

L’evento vedrà anche la presenza della mostra artistica mobile ad opera di Alliance with Refugees in Libya che raccoglie immagini e testimonianze delle vittime dei campi di detenzione in Libia.

Il ricco programma con tutti gli appuntamenti e gli ospiti è disponibile qui: https://www.refugeesinlibya.org/call-to-rome .

Per sostenere le attività della campagna è possibile donare su GoFundMe: