logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Collaborazioni » Regione Marche

Cie a Falconara. Interviene l’ass. Amagliani: "Strutture lesive dei diritti universali delle persone"

23 febbraio 2009

’Sulla possibilita` di costruzione di un Centro di Identificazione ed Espulsione (CIE) per i cittadini immigrati, (gli ex CPT, Centri di Permanenza Temporanea) la nostra e` una posizione chiara, coerente e motivata da ben cinque anni. Vale a dire in tempi non sospetti’. Esordisce cosi` l’assessore regionale all’immigrazione e servizi sociali, Marco Amagliani intervenendo nel dibattito che si e` aperto quando il Governo ha individuato Falconara come sito idoneo per la realizzazione di un Centro di Identificazione ed Espulsione per immigrati.

’Il Consiglio regionale delle Marche ’ prosegue Amagliani - in una mozione approvata nella scorsa legislatura le considerava gia` `strutture lesive dei diritti universali delle persone’, in primo luogo della liberta` personale. Lo stesso Consiglio regionale si dichiarava `indisponibile alla costruzione e alla presenza sul proprio territorio di Centri di permanenza Temporanei’. La stessa mozione impegnava la Giunta regionale `ad operare in tutte le sedi, affinche` in nessun luogo del territorio regionale tali strutture’ potessero `essere realizzate o attivate’. Ed e` con questo stesso spirito e volonta` che ho partecipato, in rappresentanza della Regione Marche, al forum `Mare aperto, idee per aprire le frontiere e chiudere i CPT’ tenutosi a Bari nel luglio del 2005’. Dal forum ’ ricorda Amagliani ’ e` uscito un documento finale in cui le 14 Regioni presenti si sono impegnate ad affrontare il tema dell’immigrazione con umanita` e giustizia, consapevoli che quella del clandestino e` una condizione e non un reato, che va combattuta cioe` la clandestinita` e non la persona. L’immigrazione non puo` essere affrontata come una questione di ’ordine pubblico’, spesso affidata alla disciplina di legislazioni emergenziali. Si tratta invece di affrontare con realismo e cioe` nel pieno rispetto delle Leggi, le grandi problematiche dell’accoglienza, dell’inclusione, dell’interculturalita`.

Tutti coloro che vivono, lavorano o cercano lavoro onestamente nelle Marche sono e devono essere considerati cittadini. Tale posizione, oltre ad essere la piu` efficace dal punto di vista politico, e` la piu` rispettosa dei diritti umani come dimostrato dal rapporto del CNEL (Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro) che, proprio in questi giorni, colloca le Marche al primo posto in assoluto per l’inserimento sociale degli immigrati. Il CNEL attraverso alcuni indicatori statistici, ha preso in esame il potenziale di inserimento socio-occupazionale dei territori. Gli indicatori sono divisi in tre categorie: inserimento sociale, inserimento occupazionale e attrattivita` dei territori. Dunque considerando in particolare l’inserimento sociale - casa, scuola, naturalizzazione, ricongiungimenti familiari ’ le Marche sono in testa alla graduatoria assoluta, cioe` basata sui dati della sola popolazione immigrata.

’Gia` nel 2005, dunque - conclude Amagliani - le Regioni chiedevano al Governo il superamento dei CPT e l’istituzione di un tavolo di confronto per definire risposte alternative che tutelino i diritti e promuovano la sicurezza sociale. Perche` i CPT hanno sostanzialmente attratto l’intera materia dentro un quadro di mera regolamentazione repressiva, fondandosi su un’idea di `detenzione amministrativa’ ed oggi ancor piu` repressiva perche` si fonda sulla presunzione di reato, che e` addirittura incostituzionale. Occorre invece sciogliere i nodi spinosi della clandestinita` e non colpire le singole persone che nella maggior parte dei casi sono le vere vittime della clandestinita`. Anche per questi motivi e per rafforzare ulteriormente la nostra contrarieta` a tali centri, abbiamo inserito un’apposita norma nella proposta di legge di aggiornamento dell’attuale legge regionale n. 2 del 98 ``Interventi a sostegno degli Immigrati``, che andra` gia` nei prossimi giorni in Consiglio regionale, perche` siano stabiliti con legge i contenuti della mozione approvata dal consiglio regionale sul netto rifiuto alla costruzione dei CIE sul territorio marchigiano’.
Serena Paolini