logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Castel Volturno - Stanchi del razzismo. Manifestazione il 18 aprile

Per un patto sociale di solidarietà - Diritti, dignità, permesso di soggiorno per tutti!!!

18 aprile 2009

La strage di camorra che il 18 settembre sterminò 7 innocenti, un italiano e 6 africani a Castel Volturno, ha portato all’attenzione nazionale un territorio abbandonato da anni. Ma dopo la caccia ai camorristi si è aperta la “caccia” agli immigrati senza permesso di soggiorno: lavoratori, spesso vittime di un intollerabile sfruttamento, in un clima di omertoso silenzio! Ciò avviene perché la legge Bossi-Fini impedisce la regolarizzazione degli immigrati “imprigionando” uomini e donne nella clandestinità.
I lavoratori immigrati che vi invitano a questa mobilitazione sono gli stessi lavoratori stagionali che raccolgono le arance, le patate, i pomodori, le donne straniere inchiodate al ruolo di badante con orari interminabili e salari da fame. Ma anche gli immigrati che oggi sostengono in maniera determinante le casse dell’Inps, eppure rischiano di non vedere mai la pensione…chi viene licenziato dalle fabbriche ed insieme al lavoro perde anche il diritto ad avere il permesso di soggiorno. E’ la logica spietata di chi vuole braccia ma non persone e che peggiora le condizioni e i livelli di garanzia di tutti i lavoratori. La crisi colpisce duro, gli italiani e immigrati, eppure in risposta alla crisi il governo adotta la strategia del “dividi e comanda” producendo differenze. A fare da sfondo c’è il pericoloso clima di criminalizzazione dei migranti, che alimenta la guerra tra poveri con l’inquietante corollario di ronde e linciaggi.

Il razzismo ci distrae dalle vere emergenze sociali (affitti e mutui da pagare, tante donne ricacciate a casa, tagli alla scuola) per questo in tanti/e saremo a Castel Volturno per ribadire che Non c’è sicurezza senza diritti

Il Governo vuole approvare il “Pacchetto Sicurezza”, UNA serie di provvedimenti discriminatori verso gli immigrati: l’ingresso ed il soggiorno irregolare diventeranno reato! Chi è senza permesso di soggiorno rischierà la denuncia del medico curante, non potrà riconoscere un figlio, sposarsi, inviare i soldi ai familiari nei paesi di origine. Sarà ostacolato il rinnovo del permesso di soggiorno, sarà più difficile ottenere la residenza, verrà limitato il ricongiungimento familiare. Tutto ciò cosa c’entra con la sicurezza? Ciò favorirà la criminalizzazione degli immigrati nell’immaginario collettivo, richiederà ingenti fondi economici a soli scopi repressivi, provocherà l’esclusione sociale dei migranti, non sarà utile al contrasto della criminalità o al sentimento diffuso di insicurezza.
Ma una speranza diversa viene dal protagonismo dei migranti e dall’indignazione di tanti, come qui medici che vogliono curare e non denunciare, e tutti coloro che non ci stanno ad accettare la cultura dell’odio, del razzismo, delle leggi speciali. Non restare indifferenti!! Non avere paura!!

Da Castel Volturno, per abbattere i ghetti, per i diritti di cittadinanza per emergere dalla clandestinità.
Contro il lavoro nero, la speculazione, lo sfruttamento e l’usura per la qualità del lavoro per tutti, base per una vera rinascita del territorio.
Per l’apertura di strutture di accoglienza in Campania contro il disagio abitativo.
Per il ritiro del “pacchetto sicurezza”
Contro tutti i razzismi, la Camorra, la Repressione e la Militarizzazione del Territorio.
Contro l’istituzione di Centri di Detenzione dei migranti in Campania e altrove. Utilizziamo i fondi stanziati per essi in iniziative di sostegno ai lavoratori colpiti dalla crisi.
Perché i cittadini italiani e stranieri possano liberarsi della camorra e costruire sicurezza sociale (Diritto al reddito, alla casa, al lavoro, alla salute, allo studio. Diritto al permesso di soggiorno).
Contro la clandestinità per l’emersione dei migranti da anni in Italia ma ancora irregolari; Basta stragi nei mari c’è bisogno di prevedere canali di ingresso regolari.
Affinchè i permessi di soggiorno siano congelati in caso di licenziamento, cassa integrazione, mobilità,
Per garantire il diritto di asilo e di accoglienza. Per il diritto di voto, il diritto alla cittadinanza.

Manifestazione nazionale a Castel Volturno
Sabato 18 aprile 2009

ore 10.30 a.m. davanti all’American Palace
via Domitiana 564

Promuovono:
Rete antirazzista campana
Movimento dei Migranti e dei Rifugiati

Hanno aderito:
Dario Fò, Franca Rame, Padre Alex Zanotelli, Gad Lerner
ARCI, CGIL, Caritas Italiana, Federazione Nazionale RdB CUb, Confederazione Cobas, Tavolo Migranti, Coordinamento Immigrati Brescia, Comitato immigrati Napoli e Roma, Coordinamento Migranti Bologna, Rete Migranti Torino, ACTION Migranti Roma, Rete per le Impronte Sociali Roma, Sinistra Critica, P.R.C., Adl Padova, Associazione Razzismo Stop Padova e Venezia, Prof. Cristina Papa Direttrice Dip. Uomo e Territorio sez. antropologica Università degli Studi di Perugia.
Sindaco di Castel Volturno, on. Andrea Sarubbi, on. Pina Picierno,on Jean Léonard Touadì, on Rosa Calipari, eurodeputato Giusto Catania, Rosa Suppa

csaexcanapificio@libero.it