logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Rimini - La doppia faccia dell’accoglienza made in Italy e i corpi desideranti. Verso la manifestazione di Bologna

18 dicembre 2012

Oggi pomeriggio, grazie ai presidi fatti la scorsa settimana, accompagneremo una delegazione dall’Assessore alle politiche sociali del Comune di Rimini. Più di una ventina i permessi di soggiorno sbloccati.

Servono braccia sono arrivati uomini, c’è stata una guerra andavano accolte persone non cose.
In queste semplici parole è racchiuso tutto il senso e il significato del Patto di accoglienza che ha caratterizzato la cosiddetta “Emergenza Nord Africa” ma anche di come in Italia ci si approccia all’ immigrazione. Un fenomeno oramai strutturale trattato da sempre come un problema. E così è stato anche per i 20.000 migranti arrivati dalla Libia.
Dapprima si è prodotta una comunicazione mainstream che ha trasformato arrivi irrisori - parliamo di 20.000 persone in fuga dalla Libia - come se l’Italia fosse sotto assedio, questo ha permesso di delegare ad un’entità come la Protezione civile la gestione di un piano di accoglienza parallelo a quello già funzionante per i richiedenti asilo, lo SPRAR.
Abbiamo così imparato che insieme alle tante categorie utilizzate per rappresentare/normare i cittadini migranti se ne aggiungevano di nuove: esistono rifugiati di serie A e rifugiati di serie B.
Per un anno e mezzo i migranti arrivati dalla Libia sono stati continuo oggetto di normazione: esclusi, resi invisibili, “appoggiati” da qualche parte e “nutriti” di buoni pasto purché non soggetti attivi nella costruzione di una società che è già oggi meticcia.
Abbiamo partecipato con attenzione e massimo ascolto ai tre presidi organizzati dai migranti inseriti dentro l’Emergenza Nord Africa a Rimini, le loro richieste rimandano a quel diritto di scelta che ha fatto da sfondo alla Campagna Welcome lanciata da Melting Pot, alla petizione di firme, alla raccolta delle testimonianze. Una campagna che ha saputo collegare le condizioni in cui questi migranti sono stati lasciati per un anno e mezzo alle condizioni precarie degli operatori sociali occupati negli enti gestori del progetto.
Qualcuno dirà, ma la situazione di Prati di Caprara di Bologna non ha nulla a che fare con altre situazioni dell’Emilia Romagna. Certo, le condizioni dei migranti arrivati dalla Libia e che si trovano a Rimini in via Emilia 40 è sicuramente molto più dignitosa, ma è il pensiero, il dispositivo che sta dietro a questo patto di accoglienza che va eviscerato fino in fondo.
Al diritto di scelta questi migranti in fuga da condizioni di semi-schiavitù, dai bordelli, dai luoghi di lavoro in Libia, stanno affiancando il diritto a desiderare una vita più degna.
Chiedono di non essere più pensati o trattati come cose, ma come persone e corpi desideranti.
Quanto tempo in questo anno è mezzo è stato dedicato ad ascoltare le loro storie di vita?! A raccogliere i percorsi drammatici che dai paesi di origine li hanno portati fino in Libia e poi in Italia?!
Quanto tempo è stato dedicato per capire cosa vogliono fare, cosa sanno fare, come vogliono vivere, senza che altri decidano per loro, secondo un’idea di integrazione che afferisce più alla soddisfazione dei nostri bisogni di uomini bianchi “buoni e generosi”?
Questi giovani migranti, profughi, rifugiati (chiamateli come vi pare), queste persone arrivate dalla Libia stanno rompendo attraverso percorsi di emersione e di denuncia l’approccio post colonialista che caratterizza le politiche migratorie della nostra Europa come mai fino ad ora era avvenuto.
Ci stanno mostrando in tutta la sua drammaticità cosa siamo diventati oggi ma anche cosa possiamo fare per cambiare.
Per questo pensiamo che vadano sostenute le loro richieste, quelle del rilascio dei documenti in primis, quella di un prolungamento dell’accoglienza ma con una progettazione differente alla precedente che metta al centro l’ascolto dei loro desideri, la valorizzazione delle loro competenze per costruire percorsi di fuoriuscita verso una piena autonomia che non sia solo economica ma anche di piena cittadinanza.
Per questo il 20 dicembre saremo a Bologna sotto la Regione E.R. perché la società che viene è quella che saremo capaci di costruire insieme. Restiamo umani!
Associazione Rumori Sinistri - AutSide Social Football Rimini