logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Slovenia - Dal campo di Dobova a quello di Šentilj

Report dalla staffetta #overthefortress

10 novembre 2015

Il campo di Dobova (Slovenia) #overthefortress

Continua la staffetta #overthefortress. Oggi un gruppo si è fermato a Sentilj mentre l’altro ha proseguito per Dobova. A Sentilj i migranti arrivano da Dobova generalmente in treno, vengono identificati e, in base alle indicazioni provenienti dall’Austria, fatti passare attraverso il confine. Oggi per esempio sono arrivati circa 1.500 migranti, ma ne sono ripartiti altrettanti; quando il flusso però è maggiore e la capacità di accoglienza del campo raggiunge il limite di 2.500 persone, nei pressi di Sentilj c’è un campo d’appoggio più piccolo. Il campo e la zona circostante sono costantemente presidiate da polizia e militari.
A Dobova lo scenario è anche più caotico, il campo è ancora in fase di costruzione, infatti stanotte resterà chiuso e riprenderà la sua normale attività domani mattina.

Il campo di Dobova (Slovenia) #overthefortress

I migranti arrivano in stazione che è divisa in due parti, una ad uso quotidiano e l’altra, nascosta dietro i vagoni merci fermi, è usata per il trasporto dei migranti. Una volta arrivati a Dobova vengono identificati prima di essere rimessi sul treno per Sentilj e solo in alcuni casi vengono trattenuti per alcune ore nel centro poco fuori la cittadina. La logica con cui viene fatta la scelta della suddivisione è confusa e inefficiente tanto che nel caos del momento molte famiglie si disperdono e si dividono. Caso emblematico, appena arrivate abbiamo dato un passaggio ad una volontaria della Croce Rossa che stava correndo lungo la strada e abbiamo scoperto che si stava dirigendo urgentemente in stazione, doveva cercare un bambino e riportarlo alla famiglia che era già stata trasferita nel campo.

Per i prossimi giorni è atteso un flusso anche maggiore, probabilmente più di 20.000 persone quindi la situazione potrebbe complicarsi ulteriormente.
La Croazia continuerà sicuramente a spedire migranti in Slovenia incurante della disponibilità di quest’ultima, come sta facendo già adesso, mentre la Slovenia da parte sua proseguirà con la costruzione del muro di filo spinato per limitare i flussi, ma in tutto ciò il "grande burattinaio" è la coppia Austria-Germania che stabilisce quante persone lasciar passare o meno.

Sara, Samanta e Elisa, #overthefortress 10 novembre 2015