logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Proteggiamo le persone non i confini

Il 17 dicembre a Roma la manifestazione promossa da Baobab Experience

20 dicembre 2016

Photo credit: Andrea Panico, Progetto Melting Pot


Proteggiamo le persone non i confini.
Questo lo slogan della manifestazione indetta da #Baobab Expierence sabato 17 dicembre a Roma, insieme a Action Diritti in Movimento, Arci Roma Immigrazione, Associazione culturale “Laura Lombardo Radice”, CGIL di Roma e del Lazio, Roma SocialPride, CSOA La Strada, Studenti Indipendenti - LINK, Miseria Ladra - Gruppo Abele/Libera, Slotmob, Economia e felicità.

Photo credit: Andrea Panico, Progetto Melting Pot


La manifestazione di Roma arriva in un momento topico.
Dopo l’ennesimo sgombero dei locali Baobab in Novembre - condannato dalle ONG e dalla stessa UNHCR - per voce della sua portavoce per il sud Europa Carlotta Sami - e l’uscita del report di Amnesty International che denuncia il sistema Hotspot Italia, il Paese continua ad affondare nei quotidiani episodi di cronaca razzista.
Per questo motivo sabato, col spalle al Colosseo, lungo la Via dei Fori Imperiali, c’erano davvero tutti.
Ad aprire il corteo i bambini delle scuole romane con in mano striscioni e cartelloni “la scuola cammina con Voi” e “i confini non possono fermare i grandi sognatori”.
A seguire Medici senza Frontiere, Amnesty International, Medu e ancora gli studenti delle università.

Photo credit: Andrea Panico, Progetto Melting Pot


Oltre 5.000 i cittadini e le cittadine che si sonno uniti per protestare contro le ormai istituzionalizzate male prassi di accoglienza riservate ai migranti in Italia.
All’indomani delle notizie che arrivano dai Centri di Accoglienza e dagli accampamenti informali di suicidi e morti inaccettabili, la piazza ha urlato per l’intero pomeriggio “no ai confini che uccidono gli uomini, no al Mediterraneo cimitero”.
Attenzione particolare soprattutto al diritto negato dei transitanti sbarcati in Italia, di poter richiedere asilo in altri Paesi europei.

Le testimonianze dei viaggi dei rifugiati provenienti dall’Africa hanno scandito le ore di protesta sino alle prime ore di buio quando, con l’altare della Patria alle spalle, gli attivisti di Baoab Experience hanno ringraziato i partecipanti lanciando i prossimi appuntamenti.