logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Archivio legislativo » Giurisprudenza italiana

Cittadinanza italiana ai 18 anni: il requisito della residenza continuativa deve essere inteso in senso sostanziale, come presenza effettiva sul territorio italiano

Tribunale di Napoli, sentenza n. 2948 del 13 marzo 2017

27 marzo 2017

Si ringrazia l’Avv. Salvatore Fachile per la segnalazione.

Un’interessante sentenza in cui il Tribunale di Napoli (confermando la sua precedente giurisprudenza) riconosce la cittadinanza a un cittadino somalo nato in Italia che aveva fatto domanda subito dopo i 18 anni nonostante non fosse mai stato iscritto all’anagrafe (ma munito di passaporto), circostanza a lui non imputabile.
Il Tribunale ribadisce che il requisito della residenza in questi casi deve essere inteso in senso sostanziale, come presenza effettiva sul territorio italiano, dimostrata nel caso specifico da vaccinazioni, attestati scolastici etc, considerati inequivoci riferimenti di riscontro.

- Scarica la sentenza

PDF - 319.6 Kb
Tribunale di Napoli, sentenza n. 2948 del 13 marzo 2017