logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Rassegna stampa

Rimini - Sequestri al mercatino "abusivo" dell’Est

da Il Corriere Romagna del 1 marzo 2004

1 marzo 2004

Retate eccoci! Riteniamo doveroso questo breve incipit: "Il sistema sociale attuale non favorisce l’inserimento degli emarginati che esso stesso produce, ma ne fa un nemico sociale alimentando le insicurezze. La guerra agli esclusi non rimuove le vere cause dell’incertezza, delle paure, dal momento che sviluppa il circuito perverso del business del "sicuritarismo": sempre più paura, sempre più risposte forti".
Redazione di Rimini "Progetto Melting Pot Europa"
Segue l’articolo:

Lo scorso anno, in quel parcheggio, venivano venduti a caro prezzo documenti falsi destinati a cittadini dell’est europeo in Italia clandestinamente. Adesso, anziché permessi di soggiorno, nel parcheggio di parco Cervi in via Roma, dai cassoni dei soliti furgoni escono merci di vario genere vendute sottocosto.
Un mercato clandestino alla luce del sole, scoperto ieri mattina con un blitz congiunto di Polizia municipale e Nucleo operativo radiomobile dei carabinieri della Compagnia di Rimini. Sui banconi improvvisati si poteva trovare di tutto: dal caviale al pesce sfuso marinato, ai cd contraffatti, ai cioccolatini.
All’atto del controllo sono finiti nella rete delle forze dell’ordine ben 3mila pezzi di prodotti alimentari venduti senza la benché minima autorizzazione e, soprattutto, garanzia sanitaria. I “venditori” per queste mancanze si sono visti notificare verbali per violazioni amministrative per un ammontare di 101.058,00 euro. Come detto al mercatino di parco Cervi si potevano trovare anche cd e dvd falsi: 550 quelli sequestrati durante il controllo a tre persone che sono state indagate a piede libero alla procura della Repubblica per violazione della legge che tutela il diritto d’autore. Denuncia analoga poco dopo è stata fatta a carico di un cittadino cinese trovato con 250 pezzi di merce varia con griffe contraffatte: occhiali, giocattoli, orologi, guanti e altro ancora.
Complessivamente l’operazione della Polizia municipale e del Radiomobile dei carabinieri ha portato all’identificazione di 25 persone su cui sono in corso ulteriori accertamenti per stabilire se tutta la documentazione di soggiorno in loro permesso è regolare o meno.