logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Archivio legislativo » Giurisprudenza italiana

Rinnovo del permesso di soggiorno per motivi umanitari: il caso di un cittadino ivoriano con doppia cittadinanza al quale è stata rigettata l’istanza dal Questore

Tribunale di Genova, ordinanza del 22 marzo 2017

8 giugno 2017

Si ringrazia l’avv. Alessandra Ballerini per la segnalazione.

Con questa ordinanza il Tribunale di Genova annulla il provvedimento emesso dal Questore di Genova con cui è stata rigettata l’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno per motivi umanitari richiesta da un cittadino ivoriano.

Stabilito ai senti dell’art. 20 D.L.vo 250/11 che il Tribunale di competenza è quello dove il ricorrente ha la residenza, appaiono del tutto infondate le ragioni che hanno indotto la Questura di Genova a negare al cittadino il rinnovo del permesso di soggiorno.
Nella fattispecie egli non ha mai dichiarato generalità false, e resta confermato che proviene dalla Costa d’Avorio dove è nato, come regolarmente dichiarato dalle autorità maliane in sede di matrimonio (il cittadino si è sposato con una cittadina maliana), di richiesta della seconda cittadinanza e di rilascio del nuovo passaporto.

Il Giudice ha valutato che il cittadino appare meritevole del rilascio del permesso di soggiorno per motivi umanitari, considerato che è giunto in Italia da 6 anni e che durante questo periodo si è ben integrato nel nostro paese, dove lavora a tempo indeterminato percependo un reddito. Inoltre non ha pendenze giudiziali e precedenti penali.
Infine in Costa d’Avorio vi è ancora una certa instabilità politica che rende pericoloso il ritorno nel paese d’origine. Un’instabilità ancora maggiore, anzi una vera e propria guerra civile, esiste invece nell’altro paese, il Mali, di cui il ricorrente ha la cittadinanza, paese in cui comunque non ha mai abitato, se non per il breve periodo in cui ha contratto il matrimonio.

- Scarica l’ordinanza

PDF - 283.6 Kb
Tribunale di Genova, ordinanza del 22 marzo 2017