logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

My Name is Adil

Il film di Adil Azzab, un’esperienza umana da sostenere

13 dicembre 2017

Iscriviti alla newsletter del Progetto Melting Pot Europa

"Adil odia le pecore. Perché per badare al gregge non può né giocare né studiare. E se un agnello si perde sono botte.
Dove vive lui non c’è né asfalto né televisione.
Vede un lampione accendersi per la prima volta a 12 anni.
Quando dal Marocco arriva a Milano, a soli 13 anni, decide di diventare elettricista. E ci riesce.
Poi si mette in testa di diventare regista per raccontare la sua storia con un film. E ci riesce
"

Girato tra la campagna marocchina e Milano, il film racconta la storia vera di Adil, un bambino che vive nella campagna del Marocco con la madre, i fratelli e il nonno capo-famiglia. È un mondo povero, dove fin da piccoli si lavora per ore nei pascoli, gli adulti possono essere rudi e studiare è un privilegio per pochi.
Adil sa che restare in Marocco significa avere un destino segnato, quello dei giovani pastori invecchiati precocemente che vede intorno a sé. Stanco delle angherie dello zio e del ristretto orizzonte che si vede davanti, il ragazzino a 13 anni decide di raggiungere il padre, El Mati, emigrato da anni in Italia per lavorare e mantenere la famiglia. Andarsene, però, è anche una frattura, una separazione dolorosa dalla propria storia, dai propri affetti e dalla comunità.
 Il film accompagna lo spettatore nel percorso del protagonista adolescente alla scoperta di un nuovo mondo: l’Italia non è il paese delle città favolose e della ricchezza facile sognata nell’infanzia, ma offre ad Adil la possibilità di studiare, vivere nuove esperienze e costruire nuovi legami.

Il cerchio si chiude quando Adil, ormai adulto, dopo dieci anni di assenza dal Marocco, ritorna nel suo paese, alla riscoperta delle proprie radici: il viaggio lo aiuta a intrecciare i fili della sua storia e della sua identità, perché “solo se conosci da dove vieni, puoi sapere chi sei”.

I registi di My Name is Adil, hanno scelto di utilizzare la lingua originale (sottotitolata in italiano), per preservare l’intensità espressiva della voce autentica del protagonista, Adil Azzab.

Per maggiori informazioni: http://www.unisonacinema.it/mynameisadil/index

Un film che parla al cuore di ragazzi e adulti di diritto allo studio, negato e poi riconquistato, di integrazione e riscoperta della propria identità.

Scheda tecnica

Regia: Adil Azzab, Andrea Pellizzer, Magda Rezene
Soggetto: Adil Azzab, Andrea Pellizzer, Magda Rezene, Gabrio Rognoni, Roberta Villa
Sceneggiatura: Adil Azzab, Andrea Pellizzer, Magda Rezene
Montaggio: Magda Rezene
Musiche originali: Rolando Marchesini
Voci e testi: Alessandra Ravizza
Suono in presa diretta: Rolando Marchesini
Aiuto regia in Marocco: Mohamed Atiq
Color Correction: Gabriele Cipolla
Durata: 74’
Nazionalità: Italiana
Location: Italia - Marocco
Film in lingua originale (arabo) sottotitolato in italiano