logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Archivio legislativo » Giurisprudenza italiana

Nigeria, protezione sussidiaria - Il contesto dell’Edo State è caratterizzato da forme di violenza indiscriminata

Tribunale di L’Aquila, ordinanza del 14 agosto 2018

27 agosto 2018

Si ringrazia l’Avv. Chiara Maiorano per la segnalazione ed il commento.

Fai una donazione al Progetto Melting Pot!

La ricorrente riferiva di essere originaria dell’Edo State. Narra di essere stata costretta a lasciare la Nigeria nel dicembre 2015 in seguito alle violenze sessuali subite dal suo padrone di casa, nonché alle minacce e violenze arrecate alla sua famiglia dalla setta “Baby Bird”.

Il Tribunale di L’Aquila, per quanto riguarda la situazione in particolare della zona di provenienza della ricorrente (Edo State, sud Nigeria) «aderisce all’impostazione recentissima della Corte d’Appello di Trieste (Corte d’Appello di Trieste, sentenza n. 237 del 5 aprile 2017) secondo la quale: "Con particolare riferimento all’Edo State, regione di provenienza dell’appellante, si legge ancora nel rapporto COI che “Edo è uno degli stati più violenti del Delta del Niger su base procapite con l’aumento degli episodi di violenza e associati decessi. I problemi di Edo sono variati dalle proteste, criminalità, rapimenti e violenza domestica e scontri tra bande, culti, gruppi politici e comunità".
Ancor più recentemente secondo il Tribunale di Venezia (ordinanza 17 aprile 2018) afferma che in Nigeria permane una situazione di violenza indiscriminata e diffusa che coinvolge l’intero territorio con il moltiplicarsi di conflitti interni non controllati dalle forze di polizia, e, anzi, coinvolgenti gli stessi apparati statali.
In un simile contesto, sono senz’altro configurabili i presupposti per il riconoscimento della protezione sussidiaria, giacché ai sensi dell’art. 14 del d.lgs. 19 novembre 2007 n. 251, richiamato dall’art. 2, lett. f), del d. lgs. 28 gennaio 2008 n. 25, il rischio di “danno grave”, al cui riscontro è subordinata la predetta forma di tutela, deve essere correlato a forme di violenza indiscriminata, come nel caso di specie».

- Scarica l’ordinanza

PDF - 1.6 Mb
Tribunale di L’Aquila, ordinanza del 14 agosto 2018