logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Huehuetenango è il remoto villaggio da cui proveniva Felipe Gómez Alonzo, il terzo bambino migrante a morire negli Stati Uniti

Heidy Samayoa, Prensa Libre - 26 dicembre 2018

29 dicembre 2018

- Link all’articolo originale (ESP)

Yalambojoch è uno dei villaggi più remoti di Nentón, Huehuetenango, dove la migrazione è quasi l’unica possibilità di sopravvivenza.

Fai una donazione al Progetto Melting Pot!
Catarina Alonzo Pérez, la madre del piccolo Felipe Gómez Alonzo (Photo credit: Prensa Libre/Heidy Samayoa)


Situata a più di 400 chilometri dalla capitale, questa comunità ha visto nascere Felipe Gómez Alonzo, il terzo bambino migrante guatemalteco che muore sotto la custodia della pattuglia di frontiera degli Stati Uniti.

Per decenni, Yalambojoch è stato perseguitato dallo spettro della migrazione. Durante il conflitto armato interno - di quasi 40 anni - molte famiglie in questo villaggio, situato a nord del dipartimento, lasciarono le loro case per salvarsi e fuggire in Messico, poiché in molti dei villaggi circostanti si sono verificati massacri, come testimoniato dagli abitanti della zona.

Il tempo è passato e le ferite della guerra iniziano a guarire, soprattutto nelle nuove generazioni che, sebbene sia vero, non soffrono più di scontri armati e massacri, ma affrontano altre realtà: la povertà e la mancanza di sviluppo.

Per raggiungere Yalambojoch, Nentón, Huehuetenango, si devono percorrere lunghe distanze. (Foto Prensa Libre: Heidy Samayoa)


Questi due fattori hanno costretto Agustín Gómez, 47 anni, a migrare negli Stati Uniti con suo figlio, Felipe Gómez Alonzo, 8 anni; purtroppo, sono stati arrestati il 18 dicembre mentre attraversavano il confine negli Stati Uniti da El Paso, in Texas, dove il 23 furono trasferiti alla stazione della pattuglia di frontiera ad Alamogordo, secondo le informazioni fornite dal Ministero degli Affari Esteri.

Secondo il servizio di guardia di frontiera degli Stati Uniti (CBP in inglese), il giorno 24 il bambino presentava i "sintomi del raffreddore" che in seguito si sono evolute in "nausea e vomito", quindi fu portato all’ospedale. Ore dopo fu dimesso, ma le sue condizioni peggiorarono e morì.

Felipe Gómez Alonzo era un bambino che amava la natura. La sua morte negli Stati Uniti ha sconvolto gli abitanti di Yalambojoch, Nentón, Huehuetenango (Foto Prensa Libre: Heidy Samayoa)


Questo caso è un esempio della dura realtà vissuta in quella comunità, dove pochi abitanti, che non superano il migliaio, parlano spagnolo, poiché predominano le lingue native Chuj e Popti. Il clima è freddo - e molto intenso da ottobre a gennaio - e le possibilità di lavoro sono scarse, la maggior parte degli abitanti vive del poco che ottengono da lavori in giornata o dalle colture di mais e fagioli.


È noto che molte famiglie locali sono fuggite nel 1982 da un raid dell’esercito e gradualmente, dopo la firma della pace nel 1996, sono tornate alla ricerca delle loro proprietà; ma lo sviluppo continua senza arrivare. Quel villaggio è adiacente alla fattoria di San Francisco, che fu teatro di uno dei grandi massacri della guerra, in cui morirono 250 persone.

Yalambojoch, Nentón, dove visse Felipe Gómez Alonzo, è una delle comunità più remote di Huehuetenango (Foto Prensa Libre: Heidy Samayoa)


Carolina Gutiérrez, attivista della Rete mesoamericana donne e migrazioni, ha affermato che Yalambojoch è una delle comunità di Huehuetenango più colpite dall’estrema povertà, quindi molte famiglie scelgono di partire in cerca di opportunità.

Carolina ha aggiunto che nessuno - delle autorità - si ricorda l’esistenza di questa comunità, come risulta dalla mancanza di investimenti statali, per i servizi di base come l’elettricità, fogne e acqua corrente che sono precarie. Inoltre, l’accesso all’istruzione è limitata, nella misura in cui la città più vicina è messicana - Trinitaria, Comitán de Domínguez, Chiapas-, per poterla raggiungere si devono percorrere nove chilometri.

Secondo fonti locali, i residenti di questa comunità durante tutto l’anno vivono un’odissea per ottenere lavoro, così tanti migrano temporaneamente nei campi di produzione di meloni a Campeche e Quintana Roo, in Messico.

Ospedale Gerald Champion, ad Alamogordo, New Mexico, dove è stato curato Felipe Alonzo (Foto Prensa Libre: AFP)

Senza cause certe

Le autorità statunitensi hanno dichiarato che le cause della morte di Felipe non sono note e hanno promesso che verrà effettuato un "esame indipendente e approfondito delle circostanze" che hanno portato alla sua morte.

Il governo guatemalteco ha chiesto una "chiara indagine e la certezza di un giusto processo".

Con la morte di Felipe già siamo giunti a tre bambini morti mentre erano sotto la custodia della guardia della pattuglia di frontiera. Un altro caso è quello di Jakelin Caal Maquín, 7 anni, originaria della remota comunità di San Antonio Secortez, Alta Verapaz.

Jakelin Caal Maquín, 7 anni, fu sepolta a San Antonio Secortez, Alta Verapaz. (Foto Prensa Libre: EFE)


L’8 dicembre, la bambina è morta tra febbri, vomito e convulsioni mentre era sotto la custodia della pattuglia di frontiera degli Stati Uniti, paese verso il quale viaggiava accanto a suo padre, perché erano fuggiti dalla povertà.

Il corpo della piccola Jakelin è arrivato domenica pomeriggio all’aeroporto de La Aurora (Città del Guatemala), rimpatriato dal Texas negli Stati Uniti d’America ed è stata sepolta nel pomeriggio di martedì.

Terzo caso

Lo scorso agosto, Yazmin Juárez, un’immigrata guatemalteca, ha citato in giudizio gli Stati Uniti e ha chiesto un risarcimento di 60 milioni di dollari per la morte di sua figlia, di 21 mesi, dopo che si era ammalata in un centro di detenzione del Servizio immigrazione e controllo doganale (ICE) in Texas, hanno riportato i media locali.

L’avvocato dell’attore, Stanton Jones, ha detto che il governo "aveva il dovere di fornire a questa piccola bambina la sicurezza, l’igiene e le cure mediche, ma non lo ha fatto, ciò ha provocato conseguenze tragiche", secondo una dichiarazione raccolta dai media statunitensi.

L’avvocato ha sostenuto che la ragazza è entrata nel paese in buona salute e che 20 giorni dopo le è stata diagnosticata una grave infezione respiratoria che non ha superato.

La figlia di Yazmin Juárez è deceduta poco dopo essere stata rilasciatia da un centro di detenzione (Foto: Univisión)


Jones ha sottolineato che la minore non ha raggiunto i 2 anni di età perché l’ICE ha offerto cure mediche "negligenti".

Juarez e sua figlia Mariee hanno cercato di entrare irregolarmente negli Stati Uniti lo scorso marzo, ma sono state arrestate e mandate al centro di Dilley in Texas.
Gli avvocati guatemaltechi affermano che Mariee si è ammalata dopo essere entrata in custodia all’ICE, con febbre superiore a 38 gradi, tosse, congestione, diarrea e vomito.

Nonostante questo, una infermiera ha rilasciato la bambina pochi giorni dopo e ha dato il visto per viaggiare, il che ha permesso a Juarez e sua figlia di trasferirsi nel New Jersey, dove vive la madre guatemalteca dopo essere stata rilasciata dalle autorità.

Purtroppo, la bimba non ha superato la malattia ed è morta il 10 maggio scorso in un ospedale pediatrico a Philadelphia (Pennsylvania) per insufficienza respiratoria continuata.