logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

"Vado a studiare e poi lavoro per mandarvi dei soldi", ha detto a sua madre

Fotografie di Yalambojo, il villaggio natale di Felipe Gómez morto ad otto anni sotto la custodia della Pattuglia di frontiera statunitense

29 dicembre 2018

- Link all’articolo originale (ESP) su La Jornada, quotidiano messicano

Fai una donazione al Progetto Melting Pot!

Yalambojoch, Guatemala, 28 dicembre 2018.
Felipe Gómez sognava di lavorare negli Stati Uniti per inviare denaro a sua madre. Invece, all’età di 8 anni, è morto sotto la custodia della pattuglia di frontiera.

Catarina Alonzo, madre del bambino, ha detto all’AFP che "non c’è nulla da pretendere" per la morte del bambino, lei ora aspetta solo il rimpatrio del corpo.

Riconosce che insieme al marito, con cui il bimbo è andato negli Stati Uniti, hanno deciso di fare il viaggio perché la situazione "è dura" a causa della mancanza di lavoro in questa remota area del comune guatemalteco di Nentón, vicino al confine con il Messico.

Solo tre settimane fa, una bambina guatemalteca è morta, anche lei sotto la custodia della Pattuglia di frontiera.

Catarina Gómez Lucas, sorella di Felipe Gómez, mostra una foto del bambino. Foto Johan Ordóñez/AFP

Panoramica di Yalambojoch, villaggio natale di Felipe Gómez. Foto Johan Ordóñez/AFP
Catarina Alonzo (a sinistra), madre di Felipe, abbraccia suo figlio Oliver, nella sua casa. Foto Johan Ordóñez/AFP
Catarina Alonzo, madre di Felipe. Foto Johan Ordóñez/AFP
Foto Johan Ordóñez/AFP
Le donne portano legna da ardere; i soldati camminano dietro di loro, vicino a Yalambojoc. Foto Johan Ordóñez/AFP
Foto Johan Ordóñez/AFP
Catarina Gómez Lucas, sorella di Felipe Gómez, mostra una foto del bambino. Foto Johan Ordóñez/AFP
Un disegno fatto da Felipe Gómez. Foto Johan Ordóñez/AFP
Catarina e Oliver, i fratelli di Felipe. Foto Johan Ordóñez/AFP
La madre di Felipe e suo figlio Mateo. Foto Johan Ordóñez/AFP
A Yalambojoc. Foto Johan Ordóñez/AFP
Fuori dalla casa del piccolo Felipe Gómez. Foto Johan Ordóñez/AFP
Panoramica di Yalambojoc. Foto Johan Ordóñez/AFP