logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

La disperazione dei migranti al confine statunitense aumenta, così come il profitto dei trafficanti

Azam Ahmed, The New York Times - 6 gennaio 2019

10 gennaio 2019

- Link all’articolo originale (ENG)

Sono pochi i richiedenti asilo che riescono a passare ogni giorno. Gli altri ora valutano i rischi di chiedere ai “polleros” per riuscire a entrare.
Quello che vediamo è che nessuno riesce ad attraversare il confine”. Le telecamere di sicurezza sono puntate sul Rio Grande.

Reynosa, Messico. Trafficanti di esseri umani nelle stazioni, migranti in giro per le strade di questa città lungo il confine messicano. Trovare clienti come Julian Escobar Moreno non è difficile per i trafficanti.

Si tratta di un immigrato dall’Honduras, arrivato a Reynosa, in Messico per chiedere asilo politico negli Stati Uniti. Ma le nuove politiche sull’immigrazione lo hanno portato invece nelle mani dei cartelli di trafficanti, i cui affari stanno incrementando.
Onestamente non voglio attraversare il confine illegalmente, ma non ho altre alternative”, afferma Moreno, 37 anni.

L’amministrazione Trump, che ha iniziato lo shutdown degli uffici federali nella lotta per la costruzione di un muro al confine, ha anche adottato negli ultimi due anni una serie di strategie per frenare i migranti, convincerli a tornare indietro, o a non provarci affatto.

Julian Escobar Moreno, immigrato dall’Honduras, intende chiedere asilo negli Stati Uniti, si trova ora in un campo per migranti a Reynosa. Credit: Meridith Kohut per il New York Times


La sua ultima speranza è la norma che permette il passaggio di alcuni richiedenti asilo ogni giorno. Perciò ora i migranti aspettano per settimane, addirittura mesi, nel lato messicano del confine, prima di poter presentare le loro richieste.

A Reynosa, così come in altri posti, i ritardi causati da questa nuova politica spingono molti migranti a valutare un’ultima alternativa, appoggiarsi ad un trafficante per poter entrare negli Stati Uniti, spesso a un costo elevato.

A novembre, il numero delle famiglie di migranti individuate nel tentativo di attraversare il confine, ha raggiunto numeri molto elevati. Alcune delle famiglie cercavano di attraversare con i trafficanti.

Ciò che vediamo è che nessuno passa attraverso il confine”, afferma Hector Silva, direttore del centro servizi per i migranti che si trova vicino le rive del Rio Grande, che separa Reynosa da McAllen, in Texas. “Questo costringe le famiglie, ormai disperate, ad attraversare illegalmente”.

Una fila di più di mille persone che attendono di passare da Reynosa in Texas. Credit: Meridith Kohut per il New York Times

La partita tra continuare ad aspettare o cercare di entrare illegalmente negli Stati Uniti non si gioca solo a Reynosa, dove ormai il rumore dei colpi di pistola fa da colonna sonora, ma lungo tutto il confine tra Stati Uniti e Messico, lungo la strada per Tijuana, dove migliaia di migranti aspettano per attraversare il confine.
Una visita al campo migranti di Reynosa chiarisce immediatamente le motivazioni per cui molti ricorrono ai trafficanti.

Ho paura di passare attraverso la frontiera, mi porteranno via”, racconta Maximo Rene Arana Nunez, dal Guatemala, giunto a Reynosa pochi giorni fa e in attesa di passare. “Rimango qui fino a quando la mia famiglia negli Stati Uniti non trova abbastanza soldi per pagare un trafficante”.

Stando ai racconti di coloro che sono stati deportati mentre cercavano di attraversare il confine, le tariffe dei trafficanti aumentano con il salire delle richieste.

Reynosa è una delle città più pericolose del Messico. Credit: Meridith Kohut per il New York Times


Per coloro che possono permetterselo, e per chi accetta le condizioni, trovare un trafficante di essere umani a Reynosa è semplice. Le strade sono piene di agenti, che pubblicizzano questa possibilità apertamente.

I rischi derivanti dal passaggio illegale non sono abbastanza per fermare i migranti. Sono spaventati, ma non hanno altri mezzi. Per molti la scelta si basa su una semplice verità: ciò che li aspetta non potrà essere peggio di quello che vogliono lasciarsi alle spalle.

Non ho opzioni, non potevo rimanere lì”, così Moreno parla dell’Honduras. “Il nostro governo è totalmente corrotto, e se i messicani o gli americani mi prendono, sono morto”.

Moreno ora lavora 12 ore al giorno nei sobborghi della città, cercando di guadagnare denaro sufficiente per pagare un trafficante.

La colazione in un campo migranti a Reynosa. Credit: Meridith Kohut per il New York Times

Per gli altri migranti nel campo, la scelta non è per forza tra vita o morte, ma tra le difficoltà già provate e una speranza più vaga.

Sappiamo com’è la situazione nel nostro Paese”, afferma Osman Noe Guillén, 28 anni, arrivato a Reynosa con sua moglie poco dopo il matrimonio, cambiando il viaggio in autobus dall’Honduras per una luna di miele. “Non sappiamo quello a cui andremo incontro”.

Guillén stringe la mano di sua moglie, Lilian Marlene Menéndez, e sorride. Una fede cieca e le necessità economiche sono state abbastanza per loro. Prima di arrivare a Reynosa, non sapevano quanto fosse cupa e pericolosa; sapevano solo che era il passaggio più vicino e più economico dall’Honduras.

Avevano sentito i racconti dei migranti portati via dagli Stati Uniti, sapevano delle deportazioni e delle lunghe attese, ma non importava.

Osman Guillén e Lilina Menéndez sono arrivati a Reynosa dall’Honduras poco dopo il loro matrimonio. Credit: Meridith Kohut per il New York Times

La disperazione ti spinge a fare cose da pazzi”, afferma Guillén. “Penso che nulla riesca a fermarmi, di sicuro non un muro”.

La coppia, avendo avuto un prezzo più basso per la prossima tappa del viaggio con i trafficanti, ha deciso di accettare i rischi e continuare. I trafficanti di essere umani, o polleros, spesso uccidono o abbandonano i migranti che non pagano, mentre esortano le famiglie a ipotecare le loro case o investire più soldi.

Negli ultimi giorni, alla coppia è stato concesso il prezzo di 7.000 dollari a testa solo per poter raggiungere la riva del fiume in Texas.

È stata l’ultima offerta. Per molte persone dell’America centrale sono stati richiesti 5.500 dollari per arrivare dall’altra parte del fiume; non molto tempo fa, la tariffa media era di 4.000 dollari.

Uomini appena deportati dagli Stati Uniti vengono processati dalle autorità messicane competenti in immigrazione. Credit: Meridith Kohut per il New York Times

Se e quando riusciranno a entrare negli Stati Uniti, alcuni dei migranti intervistati, che hanno tentato l’ingresso con i trafficanti, hanno ancora intenzione di richiedere l’asilo.

La nuova politica degli Stati Uniti rispetto ai richiedenti asilo cerca di dissuadere i migranti dall’America Centrale dal compiere questo viaggio al confine, ma allo stesso tempo influenza anche le politiche messicane e le vite delle città di confine.

Il sindaco di Reynosa, Maki Esther Ortiz Dominguez, ha dichiarato che questa città, nello stato di Tamaulipas, era già la città più pericolosa del Messico. Teme che la situazione nella città possa peggiorare, con i migranti che finiscono nelle mani dei criminali o nei loro giri.

Questa politica può far esplodere in qualsiasi momento una nuova ondata criminale qui”, dichiara la Sig.ra Ortiz Dominguez.

Al centro del ponte che collega Reynosa a McAllen, le Guardia di frontiera degli Stati Uniti ha costruito una nuova cabina per preselezionare coloro che sperano di entrare nel territorio statunitense.

Due funzionari incaricati controllano i documenti delle persone in un piccolo ufficio.

Migranti mentre dividono le cassette di cibo scaduto donato dai supermercati locali al campo migranti. Credit: Meridith Kohut per il New York Times

Negli ultimi tempi, anche i funzionari messicani stanno agendo in prima linea nella protezione del confine. Mentre le persone si radunano in lunghe file per attraversare il ponte, gli agenti messicani le tirano fuori dalla fila, chiedendo loro la documentazione, o arrestandoli se non hanno tutto in regola.

Alcuni sono rimasti bloccati per mesi, aspettando che i loro familiari mandassero i soldi per pagare la documentazione.

La nuova prassi degli agenti messicani al confine ha subito l’influenza delle pressioni degli Stati Uniti, ha affermato un funzionario messicano di Reynosa, che ha però richiesto l’anonimato in quanto non autorizzato a parlare della questione in pubblico.

È questa nuova prassi delle autorità messicane che ha intrappolato Moreno.

Moreno è scappato dall’Honduras perché tormentato dalla nota gang della 18esima strada dopo aver rifiutato di lavorare per loro. Credeva che questo rappresentasse un motivo valido per la richiesta di asilo negli Stati Uniti; per questo è arrivato a Reynosa, per poter iniziare la procedura di richiesta.

Attività religiose nel campo. Credit: Meridith Kohut per il New York Times

Poco dopo essere arrivato qui con sua moglie incinta e tre figli, è stato bloccato dalle autorità messicane e arrestato.

Secondo le autorità locali e gli avvocati, pochi mesi fa, la richiesta di Moreno è stata rifiutata per mancanza di documentazione valida. Nonostante ciò, Moreno è stato in cella per 20 giorni e la sua famiglia è stata spostata in un campo per migranti.

L’attività dei trafficanti non è limitata alle persone del Centro America. Anche i messicani spesso fanno riferimento ai trafficanti, ma a un minor prezzo. Le tariffe infatti dipendono dalla gravità della situazione nella patria dei migranti.

Di recente, nell’ufficio immigrazione di Reynosa, un gruppo di messicani è stato processato dopo esser stato deportato dagli Stati Uniti.

Per le autorità competenti in immigrazione, questo è lavoro”, afferma Marlin Gòmez, 18 anni, dalla regione di Chiapas, Messico. “Per i messicani e le persone del Centro America invece, l’immigrazione è un sogno”.

Gomez ha appena provato ad attraversare il confine per la quarta volta.

"Abbiamo qualcosa per cui vivere", dice, "e questo ci fa andare avanti".