logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Centinaia di siriani salvati dalle forti tempeste che hanno colpito il Libano

The New Arab, 8 gennaio 2019

12 gennaio 2019

- Link all’articolo originale (ENG)

Leggi anche:
Fragile Mosaico - Il reportage del viaggio della campagna Overthefortress in Libano

Molte tempeste hanno inondato di pioggia e neve i campi dei rifugiati siriani in Libano

Fai una donazione al Progetto Melting Pot!

Centinaia di rifugiati siriani lunedì (7 gennaio 2019 n.d.T.) sono stati salvati in Libano da forti tempeste che hanno causato allagamenti di tende e case.

La tempesta Norma ha colpito i campi di Akkar’s Semmaqieh, e molte immagini sui media hanno catturato queste grandi inondazioni.

Secondo il giornale libanese Daily Star, non appena è iniziata l’inondazione, la Croce Rossa ha trasferito 100 famiglie dal rifugio di Semmaqieh verso altri insediamenti.

Mentre i campi di Arsal sono stati colpiti dalla neve, le tende della valle di Bekaa sono state sommerse dall’acqua; le organizzazioni no-profit e gli enti di beneficenza hanno cercato di aiutare queste famiglie senza rifugio né vestiti.

Dopo la guerra e i bombardamenti a Bashar al-Assad’s iniziati nel 2011, che hanno segnato le vite di 500.000 persone, almeno 1 milione di siriani si sono rifugiati in Libano.

Il governo libanese lamenta il fatto di non avere le risorse necessarie per ospitare i rifugiati e ha chiesto assistenza e supporto alla comunità internazionale.

Ciò è stato fatto soprattutto per facilitare il ritorno dei rifugiati siriani nelle loro terre, perché la situazione in Siria spinge molti a rimanere negli insediamenti in Libano, nonostante queste orribili condizioni.

La tempesta Norma ha messo a dura prova il Libano questa settimana: le scuole sono state chiuse e alcune sono state adibite a rifugi per chi è rimasto senzatetto. 

La tempesta ha portato con sé forti venti, fino a 100km/h, e onde alte cinque metri. Nelle zone più montuose ha causato anche violente piogge e nevicate.

I cittadini di Beirut sono stati intimati dalla sicurezza civile a evitare le spiagge e i porti.

Il governo libanese sta inoltre istituendo rifugi anche per i cittadini residenti in zone soggette a rischio di frana.

Si prevede che la pioggia continui fino a Giovedì.