logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Decine di migranti dispersi dopo il ribaltamento di un’imbarcazione dalla Libia

Samy Magdy, Associated Press - 21 marzo 2019

24 marzo 2019

- Link all’articolo originale (ENG)

Decine di dispersi trascinati a riva dopo il capovolgimento di un’imbarcazione che trasportava 44 migranti in cerca di una vita migliore in Europa si è capovolta al largo delle coste libiche

Assegna il tuo 5‰ al Progetto Melting Pot!

Decine di dispersi trascinati a riva dopo il capovolgimento di un’imbarcazione che trasportava 44 migranti in cerca di una vita migliore in Europa che si è capovolta al largo delle coste libiche, hanno dichiarato le autorità giovedì 21 marzo.

Jassim Ayoub, portavoce della marina libica, ha detto che la guardia costiera della città occidentale di Sabratha ha salvato 17 migranti da quando la barca si è capovolta martedì. I corpi, compresi quelli di bambini, sono stati recuperati dall’acqua. La maggior parte dei migranti proveniva da paesi africani, ha detto.

Migliaia di migranti hanno perso la vita nel tentativo di compiere la pericolosa traversata del Mediterraneo, spesso intrapresa su sovraffollate imbarcazioni di legno o gommoni gonfiabili.

Negli ultimi anni, i Paesi europei hanno offerto formazione e fondi alle autorità libiche per ridurre gli attraversamenti via mare. Ma forti critiche ritengono che questi sforzi lascino i migranti intrappolati in Libia, dove subiscono abusi e sono oggetto di sfruttamento per mano di contrabbandieri e milizie locali.

Medici Senza Frontiere giovedì ha reso noto che decine di migranti soffrono la fame all’interno dei centri di detenzione nella capitale libica.

Il gruppo di aiuto ha dichiarato che oltre 300 persone, tra cui più di 100 bambini, sono reclusi nel centro di detenzione di Sabaa a Tripoli. Circa 75 detenuti sono malnutriti o sottopeso, compresi bambini che hanno maggiori probabilità di soffrire di malnutrizione moderata o grave.

Diverse persone hanno riferito di aver ricevuto solo un pasto ogni due o tre giorni, mentre i nuovi arrivati hanno dovuto attendere fino a quattro giorni prima di ricevere cibo.

"Ciò che vediamo oggi in questo specifico centro di detenzione è sintomatico di un sistema incontrollato, ingiustificato e incosciente che mette a rischio la vita di rifugiati e migranti", ha detto Karline Kleijer, responsabile delle emergenze.

Ha, inoltre, esortato le autorità libiche a rilasciare le persone trattenute a Sabaa, quasi la metà delle quali sono state incarcerate per sei mesi o più.

La Libia è precipitata nel caos dopo la rivolta del 2011, che ha portato alla cattura e all’uccisione di Moammar Gheddafi, e da allora si è affermata come un importante punto di transito per i migranti in fuga dalla guerra e dalla povertà provenienti dall’Africa e dal Medio Oriente e in cerca di una vita migliore in Europa.

Sam Turner, capo della missione Medici Senza Frontiere in Tunisia, ha affermato che le politiche dell’UE in materia di migrazione "hanno come risultato diretto la detenzione di persone in queste condizioni in Libia".

È un approccio estremamente cinico.. e il costo sono le vite umane", ha affermato.

Il mese scorso, la polizia libica ha fatto irruzione all’interno del centro di detenzione di Trig al-Sikka a Tripoli per porre fine a una protesta dei migranti detenuti all’interno della struttura, scatenando scontri nei quali circa 50 persone sono rimaste ferite, secondo l’agenzia della Migrazione delle Nazioni Unite.

Secondo le stime di Medici Senza Frontiere circa 670.000 migranti sono attualmente presenti sul territorio libico, inclusi 5.700 reclusi in centri di detenzione, dove sono regolarmente esposti a violazioni dei diritti umani tra cui estorsione, tortura, violenza sessuale e lavoro forzato.