logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Archivio legislativo » Guida legislativa

Reddito di cittadinanza, ASGI all’INPS: illegittima la sospensione dell’esame delle domande dei cittadini stranieri

30 agosto 2019

Con una lettera inviata il 29 agosto 2019 ASGI ha chiesto al Presidente e al Direttore Generale dell’INPS di revocare la circolare n. 100 del 5 luglio scorso che ha sospeso l’esame delle domande di reddito di cittadinanza presentate dai cittadini stranieri.

Ai sensi dell’art. 2 dall’art. 2, comma 1bis Decreto Legge 4/2019 convertito in Legge 26/2019 doveva essere emanato entro il 18 luglio u.s. un decreto Ministeriale per definire la lista dei Paesi per i quali è “oggettivamente impossibile” ottenere la certificazione reddituale e patrimoniale richiesta dalla legge.

Il termine è ormai ampiamente spirato senza che nessun segnale arrivasse da parte del Governo, sicché i cittadini stranieri non hanno mai ricevuto risposta dall’Istituto di Previdenza.

Tale differenza di trattamento – dovuta in primo luogo alle disposizioni illegittime contenute nella legge istitutiva della misura – è stata poi esacerbata dalla sospensione operata dall’INPS che – come scritto nella lettera – “ha trasformato in una esclusione a tempo determinato dei soli stranieri da una prestazione che per il suo obiettivo (l’uscita dalla condizione di povertà, anche assoluta) non tollera ritardi di alcun genere[…]”.

ASGI ha pertanto intimato l’Istituto a “revocare immediatamente la circolare n. 100 nella parte in cui dispone la sospensione e a comunicare alle sedi periferiche l’obbligo di procedere immediatamente all’esame delle domande dei richiedenti con cittadinanza extra UE con i medesimi tempi previsti per i cittadini italiani e senza richiesta di documenti aggiuntivi”.

- La lettera completa dell’ASGI all’INPS

Leggi anche:
- I dati INPS confermano: stranieri discriminati nell’accesso al reddito di cittadinanza