logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Parigi: più di 2.000 migranti sono accampati tra topi e rifiuti, una situazione "esplosiva"

Charlotte Boitiaux, InfoMigrants - 13 settembre 2019

18 settembre 2019

- Link all’articolo originale (FRA)

Fai una donazione al Progetto Melting Pot!

Più di 2.000 persone sono attualmente recensite dalle associazioni a Porte d’Aubervilliers, Porte de la Chapelle e Porte de la Villette. Una cifra "vista raramente", affermano le ONG che deplorano lo "sfinimento" delle loro equipe di fronte a migranti esasperati, con i quali il legame di fiducia è diventato molto fragile.

"Ogni mattina, sono felice che non ci siano stati gravi incidenti il giorno prima. È un miracolo quotidiano che la situazione regga". Le parole di Pierre Henry, direttore generale di France Land of Asylum (FTDA), rendono conto della situazione deleteria che al momento prevale nei campi profughi a nord della capitale. Più di 2.000 persone, per lo più giovani e soli, vivono qui, in mezzo a ratti, rifiuti, escrementi, urina, tra gli svincoli della tangenziale di La Chapelle, l’autostrada A1 e i nuovi quartieri di Porte d’Aubervilliers. 

"Non abbiamo mai avuto così tante persone contemporaneamente dal 2015", afferma preoccupata Marie, membro dell’Armée du Salut, la quale distribuisce le colazioni a Boulevard Ney, nel 18 ° arrondissement. "Ci sono state sempre molte persone ma ora, registriamo tra i 650 e i 750 passaggi ogni mattina, mai visto niente di simile dall’inizio dell’anno", dichiara. Prima dell’estate, l’Armée du Salut contava tra i 400 e i 500 passaggi. 

Per le associazioni, l’aumento del numero di persone nei campi può essere spiegato in primo luogo con la sedentarietà dei numerosi migranti. "Molti sono qui da mesi o addirittura anni. Sono stati spediti in centri d’accoglienza, in seguito espulsi da quegli stessi centri. Quindi, adesso, rimangono nei campi", dice Lola, dell’associazione Utopia 56.

"Conoscono il sistema e sanno che non funziona. Non salgono nemmeno sugli autobus [per andare nei centri di emergenza] durante le operazioni di trasferimento [della prefettura]. Dicono che sia inutile.

Secondo Corinne Torre, capomissione per Medici senza frontiere (MSF), anche la paura delle autorità spinge i migranti a rimanere nei campi. "Le strutture d’accoglienza di emergenza del 115 sono obbligate, attraverso una circolare del governo, a fornire alle autorità i nomi delle persone ospitate. Come vuole che i migranti ci vadano in queste condizioni?”, si chiede. 

"Le reti mafiose decidono chi entra nel campo e chi no"

Da alcune settimane, numerosi richiedenti asilo provenienti da altri paesi europei vengono ad allargare ancor di più il numero di migranti sotto i ponti. "Ci sono molti afghani della "seconda ondata "che si trovavano in Svezia, in Germania e che sono qui oggi", afferma Marie dell’Armée du Salut. "Hanno aspettato per anni una risposta alla loro richiesta di asilo prima di essere respinti". 

Bisogna constatare che è il tedesco a risuonare nei campi a nord della capitale. Julia, di Utopia 56, usa sempre meno l’inglese. "Avevo imparato questa lingua a scuola. Finalmente mi serve! Parlo spesso tedesco, è vero, soprattutto con gli afgani ". 

Di fronte a una tale sovrappopolazione, confinata in campi insalubri, la recrudescenza di tensioni era quasi inevitabile, ricordano, all’unanimità, le associazioni. "Quando le persone sono esauste, tutto degenera molto rapidamente".

"Per un pacchetto di sigarette rubate, può esserci un aumento generalizzato di violenza", afferma un volontario dell’Armée du Salut." La situazione è critica, tesa. Si vede, si sente. E la presenza di reti mafiose, di trafficanti, non aiuta. "Ci sono sempre grandi teste che decidono chi entra e chi non entra nei "loro" campi. Se decidono che i volontari non entrano, non entriamo", continua Lola. "Ci impediscono di avvicinarci a delle persone che hanno bisogno di noi ". 

"Molti non vengono più a trovarci, non abbiamo più nulla da insegnare loro" 

In una tale situazione, il legame di fiducia tra migranti e associazioni viene talvolta messo a dura prova. "Molti si isolano, non vengono più a trovarci. È triste dirlo, ma a volte non abbiamo nulla da insegnare loro ... " constata con amarezza Lola.

E cosa ancora più grave, questo legame di fiducia è stato spezzato recentemente: due equipe di operatori di France Land of Asylum (FTDA) sono state attaccate la scorsa settimana in un campo di Porte d’Aubervilliers. "Minacce con arma da taglio", precisa Pierre Henry, direttore generale della FTDA. "Questo ci preoccupa molto."

"Siamo gli unici interlocutori dei migranti, purtroppo siamo anche i loro primi obiettivi", riassume Corinne Torre di MSF. Le conseguenze: i volontari mantengono le distanze. "Non entriamo più così spesso nei piccoli passaggi in cui sono installate le tende, restiamo sulle vie principali ...", si rammarica Lola. 

Yusuf e Majid fanno parte di questi migranti tagliati fuori dal mondo delle associazioni. I due somali, sottoposti al regolamento di Dublino, vivono ai margini della circonvallazione, all’altra estremità di un accampamento di Porte d’Aubervilliers, bloccati su una sottile striscia di terra dove le auto passano a tutta velocità a una distanza di 10 metri da loro. Yusuf e Majid non vedono “ quasi mai” ONG. "Non vengono fin qui", dice Yusuf, che afferma di aver bisogno di medicine per curare il suo fegato malato. 

"Graffi di topo sul viso"

Entrambi si lamentano anche della delinquenza. "Ho paura, ho sempre paura. Di notte, le persone arrivano con i coltelli, strappano le tende, rubano le nostre cose", dice Majid, che non si allontana mai per molto tempo dalla sua tenda. "Ci mettiamo il più lontano possibile per stare tranquilli, ma non vogliamo nemmeno isolarci. Viviamo qui, piegati su noi stessi, a pochi passi dai nostri rifiuti". 

Tutti i migranti incontrati quel giorno si lamenteranno delle "montagne di immondizia" che si formano lungo la tangenziale.

"La situazione è diventata drammatica, in tutto e per tutto", afferma indignato Pierre Henry della FTDA. "Come possiamo non avvicinarci ad una catastrofe quando le persone vivono nel fango, nelle feci e nelle urine!

Anche i topi sono un calvario quotidiano. "A volte vedo persone con graffi di topo sui loro volti quando vengono a incontrarmi", dichiara Lola. "Sono ovunque.
Mordicchiano le tende. I migranti ne parlano molto. Ci raccontano che di notte i topi saltano loro addosso.
"

"Qual è la soluzione?"

Ognuno cerca di proteggere il proprio spazio vitale come può. Majid applica il sistema D. Con una scopa, spinge la spazzatura verso il bordo della circonvallazione.
"I bidoni sono lontani, dice, non esiste un servizio di pulizia dove ci troviamo".
Majid e Yusuf sembrano rassegnati. In piedi, di fronte alla loro tenda, dietro la quale si ergono gli enormi locali, nuovi di zecca, della banca BNP Paribas , i due uomini sembrano aver rinunciato. "Sì, è un inferno, ma qual è la soluzione?".

Non chiedono nemmeno aiuto o consigli a Lola sulla loro situazione amministrativa. Scrollano le spalle all’evocazione di un rifugio di emergenza. Tacciono sul loro futuro.

Dopo tanti anni lontano dalla Somalia (22 anni in Norvegia per Yusuf, 7 anni per Majid), i due uomini affermano di trovarsi in una situazione di stallo. "Il mio futuro, è questa rampa della circonvallazione ...", sospira Yusuf. "Non immaginavo la mia vita così".