logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Governo italiano e trafficanti libici: un altro pezzo di verità

Comunicato della campagna LasciateCIEntrare e Dossier Libia

5 ottobre 2019

Fai una donazione al Progetto Melting Pot!

Sta venendo a galla come un corpo morto che hanno cercato di annegare, uno dei tanti corpi senza nome che cercava di raggiungere l’Europa, vittima innocente: sta venendo forse a galla un altro pezzo di verità.

Ed è una storia immonda e vergognosa, che forse in molti conoscevano ma che per “ragion di stato” era meglio tacere. Ed è proprio lo stato italiano, quello che giura sulla Costituzione e sui trattati internazionali, che viene a galla come un corpo putrescente.

Al CARA di Mineo (quello che nonostante tutte le indagini è stato il fulcro di appalti miliardari e traffici clientelari di ogni tipo), seconde alcune fonti ed informazioni diffuse ieri dagli organi di stampa, due anni fa ovvero l’11 maggio 2017, ci fu un incontro segreto. All’incontro erano presenti funzionari dei servizi segreti italiani, referenti delle autorità libiche e delegati africani di agenzie umanitarie ed il comandante di un raggruppamento della Guardia Costiera di Tripoli. Lui, Habd Alrraman Al Milad meglio noto come Bija, già segnalato dalle Nazioni Unite come uno dei peggiori e potenti trafficanti di esseri umani che gestiscono i centri libici ed i viaggi in mare, più volte accusato di omicidio e torture nei lager dei centri di smistamento. A più riprese segnalato nelle inchieste sul traffico di esseri umani dei Magistrati di Palermo ed Agrigento, un pericoloso latitante, che anziché essere arrestato si sedeva tranquillamente al tavolo delle trattative con i nostri servizi segreti.

Avvenire ha documentato la notizia con foto dell’incontro.

Proprio il CARA di Mineo, oggetto di inchieste per anni, veniva preso ad esempio, con la richiesta dei funzionari trafficanti libici alle autorità italiane di sovvenzionare la costruzione in Libia di centri analoghi. Qualche mese dopo il Governo italiano annunciava la stretta sui soccorsi in mare operati dalle ONG.

Un’incredibile coincidenza di interessi privati, di violazioni dei diritti umani, di convenzioni, di leggi, di strategie volte alla criminalizzazione delle ONG, dell’insabbiamento di verità della quale ora l’Italia deve rispondere.

La campagna LasciateCIEntrare e Dossier Libia chiedono che siano immediatamente auditi gli atti dell’incontro, auditi i referenti dei servizi segreti e delle autorità presenti, che sia fatta luce su questo incontro e sugli accordi privati e illegali concordati tra l’Italia, la Libia ed un trafficante di esseri umani.

La campagna LasciateCIEntrare e Dossier Libia chiedono che una commissione di inchiesta vera e non di facciata sia immediatamente messa al lavoro, e chiedono che i documenti in mano agli organi di informazione vengano immediatamente messi agli atti da magistrati liberi ed indipendenti.

Si chiede con forza che sia fatta verità su un episodio, sicuramente non l’unico, che riguarda il nostro paese e la vita e la dignità di uomini e donne e bambini vittime dell’ignavia, dell’indifferenza, della responsabilità disumana di una parte della nostra politica.

- Leggi gli articoli Nello Scavo pubblicati su Avvenire.it

* La trattativa nascosta. Dalla Libia a Mineo, il negoziato tra l’Italia e il boss
* Trattativa nascosta. Il viaggio del boss in Italia: Bija visitò altri centri migranti
* Migranti. Chi è Bija, il guardacoste e trafficante libico pagato da Italia ed Europa