logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Il confine meridionale del Texas si trasformerà presto in una gigantesca fossa comune

Karla Cornejo Villavicencio, The New York Times - 15 aprile 2020

22 aprile 2020

- Link all’articolo originale (ESP)

Fai una donazione al Progetto Melting Pot!

Mentre il virus viaggia attraverso gli Stati Uniti, in un campo di migranti situato sul lato messicano del confine sta per accadere un disastro umanitario.

La città di Matamoros, in Messico, si trova appena oltre il confine di Brownsville, Texas. Da quando con il governo Donald Trump è stata introdotta la politica "Resta in Messico", più di 2.500 persone si sono ritrovate a doversi radunare all’interno di un miserabile campo situato al confine tra Stati Uniti e Messico, in attesa di ricevere asilo. Gli spazi sono stretti e privi di ogni accortezza sanitaria - alcune persone dormono in tende, altre in rifugi di fortuna - senza elettricità o acqua corrente. Sono sempre più numerose le persone sensibili alle malattie respiratorie e alla malnutrizione.

Photo credit: Christopher Lee


Il 1 ° aprile, il Dipartimento di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e l’Ufficio esecutivo per la revisione dell’immigrazione hanno annunciato che tutti i colloqui riguardanti le richieste di asilo sarebbero stati rimandate a causa dell’epidemia di Coronavirus. Queste persone vivono sotto la costante minaccia del virus, e questo solo perché costrette a lottare per l’esercizio del loro diritto umano di chiedere asilo.

Volontari e gruppi no profit sono quasi scomparsi: l’Unicef ​​è partito, Medici senza frontiere continua a offrire alcuni servizi, ma la Global Response Management (GRM), un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro, è l’unica presenza costante. I dottori, le infermiere e gli studenti di medicina che si sono offerti volontari per il gruppo - in alcuni casi, sono persino richiedenti asilo - stanno facendo del loro meglio.

Ad ogni modo, il miglior sforzo del gruppo è limitato alla distribuzione di vitamine, maschere respiratorie e spaziatura delle tende. In circostanze normali - se una qualsiasi parte di tutto questo può essere definita "normale" - i medici e gli infermieri possono fare poco più che curare una ferita che richiede punti e diagnosticare la tonsillite o l’influenza. Non possono ottenere test per diagnosticare COVID-19.

Il direttore esecutivo di GRM, che è anche un’infermiera, ha riferito che cinque pazienti con sintomi di COVID-19 si trovavano all’interno del campo. L’agenzia ha riferito la notizia alle autorità locali, ma gli sono state negate le prove. Il GRM ha richiesto che questi migranti fossero trasferiti altrove, in hotel vicini, ma le autorità messicane che si occupano dell’immigrazione non hanno autorizzato il trasferimento.

Con una popolazione di oltre 520.000 abitanti Matamoros è la seconda città più grande dello stato di Tamaulipas. Sebbene non ci siano casi confermati di COVID-19 all’interno dei campi, ci sono otto casi confermati in città. Tutti coloro che manifestano sintomi lievi o moderati dovrebbero essere messi in quarantena nelle loro tende, i casi più gravi inviati agli ospedali locali. Tuttavia, secondo GRM, tra i cinque ospedali pubblici della città ci sono solamente 10 ventilatori e 40 letti nell’unità di terapia intensiva e così facendo si creerebbe un focolaio catastrofico.

Il Messico ha reagito lentamente alla minaccia del Coronavirus. A metà marzo, il presidente del paese, Andrés Manuel López Obrador, ha detto ai giornalisti: "Ho molta fiducia nel nostro amato Messico, riusciremo a scongiurare qualunque disgrazia o pandemia, niente ci danneggerà". Con un atteggiamento provocatorio, ha poi baciato e abbracciato i sostenitori in occasione di eventi recenti. Ad oggi, il Messico ha riportato almeno 5.399 casi COVID-19 e 406 decessi alla data di pubblicazione di questo articolo. Gli operatori sanitari hanno protestato per la mancanza di dispositivi di protezione.

Le organi di stampa occidentali sono molto preoccupate per le sorti dei migranti provenienti dal nostro confine meridionale. Quel che maggiormente preoccupa è la possibilità che possa crearsi un focolaio all’interno del campo.

Tuttavia, la difficile situazione dei migranti è dovuta solo alla morbosa curiosità dei media che continuano ad offrirci servizi e foto, scattate da elicotteri, di corpi che si trovano accatastati uno sopra l’altro, riarsi dal sole, e di bambini annegati che abbracciano i loro genitori. È il classico materiale voyeur di Jonestown.

È il massacro di persone vulnerabili che vengono maltrattate per aver sognato una vita migliore. Nonostante la preoccupazione per le persone che chiedono asilo a Matamoros, nessuno si sta muovendo per aiutarla. La maggioranza delle persone preferisce di gran lunga leggere di questa eccidio incombente piuttosto che intervenire attivamente per dare una mano.

Con l’aumentare delle devastazioni provocate dal Coronavirus, diventa chiaro che i migranti di tutto il mondo sono ora tra i soggetti più vulnerabili. Spesso mancano di un’assicurazione sanitaria, in lotta continua per l’ottenimento di un qualsivoglia sostentamento e in cattive condizioni di salute.

Privati sia del lusso che della libertà di esercitare distanziamento sociale. Le donne e gli uomini privi di documenti, che nelle nostre comunità sono in prima linea - spesso senza alcun tipo di equipaggiamento protettivo - rischiano giornalmente la vita per fare lavori che la maggior parte degli americani non vuole fare. Stanno disinfettando ospedali e studi medici, consegnando il cibo e prendendosi cura dei parenti anziani di tutti.

Il presidente degli Stati Uniti ritiene che l’insistenza della comunità medica durante il periodo di quarantena sia tutta una cospirazione per distruggere la sua presidenza. I miei genitori fanno parte degli anziani immuno compromessi e senza documenti di New York City. Se si ammalano, moriranno. Il governo Trump non ci aiuterà. Noi migranti, sia al confine che a New York, siamo costretti a difenderci da soli.

Sai qualcosa sui corvi? Come migrante senza documenti, ho sempre avuto una certa simpatia per loro. Uno studio ha rivelato che questi animali sono intelligenti tanto quanto un bambino di 7 anni. E nonostante tutto, la maggior parte delle persone li considera uccelli nocivi e indesiderabili. Le persone tendono a sparare quando li vedono, o a ricoprire tutto di filo spinato per impedirgli di nidiare. Se fai del male a un corvo e lui riesce a vedere bene il tuo viso, generazioni di greggi legate a quel corvo potrebbero cambiare direzione, scattare e attaccarti. I corvi non dimenticano mai se fai male a un loro simile.

Come una delle profezie adempiute del sogno americano, ho guadagnato il diritto di presagirne una. Se i governi di Stati Uniti e Messico ci lasceranno morire in massa, tormenteremo i loro figli, i loro nipoti e così via. Non potranno mai più dormire in pace e saranno costretti a ricordare i nostri nomi.