logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Al di là delle frontiere. Lo stato di emergenza nei Balcani

La registrazione dell’incontro

29 aprile 2020

Vai alla pagina dedicata alla rotta balcanica

La registrazione del webinar "La situazione lungo la Rotta Balcanica durante la pandemia di Covid-19", che si è svolto mercoledì 29 aprile, con testimonianze dirette e interventi di attivisti e attiviste di:
Border Violence Monitoring Network, Bozen Solidale, Centro studi per la pace di Zagabria, Linea d’Ombra ODV, No Name Kitchen, Campagna Lesvos calling, One Bridge To Idomeni, Open Your Borders.

Cosa accade nei paesi della cosiddetta "rotta balcanica"? Qual è la sorte delle persone migranti rinchiuse nei centri di “accoglienza” e in quali condizioni versano questi centri? E cosa avviene a coloro che si trovano ancora in strada nei paesi in cui la dichiarazione dello stato di emergenza ha coinciso con un’ulteriore militarizzazione dando compiti di polizia all’esercito?

Invece che portare più cura e attenzione verso i soggetti vulnerabili o in cerca di protezione, il coronavirus è diventato il pretesto per una nuova stretta autoritaria con respingimenti illegali ancora più violenti e operazioni su vasta scala contro le persone migranti.

In un momento in cui la restrizione della mobilità non ci permette di essere presenti fisicamente in queste zone, abbiamo raccolto diverse testimonianze di persone migranti, giornalisti e attivisti che si trovano a confrontarsi giornalmente con questa svolta autoritaria.

Come realtà impegnate lungo la rotta a sostegno delle persone in transito, vogliamo continuare a mantenere alta l’attenzione sui paesi ed i confini di tutta la regione balcanica, ri-organizzando temporaneamente le forme della nostra denuncia e solidarietà.

Oltre ad aggiornare su quanto sta avvenendo, cercheremo di soffermarci su quelli che possono essere gli scenari post-pandemia e riflettere su come rafforzare una ancora più urgente lotta per la libertà di movimento e per la sicurezza di tutti e tutte.