logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Niger: l’altro hub africano finanziato dall’UE

Richard Vogt, Border Criminologies (Blog) - 18 maggio 2020

27 maggio 2020

- Link all’articolo originale (ENG)

Articolo di Richard Vogt. Richard ha quasi concluso il suo dottorato, Una costante dose di immagini, che vuole attirare l’attenzione sui problemi più gravi ed incombenti che riguardano gli attuali confini europei. Le sue ricerche includono la violenza dei corpi e verso i corpi, l’ipocrisia del potere, l’estetica politica e un’attrazione immortale per le interruzioni culturali di ogni genere.

Assegnaci il tuo 5‰: scrivi 00994500288

Dopo la morte in massa dei migranti nel centro di detenzione di Tajoura, bombardato nel giugno 2019, le politiche di esternalizzazione dei confini europei in Africa si sono focalizzate sulle violenze in Libia.

Più a sud, tuttavia, il Niger è diventato un paese di transito secondario che desta preoccupazione per le politiche dei confini europei, un hub che estende le politiche di contenimento dei migranti irregolari. Nel quadro dei programmi di gestione migratoria” europei, recentemente l’UNHCR ha trasferito almeno 3.000 migranti dalla Libia a Niamey, capitale del Niger.

La cosa più preoccupante dei trasferimenti e di queste strategie di contenimento è la situazione del Paese, che detiene uno degli indici di sviluppo umano più basso delle Nazioni Unite insieme a una violenza di stampo jihadista in continua crescita.

Pagare per il confine con il Sahel

A causa del suo ruolo nella crescita del numero di migranti che arrivano in Europa dalla Libia, l’UE ha indicato il Niger come uno dei cinque paesi nei quali è necessario rafforzare il contenimento della migrazione interna. Il fatto che il Niger sia un paese di transito importante per la migrazione ha reso automaticamente la città di Agadez un sito chiave della rotta del Sahel.

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), ha stimato che la centralità del Niger ha permesso l’ingresso di € 100 milioni in più ad Agadez nel 2015. Questa risposta mirata ha inizialmente incitato il Niger ad introdurre controverse leggi anti-trafficanti per volere dell’UE. A est, il fondo fiduciario più ampio dell’UE per l’Africa era destinato al finanziamento di pattuglie di frontiera congiunte e alla promozione di numerose opportunità nei paesi di origine.

Il sindaco di Agadez ed ex attivista ribelle, Rhissa Feltou, è critico riguardo alla perdita di opportunità di finanziamenti UE per coloro che si trovano nelle zone remote del Niger. Le politiche di contenimento stanno aggravando il bisogno di migrare ancora più a nord per la sopravvivenza economica.

Circa la metà dei 120.000 residenti di Agadez beneficiano del commercio derivante dalla migrazione; ciononostante, secondo Feltou, la legislazione contro i trafficanti del 2015 ha convertito repentinamente i siti di transito da un sistema basato su un’economia di distribuzione al dettaglio a un sistema criminale.

Secondo i documenti del governo del Niger, i venditori di cibo hanno assistito a un calo di sette volte nei clienti, a causa dell’aumento del traffico di stupefacenti e delle rapine. L’aumento della criminalità ha naturalmente portato ad un aumento della violenza e ad una diminuzione del capitale sociale. Pertanto, i migranti in transito attraverso la regione in cerca di sicurezza altrove sono aumentati da 266.590 nel 2018 a 540.000 nel 2019.

Poco dopo la stretta del governo del 2015, il sindaco di Dirkou, una città situata a nord di Agadez nella rotta verso la Libia, ha dichiarato che le entrate della comunità sono diminuite nell’ultimo anno da $ 6 milioni a $ 120.000 USD settimanali. Poiché questa recessione ha colpito molte persone coinvolte nella manutenzione quotidiana della rotta del Sahel, c’è la preoccupazione forte che un aumento della coercizione dell’UE sopprimerà ulteriormente questo settore in futuro. Di conseguenza, anche la violenza nella regione peggiorerà sicuramente.

Il mercato dei migranti

Oltre 100 camion di migranti lasciano Agadez prima dell’alba, una volta alla settimana il lunedì. Tuttavia, alla fine del 2016, la Commissione europea stava celebrando il successo del monitoraggio delle frontiere regionali. Nel settembre di quell’anno il governo si è messo in mostra arrestando i migranti e sequestrando gli onnipresenti furgoni Hilux. Anche la regione del mercato perimetrale in cui riposavano i migranti è stata smantellata. Ora, coloro che fanno il viaggio verso nord vivono in modo precario in tutta la città, dispersi tra la violenza urbana.

Basandosi sui dati OIM, la Commissione ha annunciato con orgoglio che gli attraversamenti del Sahara sono scesi da 70.000 a maggio 2016 a 1.500 a novembre. Tuttavia, la migrazione irregolare persiste. Per evitare il controllo, i trafficanti hanno evitato di usare il loro tradizionale punto di partenza e si sono infiltrati nelle aree suburbane. Anche nel 2017, l’UE era consapevole che il dirottamento ad Agadez a causa del contratto con i migranti con il Niger "ha causato un aumento significativo sia dei prezzi che dei rischi". Ciò è in gran parte irrilevante per il messaggio promosso dalla Commissione europea. L’attenzione si concentra sullo status del Niger come paese "modello" per il controllo della migrazione nella regione, nonostante le prove diffuse.

Pertanto, le affermazioni dell’UE in merito al calo dei numeri sono fuorvianti. I convogli di migranti evitano le città di passaggio di Tumu e Madame. Come con i muri e confini costruiti dall’UE, la sorveglianza governativa nella regione rischia di dirottare il viaggio di coloro che vogliono disperatamente partire. Ai potenziali migranti e ai trafficanti viene detto solo qualche ora prima dove incontrarsi. Gli abitanti delle comunità aspettano nei pressi dei confini, vendendo acqua e biscotti per il viaggio. Con l’aiuto dell’assistenza e monitoraggio dell’OIM, questa parte del nord-est del Niger è diventata il più periferico e non-ufficiale dei confini esterni dell’UE.

Nonostante siano meno numerosi, i viaggi interni alla Libia sono più pericolosi che mai. I gruppi viaggiano per centinaia di chilometri intorno alla tradizionale via nord, e si espongono ad aree con una maggior presenza militare. A fianco dei campi minati, corpi morti sono sparpagliati ovunque nel deserto. Nel momento cruciale del viaggio - nella regione libica di confine - la Francia ha finanziato la milizia di Tubu per bloccare i trafficanti di migranti. Questa linea di difesa non ufficiale è gestita da un ex-ribelle nigeriano. Altre ONG hanno criticato molto a lungo questa complicità da parte dell’UE nella violenza di confine ed hanno avviato ricerche e missioni di salvataggio nel deserto, per cercare di ridurre il numero di morti che si verificano settimanalmente.

Il contenimento migratorio in una regione sempre più violenta

Negli ultimi anni il Niger, insieme al Mali e al Burkina Faso, è diventato luogo di violenza e rivalse di matrice terrorista. Sebbene gli ultimi dieci anni siano stati caratterizzati dall’estremismo violento, questo è aumentato ulteriormente negli ultimi tre anni. Le vittime sono cresciute rispettivamente del 500%, 300% e del 7.000%, con un aumento di persone dislocate nel 2019 pari a un quintuplo. Queste cifre mettono in luce le decisioni dell’UE relative ai migranti di ritorno, prese per prevenire le morti dei migranti in transito. I paesi dai quali i migranti stanno scappando non sono paesi di ritorno sicuri.

I numeri di vittime nella regione nel 2019 evidenziano il danno collaterale del “successo” dell’UE nel filtrare gli arrivi sulle coste europee: un aumento delle attività terroristiche e dei traffici illegali. Naturalmente il pagamento triennale di quasi 1 miliardo di € per partecipare alle gare d’appalto di Bruxelles per il governo del Niger è più importante di qualsiasi altro patto africano.

Tuttavia, significa poco per i cittadini del Niger. L’UE si focalizza soltanto sul numero enorme dei morti in mare. L’elogio dell’UE all’aiuto umanitario suona bene a coloro che sono volutamente disinformati in Europa. Per i burocrati e i politici, l’aiuto è la riprova che le politiche di appalto a terzi sono una via efficace per ridurre la migrazione. Per i conservatori compassionevoli fornire incentivi allo sviluppo supporta la narrativa dell’assistenza dei migranti nella loro regione di provenienza, così che non rischino le loro vite in mare. Letta superficialmente la faccenda sembra ammirevole; tuttavia, sotto sotto, l’UE sta devastando il Niger e le vite dei migranti.