logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

CPR di Macomer, continuano le proteste dei reclusi. Bocche cucite e sciopero della fame

ASCE Sardegna e LasciateCIEntrare: "Chiediamo la chiusura di un luogo di segregazione e violenza"

20 giugno 2020

Assegnaci il tuo 5‰: scrivi 00994500288

Da mesi denunciamo la vergogna che rappresenta l’esistenza del CPR di Macomer, uno spazio completamente fuori dal diritto, un buco nero dove spariscono persone, democrazia e diritti umani, nella opacità di una gestione omertosa, che isola i reclusi dal mondo esterno ed erige una coltre di silenzio impenetrabile intorno al perimetro della prigione, una prigione per persone che non hanno commesso alcun reato, dove si viene arrestati sulla base del mancato possesso di un permesso di soggiorno che lo Stato stesso sceglie di non concedere, con la scusa di effettuare un rimpatrio che attualmente non può in nessun modo essere eseguito a causa del Covid-19.

Data l’opacità estrema del CPR, solo con gesti estremi sembra sia possibile tentare di forare la cappa di silenzio, la feroce indifferenza di noi tutti a questa orribile, inutile sofferenza inflitta a degli esseri umani, per l’unica colpa di essere entrati in Italia senza essere europei, o ricchi.

Così in questi giorni, ancora una volta, gli internati sono stati costretti a inscenare una protesta clamorosa per potere spingere la propria voce aldilà delle sbarre. Fino a ieri sera circa 20 persone erano sul tetto del CPR, mentre una decina ha iniziato uno sciopero della fame. Questa è solo una delle numerose proteste che continuano a segnare la vita ordinaria di questo centro di detenzione per gli stranieri senza permesso di soggiorno, in attesa del rimpatrio nei loro paesi di origine. L’ennesima protesta annunciata in uno spazio che nasce come luogo di segregazione e violenza, e non conosce altra possibile destinazione d’uso.

Proviamo a immaginare cosa vuol dire: l’assurdità kafkiana di essere arrestati senza avere fatto niente né essere accusati di niente, l’incertezza sul proprio futuro, l’impossibilità di comunicare con l’esterno, se non in rari casi, il cibo immangiabile, l’essere costretti a protestare persino per essere curati, il restare tutto il giorno senza fare niente perché non è prevista nessuna attività ricreativa, il non poter possedere neanche una penna per scrivere una lettera ed essere costretti a guardare la tv in una sala senza sedie. Alla domanda: «come va lì dentro?», queste sono le risposte dalle persone recluse nel CPR.

In queste condizioni la disperazione ha inevitabilmente il sopravvento, spingendo anche ad atti estremi come quello di J., cittadino marocchino che, da pochi giorni, ha deciso di non mangiare più cucendosi la bocca. In risposta a questa forma di protesta, drastica ma pacifica, J. è stato preso con la forza e trascinato violentemente per terra fino all’infermeria, gesto che ha provocato l’acuirsi della protesta dei suoi compagni, che hanno deciso di sostenerlo salendo sul tetto del CPR per far sapere al mondo circostante quello che stava accadendo.

Ieri notte hanno deciso di scendere dal tetto accettando di discutere sulle condizioni del centro, ma niente è cambiato: “oggi è esattamente come ieri”, così ci dicono dal CPR.

La protesta non si è interrotta, continua lo sciopero della fame, J. continua ad avere la bocca cucita e altri minacciano di seguire il suo esempio.

«Siamo disperati. Qui siamo alla fine», ci dicono. Ci chiedono di ascoltare la loro voce, di essere trattati come esseri umani, di poter tutelare i loro diritti di PERSONE. Il rispetto dei diritti umani fondamentali di queste persone passa inevitabilmente per la loro liberazione e la chiusura di questo spazio al di fuori del diritto.

Lo ribadiamo: la presenza dei CPR è una intollerabile minaccia per l’ordinamento democratico dello Stato italiano, finché esisteranno spazi del genere, dove la regola è l’arbitrio del più forte, il silenzio delle vittime, il lucro di privati sulla violenza di Stato, nessuno potrà realmente considerarsi al sicuro.

I CPR DEVONO ESSERE CHIUSI. Cominciamo da Macomer.

ASCE Sardegna
Campagna LasciateCIEntrare