logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Un cittadino albanese morto al CPR di Gradisca d’Isonzo

Una nuova morte annunciata

14 luglio 2020

Iscriviti al canale Telegram di Melting Pot Europa

Un altro morto al CPR di Gradisca d’Isonzo, Gorizia.
Mentre sono 18 i cittadini tunisini trasferiti dall’hotspot di Pozzallo al CPR di Bari. Tra loro dei minori, poi trasferiti in accoglienza solo successivamente alla nostra segnalazione al Garante dei minori. Dopo Bari, alcuni sono stati trasferiti prima a Roma, al CPR di Ponte Galeria per due giorni, quindi a Gradisca d Isonzo. Da qui siamo stati contattati per le precarie condizioni di salute di un cittadino tunisino con problemi di asma.
Ieri due reclusi hanno protestato: uno si è dato fuoco. L’altro si è tagliato le vene. Ci dicono si tratti di due cittadini albanesi condotti poi in ospedale ieri sera, ma di cui non conosciamo le attuali condizioni.
Stamattina una nuova segnalazione: un altro morto di CPR. Pare che sia un ragazzo albanese di 28 anni e la causa sia dovuta a un eccesso di sedativi e tranquillanti, ma siamo in attesa di dettagli. Anche la stampa inizia a diffondere la notizia: "Esclusi al momento segni di colluttazione, ma le cause del decesso del giovane sono ancora tutte da chiarire".
Una nuova morte annunciata dopo quella di gennaio di Vakhtang Enukidze.

I CPR continuano a rappresentare luoghi di abuso.
I CPR uccidono.
I CPR vanno chiusi.