logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Il rafforzamento del confine nella Manica

di Thom Tyerman e Travis Van Isacker - Border Securitisation in the Channel, 9 ottobre 2020

18 novembre 2020

- Link all’articolo originale (ENG)

Iscriviti al canale Telegram di Melting Pot Europa

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con reti di attivisti che lavorano contro il regime di confine del Regno Unito nel nord-ovest della Francia, tra cui Watch the Channel, Calais Migrant Solidarity e Calais Research.

Thom e Travis studiano le pratiche di securizzazione dei confini del Regno Unito, e hanno scritto in precedenza sullo sfratto dei migranti dai loro alloggi e su altre pratiche quotidiane di segregazione a Calais.

Questo è l’ultimo post di Border Criminologies della settimana a tema: "I confini nel tempo: commemorando Lampedusa" organizzata da Victoria Canning e Francesca Esposito.

Il 19 agosto 2020 Abdulfatah Hamdallah, sudanese, è stato trovato morto sulla spiaggia di Sangatte, vicino a Calais. Durante la notte aveva tentato di attraversare la Manica verso il Regno Unito usando un giocattolo da spiaggia gonfiabile e una pala come remo improvvisato. Il ministro dell’Interno Priti Patel (GB) ha accusato "odiose bande criminali e trafficanti di esseri umani che sfruttano persone vulnerabili" di essere responsabili della sua morte, sebbene non vi siano trafficanti coinvolti. Descrivendo lui e altri che attraversano come vittime di avide reti criminali di trafficanti, sperava di giustificare la maggiore sicurezza e militarizzazione della Manica. Queste misure, annunciate come necessarie per "fermarli", sono infatti la radice dei motivi per cui così tanti ora intraprendono questo viaggio, e sono la causa principale dei pericoli mortali che devono affrontare lungo la strada.

Rafforzare i confini britannici: fabbricare una crisi

Nel dicembre 2018, il governo britannico ha parlato di "grave incidente" quando più di 200 persone hanno attraversato la Manica su piccole imbarcazioni nei due mesi precedenti. Finora, nel 2020, circa 6.000 viaggiatori illegali hanno raggiunto il Regno Unito in questo modo, con il 98% di loro che ha richiesto l’asilo. Il 7 agosto il ministro dell’Interno ha annunciato la sua intenzione di "rendere questa rotta insostenibile", “iniziando con l’impedire alle imbarcazioni di lasciare la Francia" e "intercettando le barche e rimandando indietro coloro che tentano la traversata”.

Questo progetto è stato attuato principalmente attraverso l’innegabile militarizzazione della Manica sotto la guida dell’ex marinaio Dan O’Mahoney nel suo nuovo ruolo di Clandestine Channel Threat Commander (Comandante nella lotta contro la minaccia clandestina nella Manica). Una flotta di pattugliatori costieri e pattugliatori doganali delle forze di frontiera sta attualmente coordinando le proprie attività con quelle dei suoi omologhi francesi e della guardia costiera nazionale su entrambe le sponde della Manica per intercettare le imbarcazioni dei migranti il prima possibile. Le navi da guerra della marina francese sono state dispiegate mentre la Royal Navy e la Border Force conducono esercitazioni congiunte. I droni della compagnia di difesa privata Tekever (che presto verrà sostituita da Elbit) e del Ministero della Difesa forniscono una sorveglianza aerea costante insieme alle ronde degli aerei della Royal Air Force.

Oltre a localizzare le barche che hanno bisogno di soccorso, uno spot pubblicitario del Ministero dell’Interno mostra che le riprese catturate da questi droni vengono utilizzate per criminalizzare i richiedenti asilo e condannare i viaggiatori che pilotano le loro barche per "facilitare l’ingresso illegale".

I recenti sforzi del Regno Unito non porranno fine alle traversate non autorizzate su piccole imbarcazioni e, di fatto, gli arrivi sono aumentati durante i mesi di agosto e settembre 2020. Mentre un piano d’azione comune per il 2019 prometteva £ 3,2 milioni per attrezzature di sicurezza e tecnologia per pattugliamenti in mare lungo le coste francesi, secondo quanto riferito, la Francia ha richiesto ulteriori £ 30 milioni dal Regno Unito.

In questo modo la sua polizia intercetterà coloro che sono pronti a salire a bordo mentre sono ancora a terra, in stretta collaborazione con la sorveglianza aerea britannica. Se questa richiesta fosse accettata, sarebbe un’altra pietra miliare nella lunga storia dell’imposizione della polizia di frontiera britannica in Francia, in cambio di finanziamenti. Una strategia che ironicamente è stata all’origine della "crisi" anche dei passaggi di piccole imbarcazioni che conosciamo oggi.

Negli ultimi decenni, attraverso una spesa di oltre £ 315,9 milioni tra il 2010 e il 2016 e oltre £ 45 milioni dalla firma del Trattato di Sandhurst nel 2018, il confine del Regno Unito è stato esternalizzato alla Francia settentrionale ed è stato sempre più protetto. Questo denaro ha finanziato miglia di muri e recinzioni intorno alla città, all’autostrada, al porto dei traghetti e all’Eurotunnel, oltre a nuovi sensori e tecnologie di sorveglianza per rilevare le persone nascoste in camion o sui treni - il mezzo principale utilizzato dalle persone per attraversare illegalmente il confine -, e finanzia anche più di mille poliziotti antisommossa francesi di stanza permanentemente a Calais.

Oltre a pattugliare il perimetro del porto, questi agenti di polizia commettono quotidianamente atti di aggressione e violenza contro i migranti, sgomberando e distruggendo costantemente i loro squat e accampamenti improvvisati. Questi evidenti attacchi da parte delle autorità si combinano con il rifiuto sistematico di beni di prima necessità come alloggio, cibo, prodotti per l’igiene, installazioni lavare e persino indumenti nel tentativo di dissuadere le persone dal viaggiare o soggiornare a Calais nel tentativo di raggiungere il Regno Unito.

Inoltre, con l’obiettivo di ridurre il numero di migranti che si imbarcano in viaggi marittimi, le organizzazioni Calais Migrant Solidarity e Human Rights Observers osservano che la polizia francese confisca o distrugge regolarmente barche, giubbotti di salvataggio e altre attrezzature di sicurezza marittima di tutti i migranti che arresta a Calais. Le autorità locali hanno anche severamente limitato la vendita di questi articoli a chiunque non abbia una carta d’identità valida, richiedendo la registrazione dei dettagli di contatto degli acquirenti. Queste misure non impediscono le traversate in barca, ma le rendono solo più pericolose e contribuiscono alla morte alla frontiera, con persone che partono impreparate o cercano addirittura di nuotare. Creano anche un mercato redditizio per i trafficanti. Lungi dall’impedire il passaggio delle barche, salvare vite umane o porre fine allo sfruttamento, questo rafforzamento dei dispositivi di sicurezza frontaliera a Calais ha avuto l’effetto opposto.

Libera circolazione, non "strade sicure e legali"

Mentre, nel tentativo di placare l’estrema destra e proiettare un’immagine di "ripresa del controllo dei nostri confini", il Ministero dell’Interno mira a rendere insostenibili le piccole traversate in barca nella Manica, i gruppi di difensori dei diritti dei migranti e le organizzazioni umanitarie chiedono di renderli effettivamente superflui.

La morte di Abdulfatah, dicono, illustra l’urgente necessità di stabilire "rotte sicure e legali" in modo che i richiedenti asilo possano raggiungere il Regno Unito senza rischiare la vita o fare affidamento sui trafficanti per farlo. In pratica, questa proposta potrebbe vedere la creazione di centri in Francia per le persone che chiedono asilo e che si registrano per il reinsediamento o il ricongiungimento familiare nel Regno Unito. In caso di successo, a queste persone sarebbe consentito entrare nel paese.

Questa sarebbe un’alternativa al requisito di essere presenti sul territorio del Regno Unito prima di chiedere asilo, motivo principale degli attraversamenti irregolari delle frontiere.

Sebbene queste "rotte sicure" cambierebbero certamente la situazione attuale (sarebbero attualmente prese in considerazione da parte del Ministero dell’Interno), non rimetterebbero in questione il regime di frontiera esistente e potrebbero persino rafforzarlo. I programmi di reinsediamento esterno fanno già parte della politica frontaliera del Regno Unito (e dell’UE).

Tuttavia, di solito si traducono in un numero esiguo di trasferimenti riusciti, mentre la maggior parte delle persone si trova in condizioni disastrose nei campi profughi, in attesa di anni prima che venga presa una decisione. Inoltre, i programmi di reinsediamento esterno mantengono la discrezionalità dello Stato nel decidere chi merita protezione, negando ai rifugiati il diritto di cercare la sicurezza di cui hanno bisogno. Coloro che richiedono il reinsediamento devono presentarsi come le vittime perfette, adattandosi a narrazioni prestabilite di persecuzione personale e sfidanti ipotesi sulla sicurezza del loro "paese d’origine". Tuttavia, il problema centrale con i programmi di reinsediamento è che di solito accompagnano altre politiche di esternalizzazione e protezione dei confini e quindi aiutano a delegittimare e criminalizzare chiunque attraversi autonomamente i confini in cerca di sicurezza, definendoli rifugiati "fasulli" con l’obiettivo di abusare dell’ospitalità degli Stati di accoglienza.

Strade sicure e legali” e il rafforzamento della polizia di frontiera appaiono come posizioni opposte nel dibattito sui confini e sui diritti umani, ma sono davvero le due facce della stessa medaglia. Theresa May lo ha chiarito in un discorso del 2015 come Ministro dell’Interno, quando ha descritto la politica di frontiera del Regno Unito come "Umana per coloro che hanno bisogno del nostro aiuto, dura per coloro che ne abusano".

È urgente adottare un quadro diverso per il lavoro di sensibilizzazione: una narrazione che non tratti le persone che attraversano la Manica come vittime o criminali, ma che riconosca che i loro viaggi sovvertono e resistono al rafforzamento crescente dei dispositivi di sicurezza che ha plasmato la politica di frontiera del Regno Unito per decenni. La sfida è continuare a denunciare la violenza e l’ingiustizia del confine esternalizzato del Regno Unito senza offrirgli inavvertitamente l’opportunità di continuare a esistere prendendo nuove forme.
Mostrare solidarietà ai migranti di Calais e della Manica significa chiedere niente di meno che l’abolizione di questo confine e la libera circolazione per tutti.