logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Rassegna stampa

Abusivismo: il Comune vede giallo

da Il Corriere Romagna del 17 marzo 2005

17 marzo 2005

RIMINI - Abusivismo commerciale: il Comune vede giallo. L’attacco è stato sferrato ieri mattina in Commissione dall’assessore alla polizia municipale Stefano Vitali (Margherita). In sintesi: il fenomeno è molto ampio, coinvolge i marchi contraffatti ma anche lo sfruttamento della manodopera. Il tutto “sforna” prodotti a basso costo venduti all’interno di negozi regolari e alla fine il commercio riminese.Parola a Vitali. “Negli ultimi due o tre anni - e in maniera evidente nell’ultimo - l’abusivismo non è più solo un problema di concorrenza sleale, ma un vero e proprio problema sociale”.Cioè? “Dove vengono prodotte le merci contraffatte con tanto di sfruttamento delle persone si perdono migliaia di posti di lavoro, si pensi solo all’industria tessile: 30mila in pochi anni”.Aggiunge l’assessore.

“Il problema è assolutamente complesso e non può essere guardato solo sotto il profilo di chi vende e chi acquista o lasciato solo nelle mani della Polizia municipale. Ho chiesto alle forze di maggioranza (dai Ds al Prc) di produrre una sintesi sull’abusivismo in modo che i vigili che vanno in spiaggia sappiano che fare”.Ma in definitiva, con chi ce l’ha? “Con quei negozi gestiti da cinesi che hanno di tutto e basso costo: se riesco a vendere a due euro quelli che altri hanno a dieci... alla fine si mette in crisi l’economia”.In Commissione sono stati diffusi alcuni dati del 2004 e legati alla lotta al commercio irregolare: 1.031 unità di polizia municipale impiegate, 111.415 oggetti sequestrati da un punto di vista amministrativo (valore 230mila euro) e 14.470 penalmente (55mila euro).Il segretario comunale dei Ds Tonino Bernabè ha richiamato il governo al proprio ruolo: occorrono uomini e mezzi.Ieri mattina il sotto segretario alla difesa Filippo Berselli ha portato a Roma amministratori e associazioni di categoria a discutere di abusivismo con i vertici della Guardia di finanza.Risultato? Scrive Berselli: “Mi sono associato alla sacrosanta richiesta che per la prossima stagione estiva non vi sia una riduzione, bensì un aumento dell’organico. In tal senso ho ricevuto ampie assicurazioni”.

A nome di Comune e Provincia, gli assessori Antonio Gamberini e Maurizio Taormina spiegano che le linee d’azione concordate con le Fiamme Gialle sono tre. Una. “La centralità del tavolo rappresentato dai Comitati locali per la sicurezza pubblica”. Due. “La priorità d’intervento sulla filiera produttiva della merce contraffatta a partire dai luoghi di produzione e di stoccaggio, per frenare consistentemente lo sviluppo del commercio non autorizzato sull’arenile”. Tre. “Accrescere gli organici delle forze dell’ordine non solo durante i mesi estivi e monitorare il fenomeno durante tutto l’anno”.La Confesercenti ha chiesto di iniziare la lotta all’abusivismo a monte (centri di produzione e appartamenti affittati agli irregolari) già in questi mesi e in estate di allestire presìdi sull’arenile che “non significa militarizzare la spiaggia”.