logo

Documento a cura del
Progetto Melting Pot Europa
web site: http://www.meltingpot.org

redazione@meltingpot.org

Home » Cittadinanze » Notizie, approfondimenti, interviste e appelli

Barcellona - 2° Carovana per la libertà di movimento

Contro le deportazioni, per la chiusura dei CPT. Regolarizzazione senza condizioni di tutti i migranti d’Europa

1 giugno 2006

A Ceuta (città della Spagna situata nel nord del Marocco), lo scorso settembre sono stati uccisi 11 migranti dalle polizie spagnola e marocchina, mentre tentavano di scavalcare il muro di separazione tra l’Unione Europea e l’Africa. Nel novembre 2005, diverse reti di attivisti - spagnoli, italiani e del resto d’Europa- hanno fatto a Ceuta la prima Carovana europea contro il muro della morte e per la libertà di movimento. Sono stati due giorni di mobilitazioni forti, nei quali ci sono sviluppate azioni di denuncia e incontri in assemblee pubbliche coi migranti trattenutti nel CETI(Centro di Permanenza temporanea semi aperto).

Ma oggi la frontiera non è soltanto a Ceuta. La frontiera non è piú un segno geografico, una linea che suddivide un paese da un altro.
Sia chiaro, ormai non è solo un limite geografico, ma un dispositivo di controllo che determina chi, quando e come ha diritti, a quali condizioni. Sono sempre piú chiari i due volti del regime di frontiera: mentre si produce l’esternalizzazione della gestione della frontiera stessa verso i paesi terzi (Il Marocco, la Libia, la Turchia...), il regime di frontiera è sempre più visibile nelle metropoli europee attraverso le strategie di controllo nei confronti dei migranti: check points, detenzioni nelle stazioni di treno e metro, negli uffici postali e tanti altri spazi pubblici, proliferazione dei CPT, deportazioni e minacce.

Barcellona non è un’eccezione; inserita nelle dinamiche economiche transmetropolitane di produzione, essa è dentro lo sviluppo delle politiche che negano il diritto all’esistenza di milioni di persone. Ma Barcellona è anche una città in cui la popolazione migrante è molto numerosa ed è stata lo scenario delle lotte e dei percorsi di autoorganizzazione dei migranti piú importanti e forti della Spagna.

Inoltre, quest’anno sono accadutti a Barcellona due fatti da tenere in considerazione.
Il Comune ha approvato un ordinamento, molto contestato, ispirato dalle politiche di Zero Tollerance, che criminalizza la povertà punendo comportamenti come la vendita in strada, il lavoro sessuale, l’elemosina, altre attività di economia informale (lavaggio dei vetri delle automobili agli incrocci, vendita di lattine di birra in strada...) e tutto il resto di attività che vengono definite come “utilizzo abusivo dello spazio pubblico” – includendo tra queste, il volantinaggio, attachinaggio, esposizione di striscioni sui balconi di casa, ecc.- Quindi, la normativa diventa un nuovo fronte della guerra quotidiana contro l’immigrazione e i migranti. Infatti, sono loro che subiscono più di tutti l’applicazione di questo ordinamento.

La prossima estate a Barcellona è prevista l’apertura del CPT piú grande della Spagna.
La Verneda, il CPT già funzionante in città, è già stato ampiamente criticato da istituzioni internazionali per la difesa dei diritti umani e dai movimenti sociali. Il nuovo CPT, quindi, verrà presentato dal governo come una struttura nella quale i migranti avranno un “trattamento migliore”.

La carovana vuole essere un passo in avanti verso la costruzione e il rafforzamento dello spazio europeo per la libertà di movimento e per la chiusura dei CPT.
Si tratta anche di un nuovo passaggio dentro al percorso iniziato a Ceuta il novembre scorso, che ha un obiettivo principale: la contestazione delle politiche sull’imigrazione e l’aumento del numero di dispositivi di controllo ed espulsione delle comunità migranti dalle nostre città.

La carovana vuol connetere le diverse realtà di attivisti che l’anno scorso hanno messo in piedi la giornata europea per la libertà di movimento del 2 aprile con le realtà migranti autoorganizzate di Barcellona. Proponiamo Barcellona, quindi, come uno specchio nel quale si riflettono un insieme di dinamiche comuni in Europa. Noi vogliamo che questa convocazione abbia una forte risonanza e speriamo anche che abbia continuità in altre città.

Inoltre, quest’anno si sposta dallo Stretto di Gibilterra a Barcellona l’evento Fadaiat (http://www.fadaiat.net/) che è un azione-evento-laboratorio sui temi del diritto ai saperi e della libertà di movimento. Per una settimana sarà uno spazio di riflessione, di seminari, workshop e centro di media in connessione con la carovana.

Dal 23 al 25 giugno, riempiremo Barcellona di azioni, interventi sulle frontiere interne, assemblee pubbliche di precari migranti e precari autoctoni... e una grande manifestazione europea che girerà intorno quatro questioni principali:

- Regolarizzazione senza condizioni di tutti gli immigrati che ormai abitano in territorio europeo

- Libertà di movimento

- Chiusura dei cpt

- Fine dell’esternalizzazione del regime di frontiere.

Vi aspettiamo