/

Francia – Calais, violenze quotidiane della polizia contro gli immigrati

Il 23 maggio a Calais giornata di mobilitazione

Dal 2012 le violenze della Polizia sono regolarmente denunciate dalle associazioni umanitarie e dagli attivisti che intervengono in solidarietà e aiuto agli immigrati.

Le autorità contestano sistematicamente la realtà dei fatti: provocazioni, vessazioni, minacce, persecuzioni, botte, attacchi con manganelli e gas lacrimogeni. Mentre i tribunali competenti scaricano le responsabilità e rinviano le procedure da un ufficio all’altro.

Tutto prova che esiste una chiara volontà politica dietro queste violenze, tutti i ministri che si sono succeduti l’hanno coperta se non dato ordini per esercitarla.Nei due giorni successivi alla diffusione delle testimonianze video, non ci sono stati interventi di polizia, poi ancora botte e i lacrimogeni ma solo di notte. La polizia cerca di rendere meno visibili le operazioni di caccia.

Nello stesso tempo la macchina da guerra della comunicazione poliziesca viene lanciata: “assalto di massa” ai camion diretti al tunnel verso l’Inghilterra. I media locali drammatizzando il problema dell’ingorgo automobilistico e degli immigrati che vengono presentati come esseri che ‘infestano’ e devono essere allontanati.

La situazione è purtroppo banale. Gli immigrati passano la frontiera nascondendosi dentro o sotto i camion, quando c’è molto traffico sulla via di accesso al porto o al tunnel sotto la Manica, gli immigrati tentano di saltare o nascondersi sui mezzi gratuitamente perché, se va bene, non c’è bisogno di pagare il passaggio a qualche ‘passeur’.

Questo avviene regolarmente. Il messaggio dell'”assalto” degli immigrati che vogliono introdursi nei camion parte dalla Prefettura della provincia Pas-de-Calais che dichiara “inquietante” la ripetizione degli “attacchi” e l'”aggressività” degli immigrati. Si inverte la situazione e si mascherano e giustificano le violenze della polizia.

Il 23 maggio a Calais, la Coordination Internationale des Sans-Papiers et Migrants organizza una giornata di mobilitazione contro la repressione e sulle politiche immigratorie preceduta da azioni il 22 maggio.

Links utili:
Communiqué de la Coalition Internationale des Sans-Papiers, Migrants, Réfugiés et Demandeurs d’asile (CISPM): Journée Internationale d’action du vendredi 22 mai 2015
Contre les naufrages en Méditerranée : des ponts, pas des murs!
France: Les migrants et les demandeurs d’asile victimes de violence et démunis